Cosa c’è al fondo della psicosi da coronavirus alimentata dai governi?

foto free Pexel

Dopo aver sentito sulla propria pelle l’intera profondità del marasma dello stato attuale con l’annesso arresto dell’economia, lo stop drastico dei trasporti, la disoccupazione e tutto il resto, si comincia a capire che non tutte le assurdità propinate – che si nascondono con la necessità di preservarci dal coronavirus –  possono essere giustificate dalla lotta al virus.

C’è chi, invece preoccuparsi di non diffondere ulteriormente il panico, lo intensifica deliberatamente. La gente vede che esiste  ‘unanimità di intenti’.

La domanda più naturale è allora, PERCHÉ? A chi giova tutto questo?

In altri termini, visto che è da due mesi che il virus in tutto il mondo è decantato ed ha perso la sua virulenza in maniera unanimemente riconosciuta (lo dice anche il nostro ministero della Sanità), a che giova tutto questo?

A prescindere di come quello che vi dirò vi potrà meravigliare , le cose stanno così: purtroppo nella politica economica che ha preso piede in tutto il mondo due motivi sono i motivi come base e movente delle decisioni: se una cosa è redditizia o se una cosa non è redditizia.

Non è detto che questo sia ineluttabile, esiste anche una economia umanistica e ci sono movimenti vivi (e pur sempre la Provvidenza è la forza che può rivoluzionare tutto ed infrangere ogni tipo di potere) ma attualmente i governi sono stati penetrati gradualmente dalle banche, dalla grande finanza d’affari, fondazioni e Think Thank, e questo è sempre più vero. 

Ora se certe azioni sono coordinate su larga scala, dovete pensare che vuol dire che c’è un grande vantaggio dietro di esse. Ciò vuol dire che la crisi non è un momento ideale per te e per me , ma è  il momento ideale per ottenere benefici e crescita negli ambiti che contano, cioè negli ambiti che detengono la ricchezza mondiale (virtuale ma reale), e dietro il manicomio globale che stiamo vedendo oggi non c’è solo un grande vantaggio, ma un vantaggio semplicemente colossale.

Principalmente i soldi nel mondo non si fanno con il petrolio, non con le armi, non con la droga e tanto meno con la produzione di beni e servizi. I soldi principali sono fatti con la speculazione azionaria. Questo è sotto gli occhi di tutti , basta guardare che quasi tutti i personaggi che occupano primi posti nella classifica di Forbes non hanno fatto i soldi con il lavoro ma con la finanza.
A proposito,  se vedete i dati nel link a Forbes, vi rendete conto di quanto sono enormi i guadagni fatti dagli stessi, in ‘periodo di coronavirus’ .

La speculazione finanziaria è il modo più efficace per far crescere i soldi

E questa è solo la punta dell’iceberg, dal momento che la ricchezza personale di quelle persone non è paragonabile al volume delle attività che controllano. Ad esempio, la fortuna di Warren Buffett si aggira intorno ai 70 miliardi di dollari, mentre sotto il suo controllo ci sono beni per un valore di 552 miliardi di dollari.

Questo vuol dire che queste persone controllando tali quantità di denaro, e questo vuol dire che possono influenzare in modo significativo il mercato, non solo attraverso l’immissione e l’acquisto di grandi volumi di titoli, ma anche attraverso l’agenda delle notizie. A loro volta, le notizie possono influenzare notevolmente il commercio, ad esempio lo scandalo di Cambridge Analytica è costato a Zuckerberg 6 miliardi di dollari dopo un calo del 7% delle azioni. Questo è il motivo per cui ogni operatore di borsa ha sul tavolo una TV collegata ad un canale di notizie 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

La speculazione finanziaria si basa sulle notizie , ma queste possono essere create ed orientate

Oggi per questi scopi viene assegnato ad ogni operatore di borsa un monitor o un tablet separato. Pertanto, manipolando l’agenda delle notizie, si possono manipolare gli indici azionari, facendo soldi sia sulla crescita che sulla loro caduta. Quindi i 6 miliardi di dollari che Zuckerberg ha perso non sono scomparsi nel nulla, sono semplicemente sono passati nelle tasche di chi ha giocato a breve.

