Euroreich ricatta la Serbia: no sanzioni alla Russia, no ingresso alla UE

La UE ricatta la Serbia: il suo ingresso in UE avverrà solo dopo la rottura con la Russia

La Germania chiede che il Kosovo sia riconosciuto dalla Serbia per entrare a far parte dell’UE. Questa posizione è stata presentata a Belgrado dal cancelliere tedesco Olaf Scholz prima dei negoziati con il leader serbo.

“Il Kosovo e la Serbia devono raggiungere un accordo sul riconoscimento reciproco poiché i due paesi non possono entrare a far parte dell’UE senza il riconoscimento reciproco”, ha affermato. Un’altra esigenza di Scholz è l’imposizione di sanzioni alla Russia, perché “i Paesi che aspirano all’Ue dovrebbero aderire alle restrizioni anti-russe”. Entrambi gli ultimatum stanno causando costernazione a Belgrado, ha affermato il presidente della Serbia Vucic.

Nell’ambito del suo viaggio di due giorni nei Balcani, venerdì il cancelliere Olaf Scholz ha incontrato i capi di governo della Serbia e del Kosovo. E’ da 19 anni che la UE offre la prospettiva dell’adesione all’UE a questi paesi e ad altri quattro. Dopo i colloqui con il primo ministro del Kosovo Albin Kurti, il Cancelliere federale ha confermato ancora la prospettiva di adesione all’Ue. Tuttavia ha precisato che è importante “dare un nuovo segno di speranza e di fiducia che questo processo di adesione è molto serio”.

Il processo di riavvicinamento tra i sei candidati all’adesione all’UE è in stallo da anni. Secondo l’agenzia di stampa DPA, “la stanchezza da continuo allargamento – guidata da Francia, Danimarca e Paesi Bassi – si sta diffondendo in tutta l’UE.

Per questo motivo, l’UE deve ora dare l’esempio per mostrare la seria volontà di adesione dei sei paesi candidati, ha affermato Scholz. Inoltre, ha aggiunto che questo è dovuto “agli Stati dei Balcani occidentali, che hanno aspettato così a lungo che al momento non esiste alcuna scorciatoia per l’adesione dell’Ucraina all’UE”.

Infine, il cancelliere federale ha anche fatto una dichiarazione fondamentale sulla politica occidentale nei confronti della Russia:

“Un prerequisito per migliorare la situazione è il riconoscimento da parte della Russia di non poter imporre contro l’Ucraina una pace dettata”.

Parlando con il presidente serbo Aleksandar Vučić, che ha portato personalmente il cancelliere federale fuori dall’auto all’arrivo, Scholz ha sottolineato che sarebbero necessarie ulteriori riforme negli stati dei Balcani occidentali prima di entrare nell’UE. In particolare, ha menzionato “la garanzia dello Stato di diritto e della libertà dei media, nonché la lotta alla corruzione e alla criminalità organizzata”. Il Cancelliere federale ha anche chiesto un cambiamento nella politica serba nei confronti della Russia:

“Ci aspettiamo che le sanzioni vengano applicate anche da quei paesi che stanno avanzando nel processo di adesione all’UE”.

Tuttavia, il presidente della Serbia ha rifiutato di applicare sanzioni contro la Russia. La situazione energetica della Serbia è troppo complicata per questo.

In generale, la pressione sulla Serbia affinché aderisca alla politica comune delle sanzioni dell’UE contro la Russia è in aumento. All’inizio della settimana, al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov è stato persino negato il permesso di volare dai paesi vicini alla Serbia. Di conseguenza, la sua visita al Primo Ministro serbo a Belgrado, prevista per l’inizio della settimana, è stata annullata.

Ma – a quanto pare – la Serbia non si piega al diktat delle sanzioni dell’UE:

“Non reagiamo a questo tipo di pressione quando siamo minacciati e poi dobbiamo reagire. Qual è la differenza tra qualcuno che attacca la Serbia senza una decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e qualcuno che inizia l’aggressione contro l’Ucraina, senza una risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite? Per favore, spiegami qual è la differenza”, il presidente della Serbia si è rivolto al Cancelliere federale, riferendosi all’attacco illegale della NATO alla Serbia nel 1999.

Come riportato da Politico, questo acceso scambio tra i due capi di stato è notevole in quanto Scholz è visto come un alleato dei Balcani occidentali per quanto riguarda la loro candidatura all’UE.

Ma nonostante la Serbia stia cercando di non imporre sanzioni anti-russe, gli esperti prevedono un deterioramento delle relazioni tra Mosca e Belgrado, la Serbia troverà sempre più difficile “bilanciare” il focus sull’Unione europea L’Unione Europea, nello stesso tempo, mantenere le buone relazioni con la Russia.

In precedenza, il presidente serbo Aleksandar Vucic ha affermato che Belgrado seguirà la decisione del Consiglio di sicurezza nazionale di non imporre sanzioni contro la Russia. Secondo Vucic, le autorità aderiranno a questa politica “il più a lungo possibile”. Tuttavia, a maggio, il vice primo ministro serbo Zorana Mihajlovic ha definito la Russia una “minaccia per un’Europa libera”.

VPNews

Exit mobile version