Aleppo e Raqqa: bombardamenti buoni e bombardamenti cattivi

Aleppo e Raqqa: bombardamenti buoni e bombardamenti cattivi 3

[ad_1]Come i media occidentali trascurano i crimini di guerra degli Stati Uniti in Raqqa ma hanno denunciato gli sforzi della liberazione siriana a Aleppo

Damasco, Siria – Alla fine del 2016, la città siriana di Aleppo è stata al centro di una “protesta” internazionale per chiedere la fine degli attacchi aerei siriani e del governo russo che avevano lo scopo di liberare  la città dai  gruppi terroristici – rappresentati dai media occidentali come “ribelli moderati.” Gran parte di questa protesta è stata alimentata dalla copertura frenetica dei media occidentali dell’assedio Aleppo. Una gran parte di questa copertura faceva affidamento esclusivamente sul monitoraggio di gruppi con stretti legami con i “ribelli” come  i caschi bianchi e l’Osservatorio siriano per i diritti umani , aveva tutto l’interesse a un intervento militare occidentale .

Anche se molte delle segnalazioni di attacchi aerei e molte delle immagini che pretendevano di mostrare i civili feriti o morti è stato successivamente provato che sono state fabbricate , la richiesta di intervento straniero per arginare la marea di morti civili segnalati era feroce e si è arrivati molto vicino ad attuare una qualche forma di intervento armato.

Tuttavia, la situazione ad Aleppo è ora drasticamente diversa , in quando la città è di nuovo sotto il controllo del governo siriano e i civili che erano stati costretti a fuggire stanno tornando . Le centinaia di migliaia di persone che erano presumibilmente  e“indiscriminatamente”  bombardate pochi mesi prima, ora stanno tornando nella città liberata dal governo . Secondo dati recenti , oltre 600.000 civili da inizio anno sono tornati a Aleppo .

Mentre  si sta ricostruendo Aleppo, ha preso il suo posto Raqqa: gli attacchi aerei della coalizione  USA  sono cominciati a piovere  causando quasi un migliaio di  civili morti da quando l’offensiva è iniziata ai primi di giugno. Recentemente, Amnesty International , insieme ad altri gruppi per i diritti umani, ha lanciato l’allarme circa l’aumento del conto dei morti civili, notando che gli attacchi aerei della coalizione sono condotti in modo indiscriminato;  qualsiasi edificio creduto di mostri il “sospetto della presenza di attività” di Daesh (ISIS) diventa obiettivo .

Anche se il conteggio dei morti è difficile che si abbassi, il gruppo di monitoraggio degli attacchi aerei AirWars ha comunicato a Reuters che i loro risultati dimostrano che tra i 725 e i 993 civili sono stati uccisi da attacchi aerei della coalizione da quanto l’offensiva curda sostenuta dagli Stati Uniti per riprendere Raqqa è iniziata ai primi di giugno. Tuttavia, il presidente di AirWars Chris Woods   ha osservato che altre centinaia di civili sono stati riferiti, morti dopo essersi trovati sotto fuoco incrociato, attaccato da Daesh, o esplosi sui campi minati.

La coalizione smentisce queste affermazioni. Essa ha elencato solo 16 segnalazioni di vittime civili nella zona di Raqqa da giugno, secondo i dati ottenuti da Amnesty. Nello stesso arco di tempo, tuttavia, una commissione indipendente ha provato che la coalizione aveva causato fino a 300 vite civili. La coalizione ha  apparentementecessato di tenere traccia di morti civili dopo il 30 giugno, in quando ha rifiutato di rispondere allele richieste giornalistiche di fornire cifre aggiornate.

Nonostante le affermazioni della coalizione in senso contrario, e nonostante la copertura di notizie dirette sono minime, il numero di vittime civili è salito così in alto che ha raccolto l’attenzione dei media internazionali. Giovedi scorso, l’ONU ha richiesto  gli Stati Uniti di fermare temporaneamente gli attacchi aerei per consentire a circa 20.000 civili intrappolati di fuggire Raqqa, dopo che le bombe della coalizione hanno causato la morte di oltre 100 civili in sole 48 ore . I funzionari degli Stati Uniti, tuttavia, hanno respinto tale richiesta. L’inviato speciale Brett McGurk ha insistito che la campagna della coalizione degli Stati Uniti contro Daesh in Raqqa sta andando molto bene, aggiungendo che il “la cosa primaria che dobbiamo fare” per aiutare i civili di Raqqa è quella di continuare la guerra.

Alcuni hanno visto, nei loro bombardamenti sul fiume Eufrate, la prova che la coalizione degli Stati Uniti prende intenzionalmente di mira i civili. I civili che sono riusciti a fuggire hanno quasi tutti attraversato il fiume in piccole imbarcazioni, giacché i ponti sono stati bombardati all’inizio di quest’anno e sono fuori servizio. Il generale Stephen Townsend, il comandante americano delle forze della coalizione, ha recentemente dichiarato: “ spariamo a ogni barca che troviamo ,” nonostante le numerose segnalazioni che documentano il fiume come percorso principale di fuga per i civili di Raqqa, stimati in 220.000 prima della guerra.

Secondo  la Responsabile per le crisi  consigliere anziano di Amnesty International, Donatella Rovera, questa politica è  “estremamente preoccupante e assolutamente inaccettabile”, in quando equivale ad una politica premeditata di bombardare indiscriminatamente i civili.

Inoltre, i volantini che sono stati caduti in Raqqa, presumibilmente per istruire i civili su come evacuare, sono stati trovati ad essere in conflitto diretto gli uni con gli altri, il che porta a confusione e morti inutili.

