BIELORUSSIA – Da un blogger di Minsk una spiegazione più credibile di quelle ripetuteci a tambur battente dai nostri media

Non importa dove una rivolta accade (medioriente, bielorussia, Ucraina), i nostri media ci rifilano sempre la rivoluzione di popolo, attraverso le stesse parole, la stessa narrativa . Ma un popolo non educato alla libertà cosa farà se non prestarsi ad una dittatura più subdola?

BIELORUSSIA - Da un blogger di Minsk una spiegazione più credibile di quelle ripetuteci a tambur battente dai nostri media 1

[su_spacer]Riporto di seguito, l’interessante spiegazione di un blogger di Minsk circa gli eventi che stanno percuotendo la Bielorussia.

E’ interessante perchè il blogger non si concentra tanto sulla opposizione ad una cifra percentuale, ma piuttosto sull’opera di propaganda effettuata dalla Polonia sul web e, nello specifico, sul canale social telegram NEXTA .

Basta questo per fare una rivoluzione? Sì, se si intersecano vari fattori coordinati.

Una cosa così è sufficiente per calamitare migliaia di persone? Sì, se date loro contenuti sparisce, no se la protesta rispecchia un malumore e nel malumore stesso finisce la protesta. “Tutti vogliono cambiamenti ma nessuno sa quali cambiamenti e come ottenerli”.

Naturalmente ho cercato riscontri, prima di riproporvi questo giudizio. Li ho trovati in quantità, su Forbes per esempio e comunque ci sono in giro interviste riscontri, video.

Uno dei pilastri della protesta è stato veramente il canale Telegram Nexta con un pubblico di 2 milioni di abbonati? Sì. Ricordate le sardine? O i gilet gialli. Certo anche ci vogliono anche soldi, e lavorio dietro le quinte. Ma poi i social, le nuove tecniche. Una massa di persone che compare e scompare, fanno la differenza.

E Lukashenko? Digitale 1.0 vecchio tipo.

E questi ragazzi hanno fatto tutto da soli? Chi c’è dietro? Beh, non mi interessa.

La novità è che i nostri media non ve l’hanno raccontato così la storia. Io arrivo per oggi fin qui. A voi le domande. Queste sono importanti. Se non avete le domande ogni spiegazione non conta. E si fa numero per una causa persa o una causa d’altri su Nexta o affini.

patrizioricci by @vietatoparlare

[su_divider divider_color=”#5f5d6e”]

Anatomia della rivoluzione bielorussa sui social

Per il nono giorno, le proteste non sono diminuite in Bielorussia, decine di migliaia di persone percorrono le strade a frotte e scioperano nelle fabbriche. Tutti hanno una cosa in comune: vogliono cambiamenti, anche se non sanno quali e come ottenerli. L’unica richiesta dei manifestanti oggi è il rovesciamento del presidente Lukashenko. Qui comincia e qui finisce l’orizzonte della protesta bielorussa, non c’è nessun politico che possa sostituire Lukashenko che abbia il necessario appoggio popolare e non c’è un programma d’azione nella ipotesi che la cd rivoluzione avesse successo.

Intanto continua la guerra dell’informazione su vasta scala contro le attuali autorità bielorusse, non ho trovato informazioni affidabili su ciò che sta realmente accadendo in nessun media. Probabilmente succede ciò che succede ovunque in caso di proteste. Senza eccezioni, tutte le fonti scrivono di una protesta pacifica, della volontà di libertà del popolo bielorusso, di irragionevoli pestaggi di bambini e di un’aggressione immotivata delle forze di sicurezza.

Seguo da vicino le vicende del Paese, quindi posso affermare con sicurezza che tutto questo non ha nulla a che fare con la realtà. “La volontà del popolo bielorusso” e le “proteste spontanee” non sono altro che cliché di propaganda nella guerra dell’informazione. Nessuno in nessun paese va mai da nessuna parte spontaneamente. Ogni protesta di massa ha sempre un sostenitore, uno sponsor e un artista che domina la scena. Nel caso della Bielorussia, la massa della protesta è totalmente e completamente controllata dai polacchi attraverso il progetto Nexta, il cui fondatore è un membro dello staff del canale televisivo di Stato polacco BelSat, interamente finanziato dallo Stato polacco a spese dei contribuenti polacchi. Ogni passo dei manifestanti e degli scioperanti, dalle indicazioni dei luoghi di raduno e dei formati dell’evento, allo sviluppo dei simboli e alle modalità di indossarli, è coordinato attraverso il canale Telegram – NEXTA e le sue due filiali – NEXTA Live e Luxta.

