La guerra al terrore è fallita: non sarebbe ora di formulare i primi ‘perchè’?

Pubblicità
Come dimostrato nel seguente articolo pubblicato sul blog ” viableopposition”, le statistiche del rapporto del Global Terrorism Index 2018 mostrano che la Guerra al Terrore è stata un fallimento colossale. La guerra al terrore è stata la guerra a un’intera civiltà. L’associazione / sostituzione della parola ‘terrorismo’ era rivolta al solo consumo pubblico.
È una strategia semplice che fa apparire gli aggressori come i bravi ragazzi che sono lì per difendersi o sono lì per i valori che detengono.Vincere il ‘terrore’ nei casi della guerra contro l’Iraq e la Siria è significato cercare di rovesciare un governo, destabilizzare un’economia e dividere una popolazione, lasciando poi il paese ‘attenzionato’ nel caos.
Non è un fallimento della politica estera per gli Stati Uniti. Questa modo di fare politica funziona esattamente come previsto. Tutti i discorsi successivi, in cui si afferma che ci sono state “cattive informazioni” o “errori” o “errori di calcolo”, sono idiozie complete. Sanno cosa stanno facendo. Se non lo facessero, non lo farebbero più e non più volte più volte nello stesso modo.
Con i recenti attacchi in Nuova Zelanda e la rcente diffusione di dati sul terrorismo globale da parte dell’Istituto per l’Economia e la Pace, ho pensato che sarebbe stato prudente guardare come il terrorismo ha un impatto sul globo.
Nel rapporto del Global Terrorism Index 2018 , l’IEP riassume le tendenze e i grafici globali del terrorismo nel corso dei decenni dal 1998 alla fine del 2017 (l’ultimo anno per cui i dati sono disponibili) dai dati raccolti e raccolti dal Consorzio nazionale per lo studio di terrorismo e risposte al terrorismo o START presso l’Università del Maryland. Il database di START includeva oltre 170.000 incidenti terroristici che si sono verificati nel periodo compreso tra il 1970 e il 2017.   
Il Global Terrorism Index definisce il terrorismo come:
” L’uso minacciato o effettivo della forza e della violenza illegali da parte di un attore non statale per raggiungere un obiettivo politico, economico, religioso o sociale attraverso la paura, la coercizione o l’intimidazione ” .
Gli attentati terroristici devono soddisfare tre criteri:
1.) L’attentato deve essere intenzionale.
2.)L’attentato deve comportare un certo livello di violenza o minaccia di violenza.
3.) I perpetratori degli attentati  non devono far parte del terrorismo di stato.
Iniziamo con questa mappa di START che mostra 45 anni di terrorismo in tutto il mondo: 

Come potete vedere, la preponderanza degli attacchi terroristici negli ultimi quattro anni e mezzo si è verificata nelle regioni in via di sviluppo con alcune eccezioni tra cui l’Irlanda del Nord (The Troubles) e il Regno Unito (ancora una volta, in relazione al suo coinvolgimento nei problemi dell’Irlanda del Nord) .
Passiamo ai dati più recenti.  Ecco  una mappa che mostra gli attacchi terroristici globali durante il 2017 (l’ultimo anno per il quale è disponibile un database completo):
Ancora una volta,  si nota che il terrorismo è diffuso in tutto il Medio Oriente, l’Afghanistan, il Pakistan e alcune parti dell’Africa, come mostrato su questa mappa:

… e le Filippine come mostrato su questa mappa:

E’ facile notare sono pochissimi gli attacchi in Nord America o in Europa, due regioni del mondo che hanno guidato la guerra globale al terrore:

La seguente tabella mostra una classifica delle nazioni suddivise a secondo dell’impatto del terrorismo : quelle  rosso scuro mostrano un impatto molto alto del terrorismo ; quelle in  verde chiaro  non mostrano alcun impatto del terrorismo:

