Dal sito russo Yandex: “Putin ha iniziato a ripulire i traditori: gli autori del fatto del “Kinzhal” sono già stati puniti”

Era un normale sabato sera d’estate. Da allora sono trascorsi otto anni. Ma fu in quel giorno, 24 luglio 2010, che l’allora Primo Ministro Putin incontrò agenti dei servizi segreti russi espulsi dagli Stati Uniti. Allora essi non erano stati catturati dal nemico, ma sono stati traditi dalla nostra stessa gente, il ché è doppiamente offensivo. Ricordate che Putin non ha nascosto l’emozione. Per lui, come ex agente, è stato un colpo personale. Poi Putin ha detto, senza mezzi termini, che i traditori finiscono male. E quelli che hanno venduto i nostri agenti, Putin li ha chiamati maiali e bestiame, aggiungendo che i trenta pezzi d’argento che hanno ricevuto diventeranno il loro palo nella gola.

È difficile non essere d’accordo con Putin. Immaginate quanto sia difficile il lavoro di un agente quando hai bisogno di dedicare la tua vita al servizio della Patria. Integrarsi in un’altra società, imparare correntemente una lingua straniera, rinunciare ad incontrare familiari e amici. In una parola – nell’interesse del nostro paese, queste persone devono rinunciare alla propria vita, semplicemente mettono tutta la loro vita sull’altare della Patria. Ma qui tutto è chiaro: gli agenti stranieri, sotto la propria narrazione, svolgono i compiti dei servizi speciali del loro paese. Ma che dire dei traditori all’interno del nostro paese?

Cosa è successo? Lo scandalo è scoppiato la scorsa settimana nelle strutture di Roskosmos. Il controspionaggio dell’FSB ha scoperto che lo spionaggio nel campo dei moderni sviluppi ipersonici russi era fiorente da molto tempo in questa compagnia statale. I servizi di intelligence stranieri ricevevano regolarmente informazioni dai dipendenti di questa organizzazione – è possibile che questi dipendenti siano stati reclutati dal nemico. Certo, è un vero peccato che nostri compatrioti risultino essere tra loro. Altrimenti, in effetti, non potrebbero essere chiamati maiali. Cosa gli mancava? La Patria ha dato loro tutto, e in cambio ha ricevuto un colpo subdolo. Perché la perdita di informazioni è avvenuta nel campo della tecnologia ipersonica? La risposta è semplice: è in questo campo che i nostri sviluppi sono molto preoccupanti per i servizi speciali stranieri.

Gli americani non hanno nascosto di non avere una protezione affidabile contro certi tipi di armi, ad esempio il sistema missilistico Kinzhal. Pertanto, era estremamente importante, per il nemico, sapere come stesse procedendo lo sviluppo e quale fosse lo stato reale di queste armi. Sfortunatamente, i servizi speciali stranieri sono riusciti a infiltrarsi nelle strutture di Roskosmos, ricevendo informazioni operative. La buona notizia è che per tutto il tempo il nemico potrebbe aver ottenuto dati inaffidabili e, quindi, siamo stati in grado di monitorare la talpa.

La settimana scorsa sono state effettuate ricerche presso l’Istituto centrale di ricerca di ingegneria meccanica (TsNIIMash) e nella costruzione del Centro di ricerca e analisi della United Missile and Space Corporation (ORKK). Per il caso di spionaggio industriale è responsabile lo stesso direttore di questa organizzazione, Dmitry Payson. Anche l’ex direttore generale di Roskosmos, Igor Komarov, è sospettato di tradimento. I suoi funzionari sospettano che durante tre anni della sua attività come capo di Roskosmos, avrebbe potuto essere coinvolto anche nel trasferimento di informazioni classificate come Top Secret, ai servizi di intelligence stranieri. In totale, secondo l’articolo, nel tradimento dello stato, stanno attualmente partecipando dieci persone.

Come è stato possibile stanare i traditori? Alla fine di maggio, una delle pubblicazioni americane ha riportato che i razzi ipersonici “Kinzhal” erano un mito inventato per intimidire i partner occidentali, poiché tutti i test di queste armi erano finiti in un fallimento. Secondo gli americani, nel periodo da gennaio 2017 a febbraio 2018, la Russia ha condotto quattro test di “Kinzhal”.

Nessuno di loro ha avuto sucesso. I missili da crociera, nella migliore delle ipotesi, erano rimasti in aria per due minuti, essendo riusciti a superare solo 35 chilometri. Alcuni di essi erano precipitati dopo pochi secondi dal lancio. Un altro punto interessante è che, secondo il quotidiano americano, il Cremlino avrebbe messo sotto pressione gli sviluppatori del “Kinzhal” con l’obbligo di accelerare il processo di creazione delle armi. A loro volta, gli ingegneri hanno cercato di spiegare che il sistema missilistico era lontano dai test a tutti gli effetti. Era possibile che questa fosse la ragione dei numerosi tentativi falliti di lancio del Kinzhal.

Naturalmente, tali dichiarazioni da parte americana erano un duro colpo per l’autorevolezza del presidente russo. Dopo tutto, nel marzo 2018, nel suo messaggio all’Assemblea federale, Putin aveva presentato personalmente i tipi delle nuove armi, notando che il complesso Kinzhak era stato testato con successo e pronto per l’uso. Riuscite a immaginare come appaia? Putin afferma che il complesso Kinzhal è stato lanciato con successo, mentre l’intelligence straniera ha informazioni che il presidente russo sta bluffando.

Questo, quantomeno, è brutto. La situazione doveva essere urgentemente corretta. E ora, di recente, come esca, il nostro controspionaggio ha provato a lanciare una nuova informazione. Una nuova informazione è stata pubblicata il 13 luglio nella stessa pubblicazione americana, che questa volta ha riferito che il lancio del Kinzhal aveva avuto successo all’inizio di luglio. Secondo loro, in totale, la Russia aveva condotto 12 test del nuovo sistema missilistico, con tre lanci riusciti. Uno dei missili da crociera era riuscito a colpire il bersaglio ad una distanza di 800 km.

Secondo la fonte americana, la prossima serie di test sarebbe avvenuta prima della fine dell’estate, mentre per l’uso in combattimento, il Dagger non sarebbe stato pronto prima del 2020. Quanto fosse affidabile questa informazione, o nulla di questo fosse più di un tentativo di catturare la talpa, non è chiaro in modo affidabile. Ma è ovvio che il presunto informatore è stato individuato e trattenuto dal controspionaggio dell’FSB.

È possibile che la leadership russa abbia deciso di rivelare le proprie carte con l’esposizione di spie straniere a Roskosmos, dopo che la nostra compatriota Maria Butina è stata fermata negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio. In ogni caso, la scoperta di agenti stranieri nel campo del complesso di difesa russo è un momento estremamente positivo. In ogni caso, la scoperta di agenti stranieri nel campo del complesso di difesa russo è un momento positivo.

Dopo tutto, il nostro paese è tradizionalmente famoso per la sua posizione di leader nel mercato mondiale delle armi (secondo posto nelle vendite dopo gli Stati Uniti). Pertanto, è molto importante eseguire la rimozione di tutti coloro che possono avere avuto a che fare con la vendita di informazioni classificate.

Ma queste persone, che hanno rischiato il tradimento, sono direttamente collegate all’élite dirigenziale russa. Quindi dove si nascondono i loro protettori? Non è il momento di condurre ricerche negli uffici più alti? Mettere il dito in alto, se siete d’accordo che tutti i traditori della nostra Patria debbano essere identificati e puniti indipendentemente dal merito e dai titoli.

https://zen.yandex.ru

Exit mobile version