Attacchi jihadisti in Siria riconquistano località liberata dai governativi, possibile complicità dei servizi segreti turchi

Gli attacchi jihadisti al sud della Siria mentre l’occidente sanziona il governo di Damasco

Attacco del 9 luglio

Nelle prime ore del mattino del 9 luglio 2019, ancora nell’oscurità, diversi gruppi militanti associati ad al-Qaeda, ovvero l’alleanza islamista radicale “Wa Harid al-Muminin” e il gruppo “Partito islamico del Turkestan” si sono infiltrati attraverso la linea del fronte nel nord della provincia siriana di Latakia e inaspettatamente ha attaccato le posizioni dell’esercito e delle milizie siriane nella regione di Jebel Turkman. Già alle 09:00 ora locale, contro i militanti sono stati effettuati i primi attacchi degli elicotteri. Poi, durante il giorno, l’aviazione siriana ha inflitto decine di attacchi contro la collina contrassegnata con il numero 428 e dintorni. L’artiglieria dell’esercito ha martellato la zona  dai rilievi vicini. La battaglia è durata circa 10 ore e si è conclusa solo la sera.

Secondo il comando siriano, i militanti hanno perso almeno 22 militari e la battaglia ha causato decine di feriti. Tutti i territori perduti, insieme al villaggio di Attira e ad un’altezza di 428, sono stati respinti, gli islamisti si sono ritirati  nelle loro posizioni originali verso il confine turco.

Nel corso di una pesante battaglia, all’alba, gli islamisti sono riusciti a conquistare l’altezza 428 e le due pendici delle montagne vicine. Almeno 8 militari siriani delle Forze di difesa nazionali (NDF) sono morti, fino a cinque sono stati catturati. Uno di loro, un 23enne appartenete alla guardia di frontiera di Aleppo Ibrahim Ahmad Berry, è stato decapitato dai jihadisti. A mezzogiorno, i militanti hanno sequestrato il piccolo villaggio di montagna di Attira (Atera), in cui non c’erano praticamente soldati siriani. L’Alleanza “Wa Harid al-Muminin” nonostante i suoi legami con al-Qaeda e un personaggio franco-jihadista è attivamente sostenuta dai servizi speciali turchi. Le posizioni delle truppe governative a Jebel Turkman nell’ultimo mese sono state continuamente osservate dai droni da ricognizione (incluso il turco). È possibile che l’esercito turco, attraverso i suoi emissari di Latakia, abbiano contribuito a preparare l’attacco ad Attira il 9 luglio.

La vicenda è stata riportata anche  dall’agenzia  Almasdarnews.

Nuovo attacco il 10 luglio

La sera del 10 luglio 2019, i militanti dell’alleanza islamista radicale “Hyatt Tahrir ash-Sham” (HTS), con il sostegno dei militanti del gruppo islamico dei gruppi turkmeni (IPT), il Fronte nazionale di liberazione pro-turco, il gruppo Jaysh al-Izza e un certo numero di altre formazioni hanno sferrato un nuovo potente attacco nella provincia settentrionale di Hama.
Durante il giorno, artiglieria a razzo e colpi di mortaio sono stati scagliati sulle forze governative nei villaggi di Hamamiyat, Musharif, nelle città di Kernaz e Scalbiyah, e verso sera le unità jihadiste sono state stato inviate contro le posizioni delle Forze di Difesa Nazionali nell’area di Hamamiyat.

Come risultato dell’attacco, l’esercito e la milizia siriani hanno subito ulteriori perdite, ma hanno contrastato i gruppi di assalto jihadisti dell’HTS, così come il gruppo Jaysh al-Izza  e i militanti russofoni del Caucaso settentrionale. Nei primi 30 minuti , i militanti sono riusciti a catturare Musharif e ottenere un punto d’appoggio nella periferia nord-orientale e orientale di Hamamiyat. Durante la battaglia, le unità delle Forze di Difesa Nazionali hanno perso fino a 8 persone e hanno iniziato a ritirarsi nella città di Kernaz, esattamente 50 minuti dopo l’inizio dell’attacco.

Verso le 20:00, ora locale, sono iniziati pesanti bombardamenti  sulla città di Kernaz. Dalla città a sud è stato lasciato aperto un varco per gli sfollati. Già in tarda serata, due gruppi jihadisti sono riusciti  a conquistare un punto d’appoggio nella periferia orientale di Kernaz e dopo circa un’ora si sono diretti verso il centro.

Alla periferia della città, le truppe governative hanno perso almeno un carro armato e un Shilka ZSU. Di notte ci sono state segnalazioni della completa occupazione della città da parte di militanti, ma ciò non è stato confermato. Le intense battaglie nell’area di Karnaz mostrano che gli aerei russi hanno colpito diversi obiettivi nell’area: se Kornaz fosse stato perso, potrebbe potenzialmente mettere a repentaglio i numerosi successi realizzati dall’esercito siriano nel mese maggio. In particolare, Kafr-Nabuda, che è stata liberata a maggio, sarà tagliata fuori dai rifornimenti da sud.

AGGIORNAMENTI:

Cosa vediamo da questi ultimi avvenimenti? Fondamentalmente che i turchi non permetteranno di conquistare Idlib. Senza il sostegno turco i salafiti resisterebbero al massimo qualche mese. La seconda osservazione è che l’esercito siriano , nonostante il valore dei suoi uomini non cede solo per il sostegno russo che non permette ai jihadisti rifornimenti e di accumulare grandi depositi di armi o di mantenere le posizioni a lungo.

@vietatoparlare