Esportazione di dittatori: i nuovi dittatori passano molti anni negli USA a prepararsi e ad attendere le opportunità.

Pubblicità

di DAVID SWANSON – Counterpunch

Il governo americano ha poco credito per questo, non gli piace neanche vantarsene, ma dal 2017 ha fornito “aiuti” militari al 73% delle dittature del mondo  . Occasionalmente, gli Stati Uniti si rivolgono contro contro uno dei propri dittatori e scelgono quel momento per dire a tutti che sono loro che comandono, è successo così con Hussein, Noriega, Gheddafi, Assad. A volte perdono un dittatore che supportano per altri motivi: lo Scià dell’Iran, Hosni Mubarak.

Altre volte gli Stati Uniti impongono un dittatore statunitense a una colonia straniera: storicamente nelle Filippine, o ad Haiti, in Cile, o dopo la “liberazione” dell’Iraq. Più spesso lo seleziona e addestra, impone e sostiene un dittatore all’interno della popolazione di “nativi” o “selvaggi”. A volte un tale dittatore passa molti anni negli Stati Uniti a prepararsi e ad attendere le opportunità.

Quando ho saputo che Juan Guaido, laureato alla George Washington University di Washington, si era proclamato presidente del Venezuela, mi è stato ricordato che il suo collega GW (e Harvard e Princeton) si è laureato Syngman Rhee è stato portato in Corea del Sud dal governo degli Stati Uniti e messo a capo del governo locale, e dato il potere di commettere atrocità massicce – la più grande delle quali stava spingendo la penisola coreana in guerra. La George Washington University sembra  recluti studenti ‘promettenti’ di piccoli paesi lontani in cui successivamente hanno speranza di detenere il potere di vita e  morte sui ‘primitivi’.

Un esempio di tutto questo è Khalifa Haftar. Questo ragazzo viveva a Falls Church, in Virginia, dal 1990 al 2007, e a Vienna, in Virginia, fino al 2011. Se non vieni dalla contea di Fairfax, in Virginia, dovresti sapere che è normale rovesciare una pila di prigionieri musulmani nudi su il tetto della CIA a Langley, in Virginia, e poi che alcuni di loro venga prescelto per sbarcarlo  a Falls Church o Vienna. E’ il caso di Haftar: egli fu esportato in Libia più volte durante quegli anni in tentativi falliti di colpi di stato. Il suo ultimo tentativo è in corso da quando gli Stati Uniti lo hanno esportato nel 2011. Forse c’è un’area di esportazioni statunitensi oltre alle armi in aumento.

Haftar non è unico. L’area DC ospita un numero di dittatori in attesa meno noto di Mike Pence. C’è il principe ereditario Ahmad Shah Khan e vari altri membri della famiglia reale afghana. C’è il principe ereditario iraniano Reza Pahlavi, figlio dell’ultimo dittatore che gli Stati Uniti hanno imposto all’Iran dal 1953 al 1979. Pahlavi vive a Potomac, nel Maryland, (oltre il fiume da Langley) e  sostiene apertamente il  rovesciamento del governo iraniano ( perché il 1953 ha funzionato così bene?) o, come afferma il  Washington Post  , “gestisce un’associazione di advocacy che parla apertamente del bisogno di democrazia nel suo paese d’origine”.

Ora, chiamami pazzo, ma mi piacerebbe lasciare che sia il popolo dell’Iran a gestire il proprio paese, libero da sanzioni, bugie e minacce. Ma l’industria dell’export di dittatori non mi sembra del tutto priva di valore. Sicuramente ci deve essere un posto in cui, nonostante il suo travagliato apprendistato, ora possiamo esportare Donald Trump.

David Swanson  vuole che tu dichiari la pace suhttp://WorldBeyondWar.org   Il suo nuovo libro è  War No More: The Case for Abolition .