Nel 2017, le morti per terrorismo globale sono diminuite per il terzo anno consecutivo dopo il picco nel 2014. Il numero totale di morti è diminuito del 27% su base annua tra il 2016 e il 2017 con 18.814 decessi legati al terrorismo nel 2017. Questo può essere attribuito, in gran parte, al declino dell’ISIS che ha provocato 3.814 decessi in meno in Iraq (passando da 7.368 a 3.554 decessi) e 1.000 morti in meno in Siria. Nel complesso, anche se l’ISIS è rimasto il gruppo terroristico più letale nel 2017, i decessi attribuiti al gruppo sono diminuiti del 52% su base annua. Dall’altro lato del libro mastro, l’Egitto e la Somalia hanno avuto i maggiori aumenti delle morti legate al terrorismo, in aumento del 123% e del 93% rispettivamente. Il più mortale attacco terroristico singolo del 2017 ha avuto luogo in Egitto;L’attacco di Al-Shabaab in Somalia nell’ottobre 2017 ha ucciso 588 persone.
Diamo ora un’occhiata alle recenti tendenze del terrorismo desunte dai dati del 2017:
1.) Le morti legate al terrorismo sono in calo del 44% dal loro picco nel 2014 su base globale, tuttavia, nel 2017, il 99% di tutte le morti per terrorismo si è verificato in nazioni coinvolte in un conflitto violento o in nazioni che hanno un alto livello di terrore politico.
2.) La letalità degli attacchi terroristici è diminuita negli ultimi tre anni, con il 22% degli attacchi che non hanno avuto successo nel 2017 rispetto al 12% del 2014, grazie soprattutto al declino della capacità dello Stato Islamico di lanciare e finanziare attacchi.
3.) Oltre il 99% delle morti per terrorismo si verifica in nazioni coinvolte in un conflitto violento tra cui Afghanistan, Iraq, Somalia e Siria.
4.) Nell’Europa occidentale, i decessi sono scesi da 168 nel 2016 a 81 nel 2017, un calo del 52%. Nonostante il calo delle morti, il numero di incidenti legati al terrorismo è aumentato.
5.) Si prevede che il numero di combattenti stranieri di ritorno aumenterà nei prossimi anni in quanto si stima che 40.000 combattenti stranieri che si sono uniti allo Stato islamico siano tornati in Europa e in altre nazioni.
Un aspetto significativo rilevato dagli autori della relazione è che il terrorismo di estrema destra è sempre più preoccupato per il numero di decessi associati a gruppi di estrema destra e individui che aumentano da 3 nel 2014 a 17 nel 2017.
Ecco un grafico che mostra le dieci nazioni che rappresentavano l’82% delle morti del terrorismo nel 2017:

Torniamo indietro e guardiamo l’impatto a lungo termine del terrorismo globale. Ecco le morti totali legate al terrorismo dal 2001 per le dieci nazioni più colpite dal terrorismo:
1.) Iraq – 65.519 morti
2.) Afghanistan – 31.965 morti
3.) Nigeria – 20.375 morti
4.) Siria – 9.574 morti
5.) Pakistan – 16.773 morti
6.) Somalia – 5.956 morti
7.) India – 8.123 morti
8.) Yemen – 4.633 morti
9.) Egitto – 2.215 morti
10.) Filippine – 2.869 morti
Il seguente grafico  mostra il numero di morti e attacchi terroristici nel mondo tra il 2002 e il 2017:

Anche con includendo i morti dell ’11 settembre 2001 a New York , è abbastanza chiaro che il Nord America è stato relativamente immune al terrorismo.

Credo che a questo punto ci siano sufficienti informazioni per fare il punto. I dati dell’ultima edizione dell’Indice di Terrorismo Globale mostrano che, anche se l’impatto del terrorismo è diminuito negli ultimi tre anni, la Guerra al Terrore è stata incredibilmente fallimentare, in particolare nelle regioni in cui gli Stati Uniti sono intervenuti per rovesciare e plasmare i governi dal 2001. Le centomila persone che sono morte in Iraq e in Afghanistan a causa di attività terroristiche sarebbero certamente d’accordo sul fatto che le migliaia di miliardi di dollari che sono stati spesi per la guerra al terrorismo hanno fatto ben poco per rimuovere lo spettro di attività terroristiche dalle loro case, città e nazioni .

Fonte “viableopposition” (https://viableopposition.blogspot.com/2019/03/global-terrorism-and-failure-of-war-on.html)