I disordini in corso in Bielorussia oggi non sono altro che la prima rivoluzione mondiale fatta impiegando telegram. Diversi anni fa, le rivoluzioni colorate sono state effettuate in Egitto e Tunisia attraverso Facebook, oggi il canale principale per la trasmissione di informazioni è diventato telegram.

Background Il

Il canale Telegram NEXTA è stato fondato da un 19enne bielorusso Stepan Putilo, studente di una delle università polacche  nel 2018 in risposta al blocco del canale YouTube con lo stesso nome, che aveva ospitato un paio di anni prima i suoi video. Ho guardato questo canale quasi dall’inizio del suo riempimento attivo, Putilo ha apertamente definito il rovesciamento dell’attuale presidente come lo scopo del suo attivismo, e i contenuti consistevano in critiche negative al 100%.

Dopo che il canale YouTube ha ottenuto più di 100mila abbonati, Stepan è stato notato dai servizi speciali polacchi ed è stato invitato a lavorare sul canale televisivo di propaganda di stato BelSat. Questo canale televisivo è stato fondato nel 2007 congiuntamente dal ministero degli Esteri polacco e dalla televisione di stato polacca specificamente per condurre propaganda antigovernativa sul territorio bielorusso. Il capo del canale televisivo è Agnieszka Romaszewska, figlia del consigliere del personale del presidente polacco, Sofia Romaszewska. A Stepan Putilo è stata assegnata un’intera sezione del canale chiamata “Soggettivo”:

Di conseguenza, si è sviluppata la seguente situazione: un membro del personale del canale televisivo di propaganda statale polacco, che lavora apertamente per lo stato polacco, con i soldi dei contribuenti polacchi e ha una posizione di critica inveterata contro Lukashenko, ha iniziato a condurre il canale di telegram più popolare in Bielorussia. Immagina un’analogia: un dipendente a tempo pieno del canale televisivo RT finanziato dal Cremlino, che riceve uno stipendio dallo stato russo e ha posizioni di critica inveterata contro Trump, gestisce un canale di telegram attraverso il quale coordina un colpo di stato negli Stati Uniti. Immaginate: un ululato ultrasonico si leverebbe su tutto il pianeta; tutti i rapporti diplomatici con la Russia verrebbero interrotti immediatamente, fino alla dichiarazione di guerra. Nel caso della Bielorussia, in risposta all’interferenza diretta della Polonia negli affari interni del paese vicino, c’è un silenzio totale.

La devastante guerra dell’informazione

Ci vorrebbe molto tempo per descrivere il motivo per cui il ministero degli Esteri bielorusso non reagisce in alcun modo all’evidente e palese organizzazione di un colpo di stato nel proprio paese da parte della Polonia, ma credo che questo video di 18 secondi, preso in prestito dal canale YouTube di Stepan, spiegherà tutto meglio, più di mille parole [evidentemente Lukashenko avrà altre doti ma non ne capisce nulla di moderne strategie di comunicazione].

Non ho idea di cosa pensasse lo stesso presidente, così come l’OAC, il KGB e il controspionaggio, ma in un paese in cui la stragrande maggioranza della popolazione riceve informazioni da Internet, la posizione di potere del governo sul World Wide Web non è affatto rappresentata. Mentre Putin ha creato una fabbrica di troll alcuni anni fa, ha acquistato opinion leader, ha lanciato un mucchio di risorse Internet filo-governative e canali di telegram, ha controllato i social network più popolari e il principale motore di ricerca di Internet russo, ha creato RT per spingere i suoi interessi all’estero, Lukashenko ha versato milioni di dollari in televisione e giornali cartacei, e ha formato un’idea di Internet tratta dalle stampe cartacee che i suoi subordinati gli hanno proposto.

 

Exit mobile version