Se sai in anticipo quando e quanto in profondità affonderà il mercato, puoi guadagnare somme di denaro enormi. Il resto è una questione di tecnica, possibile soprattutto quando hai in tasca i media più grandi del mondo. Il loro lavoro coordinato in due settimane ha seminato un tale panico tra la popolazione mondiale che le persone stesse hanno chiesto alle autorità di fermare l’economia e di imporre urgentemente il lockdown. Di conseguenza, si è registrato un forte calo senza precedenti della produzione e dei consumi. Questo ha fatto scendere gli indici a una tale velocità che molte borse hanno interrotto le negoziazioni per diversi giorni consecutivi pochi minuti dopo l’apertura della sessione . Durante quel periodo, in una settimana, l’indice azionario S&P 500, che tiene conto della capitalizzazione delle 500 maggiori società americane, è sceso del 12,5% – in termini di denaro, si tratta di $ 3,5 trilioni. In tutto il mondo, le perdite economiche per psicosi da coronavirus sono stimate in 7 trilioni di dollari. Ma il denaro non scompare da nessuna parte, questo significa che qualcuno quella massa di denaro l’ha messa in tasca.

Stati

Per molti paesi, l’isteria globale è un’ottima opportunità per risolvere una serie di problemi che non sarebbe possibile risolvere in condizioni normali. La crisi più profonda consentirà ai grandi stati di rafforzare ulteriormente il loro potere e la loro influenza sul pianeta. Il principio “mentre il grasso si asciuga, quello magro muore” significa: se paesi come gli Stati Uniti, la Cina o la Germania minacciano 2-3 mesi di inattività con un calo grave ma tollerabile dell’economia, allora per i paesi più poveri ciò corrisponderà ad un completo collasso. Indovinate a chi correranno per chiedere aiuto finanziario quando la popolazione inizierà a organizzare rivolte per il cibo? La domanda è retorica.

Inoltre, per quasi tutti gli stati, la psicosi è un’ottima opportunità per cancellare tutti i problemi creati della crisi. Il paese è in default, la disoccupazione, il collasso del sistema medico e le piccole imprese? Non è colpa nostra: è tutta del virus!

Esiti

Psicosi mondiale obbligatoria e una pausa nell’economia ha chiare conseguenze: le proprietà della ricchezza passa da una parte all’altra. Dopodiché il denaro per riprendere si dovrà chiedere a chi ha i soldi. La sfumatura principale che devi sapere su qualsiasi fondo di aiuto finanziario è che chi lo concede, lo concede solo a condizioni chiare.

In un mese e mezzo o due mesi nel regime dei Gulag, tutte le piccole, medie e molte grandi imprese (come le compagnie aeree) saranno rovinate. Potranno essere acquistate per molto poco. Le più grandi società che sopravviveranno alla crisi in modo relativamente indolore e le società dei paesi ricchi che sono sopravvissute grazie ai sussidi governativi, aspetteranno e assorbiranno tutti coloro che non sono sopravvissuti alla coron-psicosi.

Conclusione

In conclusione, non sappiamo nulla del virus e della sua origine ma sappiamo bene come una emergenza può essere sostenuta, cavalcata ed addirittura creata per altri scopi. Qui non si tratta di essere negazionisti del virus ma di andare oltre. Partire da altri punti, evidenze e fatti. Dati che sono sotto gli occhi di tutti e che dimostrano una pura e semplice verità. Attrezziamoci quindi a salire un po’ più sul monte ed ad allargare l’orizzonte per notare i moventi di tutto questo ed approfondire la realtà. Concentrandoci  sulle notizie che ci vengono proposte dai media mainstream – ovvero “Berlusconi ricoverato”, il covid di Briatore in prime time , scorni e dispute tra politici – , tutto sarà più difficile e saremo immobili nella comprensione più profonda.

Bene , detto questo, possiamo parlare anche del virus.

@vietatoparlare

Exit mobile version