Aumento dei contagi e virus dei polli di Marek

virus di marek

virus di marek

Ciò che sto vedendo in questi giorni mi lascia la stessa sensazione di aver subito un furto in casa. Una certa impotenza e una certa frustrazione. Come quando si introduce un estraneo e fa man bassa degli affetti, di simboli, della casa.

L’enfasi che i media stanno mettendo nell’incutere paura per i contagi è di questo tipo. Ora non capisco se è incapacità o cosa che impedisce di leggere i dati o cosa li fa leggere nel modo che ci dicono. Ovviamente un problema dovrebbe essere affrontato in modo differente, una volta aver visto che in natura il nemico agisce in modo differente.

Bene, non posso dire quello che penso in questo clima. Ma posso parlare del mondo animale e di altro, presto sarà interamente così.

Pertanto, vi segnalo cosa dice Wikipedia di cosa succede nel mondo animale in circostanze simili alle nostre; chi vuole ne tragga le debite conclusioni:

Il virus dei polli di Marek

Poiché la vaccinazione non previene l’infezione con il virus, Marek è ancora trasmissibile dagli stormi vaccinati ad altri uccelli, compresa la popolazione di uccelli selvatici. Il primo vaccino contro la malattia di Marek è stato introdotto nel 1970. La malattia causerebbe una lieve paralisi, con le uniche lesioni identificabili nel tessuto neurale. La mortalità dei polli infettati dalla malattia di Marek era piuttosto bassa.

Gli attuali ceppi del virus Marek, decenni dopo l’introduzione del primo vaccino, causano la formazione di linfomi in tutto il corpo del pollo e i tassi di mortalità hanno raggiunto il 100% nei polli non vaccinati. Il vaccino contro la malattia di Marek è un “vaccino che perde”, il che significa che vengono prevenuti solo i sintomi della malattia. 

L’infezione dell’ospite e la trasmissione del virus non sono inibite dal vaccino. Ciò contrasta con la maggior parte degli altri vaccini, in cui viene prevenuta l’infezione dell’ospite. In condizioni normali, i ceppi altamente virulenti del virus non vengono selezionati. Un ceppo altamente virulento ucciderebbe l’ospite prima che il virus abbia l’opportunità di trasmettersi ad altri potenziali ospiti e replicarsi. Pertanto, vengono selezionati ceppi meno virulenti. Questi ceppi sono abbastanza virulenti da indurre sintomi ma non abbastanza da uccidere l’ospite, consentendo un’ulteriore trasmissione.

Tuttavia, il vaccino che perde cambia questa pressione evolutiva e consente l’evoluzione di ceppi altamente virulenti.  L’incapacità del vaccino di prevenire l’infezione e la trasmissione consente la diffusione di ceppi altamente virulenti tra i polli vaccinati. L’idoneità dei ceppi più virulenti è aumentata dal vaccino.

L’evoluzione della malattia di Marek dovuta alla vaccinazione ha avuto un profondo effetto sull’industria avicola. Tutti i polli in tutto il mondo sono ora vaccinati contro la malattia di Marek (raramente vengono vaccinati gli uccelli nati in branchi privati ​​per la deposizione o l’esposizione). Sono stati selezionati ceppi altamente virulenti al punto che qualsiasi pollo non vaccinato morirà se infetto. Altri vaccini che perdono sono comunemente usati in agricoltura. Un vaccino in particolare è il vaccino per l’influenza aviaria. L’uso del vaccino che perde per l’influenza aviaria può selezionare ceppi virulenti.

Wikipedia

Ovviamente, i polli non parlano ed in qualche modo, l’uomo gestisce la cosa così. Ma in questo caso la colpa non ricade sui polli non vaccinati, che effettivamente si ammalano e muoiono di più. Chi ci vede qualcosa che non va, una gestione un po’ confusa è tacciato da ariete – prendo a prestito ancora il mondo animale -, così gli arieti, vengono presi con la forza e accoltellati per strada.

L’aumento della vaccinazione crescerà contemporaneamente al declino della sua efficacia. E se l’epidemia diventa endemica tra 3 anni, come lo è stato per influenza, questo sarà attribuito al successo della vaccinazione.

Oppure no, non finirà mai, ci saranno nuovi ceppi di virus e bacilli. Già è stata introdotta la modalità di massima allerta, la popolazione è stata dimessa, gli informatici hanno elaborato la base informativa. Ovviamente, la degenerazione che sta portando con sé il morbo, non è meno importante del morbo stesso.

Quello che non ha funzionato prima con l’influenza e poi con il covid, è stato spinto al livello successivo. Ciò che è bloccato con il sistema attuale verrà corretto nel prossimo. È già chiaro che non si applica alla salute. Questa è pura sociologia al servizio della politica.

Cos’altro è necessario per una società felice? Forse un nuovo antidepressivo più divertente?

Vp News

Exit mobile version