Bisogna distinguere il coronavirus Sars-Cov-2 dal Covid 19

SARS-CoV-2 è il virus , mentre il Covid 19 è la sindrome acuta respiratoria, traetene voi le conclusioni

Bisogna distinguere il coronavirus Sars-Cov-2 dal Covid 19 3

foto Pixabay License Free for commercial use No attribution required

Il problema del panico diffuso dai media di tutto il mondo non è la situazione reale con l’epidemia di coronavirus, ma le peculiarità della presentazione del materiale da parte della maggior parte dei media. Le persone vedono numeri e grafici in crescita, ma non capiscono cosa significano, si spaventano e cadono in preda all’ansia. Esaminiamo i principali tipi di manipolazione che distorcono la percezione della realtà

Per non farti prendere dal panico sui titoli delle notizie, dovreste sempre guardare la fonte e analizzare ciò che è scritto effettivamente in essa. Ad esempio, nei titoli dei media vediamo la notizia: il numero di contagiati nel paese X è raddoppiato in tre giorni.

Ed ecco come l’uomo medio capisce questa notizia… è ovvio: “Il virus si moltiplica a una velocità enorme,  moriremo tutti!”

In effetti, questa cifra non dice nulla sulla situazione effettiva. Tutto ciò che mostra è il numero di test positivi per il coronavirus tra quelli che sono stati testati. I test oggi vengono effettuati principalmente da pazienti critici ricoverati in ospedale e da persone con cui sono stati in contatto nelle ultime due settimane (i cosiddetti contatti di primo e secondo livello). Più test vengono eseguiti, più vengono rilevati gli infetti.
È anche importante capire che una persona infetta è una persona malata ma la stragrande maggioranza dei portatori del virus (secondo varie fonti dal 50% all’80%) non presenta alcun sintomo della malattia, cioè non ha il COVID-19, mentre è portatore del coronavirus SARS-CoV-2.

Ciò vuol dire che gli asintomatici non hanno il Covid 19 ma la Sars-Cov-2. Mi spiego meglio: SARS-CoV-2 è la malattia mentre il Covid 19 sono l’insieme delle manifestazione associate alla malattie, principalmente insufficienza respiratoria.

Per quanto questo vi possa sembrare strano, basta che leggete una fonte medica per veder confermato questo.

Potete vedere tutto questo nel sito del Ministero della Salute, così:


SARS-CoV-2 è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente identificato nell’uomo. Covid 19 sono le manifestazioni di SARS-CoV-2 , principalmente difficoltà respiratorie.

Sì avete capito bene: ciò che significa che i contagi di chi non ha sintomi si riferiscono SARS-CoV-2 ma non hanno le manifestazioni di Covid 19.

Vediamo cosa dice in proposito il manuale medico MSD (Mdsmanuals.com):

I coronavirus sono virus a RNA con capsula che causano malattie respiratorie di gravità variabile dal raffreddore comune alla polmonite fatale.

Numerosi coronavirus, scoperti per la prima volta nel pollame domestico negli anni ’30, causano malattie respiratorie, gastrointestinali, epatiche e neurologiche negli animali. Solo 7 coronavirus sono noti per causare malattie negli esseri umani.

Quattro dei 7 coronavirus negli esseri umani in genere si manifestano con i sintomi del raffreddore comune. I coronavirus 229E e OC43 causano il raffreddore comune; i sierotipi NL63 e HUK1 sono stati associati al raffreddore comune. Raramente, possono verificarsi gravi infezioni delle basse vie respiratorie, compresa una polmonite, soprattutto nei lattanti, negli anziani e nelle persone immunocompromesse.

Tre dei 7 coronavirus causano infezioni respiratorie molto più gravi, e talvolta fatali, nell’uomo rispetto ad altri coronavirus e hanno causato gravi focolai di polmonite mortale nel XXI secolo:

 

  • Il SARS-CoV2 è un nuovo coronavirus identificato come la causa della malattia da coronavirus nel 2019 (COVID-19) che ha iniziato a Wuhan, in Cina, alla fine del 2019 e si è diffuso in tutto il mondo.
  • Il coronavirus MERS-CoV è stato identificato nel 2012 come la causa della sindrome respiratoria del Medio Oriente (Middle East respiratory syndrome [MERS]). 
  • Il SARS-CoV identificato nel 2003 come la causa di un focolaio di sindrome respiratoria acuta grave che è iniziato in Cina verso la fine del 2002.

Questi coronavirus che causano gravi infezioni respiratorie sono patogeni zoonotici, che iniziano negli animali infetti e vengono trasmessi dagli animali alle persone. Il SARS-CoV2 ha una capacità di trasmissione significativa da persona a persona.

Detto questo, esiste un’altra imprecisione: tutti coloro che, al momento del decesso, hanno avuto un test che ha rivelato la presenza di un virus nel corpo, sono registrati nelle “vittime” del coronavirus. Se un malato di cancro al quarto stadio muore con un’infezione da coronavirus – entra nelle statistiche, se una persona è morta sotto le ruote di un camion e il test ha mostrato la presenza di un virus nel suo corpo – entra nelle statistiche. Ecco perché le fonti primarie descrivono morti con il virus, non a causa del virus.

Questo è abbastanza chiaro, ma tutto questo è molto contestato sopratutto dalla politica.

In realtà, i media utilizzano la stessa manipolazione già descritta all’inizio. Il numero di casi confermati viene preso e diviso per il numero di morti con SARS-CoV-2 nel corpo. Considerando che testano principalmente pazienti ricoverati in gravi condizioni, e quelli che sono morti con il coronavirus e quelli che sono morti per coronavirus non sono la stessa cosa, questa è una totale assurdità.

Ovviamente questa è solo una precisazione. Il virus è pericoloso, nello stesso tempo bisogna sapere bene i meccanismi di azione effettivi, la sua evoluzione e a  cosa si va effettivamente incontro.

@vietatoparlare

 

Exit mobile version