Contrattacco dell’ISIS a Baguz Fukani: centinaia di donne e bambini all’assalto – ucciso un italiano

Ieri in Siria, lo ” Stato islamico ” probabilmente ha lanciato il suo ultimo contrattacco nella valle dell’Eufrate. Al fine di riprendere il territorio perso a Baguz Fukani, i leader dell’ auto-proclamato  Califfato ha mandato a combattere donne e bambini .

Pubblicità

L’offensiva è iniziata sul fianco settentrionale del campo profughi. Per rafforzare il gruppo attaccante, i terroristi hanno lanciato nella mischia un centinaio di donne e minori .

Nonostante le grandi perdite, l’ISIS è comunque riuscito a raggiungere un certo successo. Secondo il servizio stampa delle Forze Democratiche Siriane ( SDF ), le unità della coalizione hanno dovuto ritirarsi da alcune aree precedentemente catturate, perdendo sei soldati durante la battaglia.

Nel corso del contrattacco ucciso anche un volontario italiano, Lorenzo Orsetti, che combatteva con i curdi contro i terroristi dell’ISIS.

Nel tentativo di giustificare la propria sconfitta, la milizia Curda afferma che durante la battaglia ha visto un gran numero di donne e bambini armati di mitragliatrici e vestiti con uniformi mimetiche che hanno disperatamente contrattaccato, a prescindere dalle perdite. I combattenti della SDF  si sono trovati confusi, e  l’incertezza di sparare a donne e minori -insieme al fatto che il campo di battaglia era il campo profughi – è stata fatale, infatti sono stati costretti a ritirarsi.

Tuttavia, il successo di ieri dell’ISIS è stato solo temporaneo, poiché nelle prossime ore l’aviazione americana ha lanciato una serie di attacchi aerei nel campo di Baguz Fukani. Questa volta l’assalto dell’esercito americano non si è fermato per la presenza di  ‘civili’.

Come si vede in questo video, i terroristi hanno usato il campo profughi per disorientare le forze curde :

Recentemente, si susseguono  rapporti secondo cui i terroristi hanno iniziato a usare donne e bambini in prima linea per proteggere le loro ultime posizioni nella valle dell’Eufrate.

Pubblicità

Il 15 marzo, sempre a Baguz Fukani, tre kamikaze dell’ISIS che indossavano abiti femminili si sono fatti esplodere in una folla di militanti e civili arresi. Il centro stampa delle Forze Democratiche Siriane (SDF) ha riferito che sei persone sono morte a causa dell’attacco e molte sono rimaste ferite, tra cui tre soldati della SDF.

Attualmente, le ” Forze Democratiche Siriane ” ( SDF ), con il supporto della coalizione internazionale, hanno ripreso completamente il controllo del campo profughi, situato vicino al villaggio. Baguz Fukani. Nello stesso tempo dopo i bombardamenti USA, secondo alcune fonti non ufficiali l’enclave dell’ISIS nella valle dell’Eufrate ha cessato di esistere. Secondo altre, il territorio controllato dall’ISIS sarebbe stato ridotto a 300 metri quadrati.

Secondo alcuni rapporti diffusi sui social, durante l’ultima battaglia con i terroristi, quattro militari americani sono stati uccisi. Tuttavia, questa informazione non è confermata.

fonti: agenzie, media, social, canale twitter