La speculazione per quanto riguarda la destinazione dei civili è stata anche alimentata dall’annuncio delle Forze Democratiche siriane che  Raqqa dopo l’offensiva sarà regolata da un “consiglio”, autonoma, dominato dai curdi, non dal governo siriano – che consente alla città e a quelle intono di essere annesse ad uno staterello curdo indipendente che germoglierà fino nel nord della Siria con l’assistenza degli Stati Uniti, un passo fondamentale verso la partizione sostenuta dagli Stati Uniti della Siria.

Dato che la popolazione nativa di Raqqa è in gran parte araba, è stato suggerito che la composizione demografica di Raqqa deve essere drasticamente alterata se la città sarà annessa  governata dalla minoranza curda.  

 

Aleppo e Raqqa:  bombardamenti ‘cattivi’ e bombardamenti ‘buoni’

Giovedi, 27 luglio 2017 – fumo Nero sale dalla città di Raqqa,(Foto AP / Hussein Malla)

La situazione attuale in Raqqa è notevolmente simile alle caratterizzazioni che i media occidentali hanno descritto l’impegno del governo siriano supportato dalla Russia per recuperare Aleppo dal controllo dagli US-backed “ ribelli moderati”. Tuttavia, la copertura mediatica non potrebbe essere più diversa. Si consideri, per esempio, la copertura da parte del New York Times per quando riguarda il bombardamenti di entrambe le città.

Lo scorso settembre, il New York Times  ha pubblicato una storia dal titolo “La Siria e la Russia sembrano pronti a bruciare Aleppo.”

Gli autori del pezzo descrissero la situazione come segue:

“Rendere la vita intollerabile e probabile la morte. Aprire una via di fuga o offrire un possibilità a coloro che partono o si arrendono. Lasciate che la gente esca fuori. Uccidi chiunque rimanga. Ripeti finché non rimane che un paesaggio urbano deserto.

È una strategia che sia il governo siriano sia i suoi alleati russi hanno abbracciato da tempo per sottomettere i ribelli siriani, in gran parte schiacciando le popolazioni civili che li sostengono.

Ma negli ultimi giorni, mentre le speranze di un cessate il fuoco rivivevano – e si  sono disintegrate nelle Nazioni Unite – i siriani e i russi sembrano mobilitarsi per applicare questa strategia di uccidere tutti coloro che resistono dentro l’ambito obiettivo: la sezione della città detenuta dai ribelli».

Questa caratterizzazione di Aleppo – in gran parte basata sulle relazioni dei gruppi   “ribelli” screditati e pro- Osservatorio siriano per i diritti umani e i caschi bianchi  incorporati ad al Qaeda – dipingono il governo siriano, come i massacratore  del proprio popolo

Tuttavia, mesi dopo, ora sappiamo che gran parte della rendicontazione occidentale per quando riguarda la riconquista di Aleppo nella migliore delle ipotesi è stato disonesta .

Relazioni di giornalisti indipendenti che al momento erano in Siria  sul terreno,  in particolare Vanessa Beeley, hanno evidenziato che molti di questi “ribelli moderati” erano in realtà i terroristi , che hanno privato la popolazione civile nelle aree da loro controllate di acqua e altre necessità di base. Molti dei civili che hanno fatto ritorno ad Aleppo hanno confermato che questi cosiddetti “ribelli moderati” erano tutt’altro, e che molti di loro hanno condiviso profondi legami con il ramo siriano di Al-Qaeda, al-Nusra.

Martedì 24 luglio 2012 foto, soldati Free Syrian Army nella città di confine di Azaz, a circa 20 miglia (32 chilometri) a nord di Aleppo, in Siria. (Foto AP / Turkpix)

Inoltre, la foto più famosa usata per spingere a un intervento occidentale, quella del giovane  Omran Daqneesh, e stato rivelato – mesi dopo che era stata propagandata attraverso i mezzi di comunicazione in tutto il mondo – che era stata in parte fabbricata. Il padre di Omran, al ritorno in Aleppo dopo la sua liberazione, ha detto a numerosi media in Siria e Libano, ed ai giornalisti occidentali indipendenti, che i “ribelli” hanno forzatamente usato suo figlio per giustificare l’intervento straniero.

Inoltre il padre di Omran ha dichiarato che non aveva sentito nessun aereo sopra la sua casa prima nel bombardamento che presumibilmente aveva causato le ferite di Omran catturate nella foto. Ha anche detto di aver ricevuto e rifiutato offerte per lasciare la Siria da parte dei miliziani che vogliono danneggiare la reputazione del governo siriano, e aveva addirittura cambiato nome e il taglio dei capelli a suo figlio per proteggerlo da coloro che avevano minacciato di rapirlo.

 

Ora, con il crescente numero di vittime civili causato dagli attacchi aerei degli Stati Uniti a Raqqa, il N.Times ha colpito per il tono usato, molto diverso nella sua valutazione della situazione. Nella relazione sul numero di morti civile nelle ultime settimane, il N. Times riferisce in cronaca l’uccisione di circa 170 civili dagli Stati Uniti entro una sola settimana, citando i monitor di guerra e le testimonianze dei rifugiati di Raqqa.

Tuttavia, avvicinandosi alla strategia di “uccidi-tutti-coloro-che-resistono” degli Stati Uniti, l’articolo del Times mostra in modo prominente la posizione ufficiale della coalizione, informando i lettori che “la coalizione guidata dall’America dice che è attenta a evitare vittime civili. Il suo bombardamento è indirizzato contro lo Stato islamico sia in Siria che in Iraq, e indaga tutte le accuse degli incidenti.” Ma nonostante le propagande passate, i gruppi per i diritti umani come Amnesty International hanno scoperto che le indagini sono minime e hanno anche notato che gli Stati Uniti usano deliberatamente munizioni che sono difficilmente precise.

Inoltre, l’articolo non è riuscito ad associare la sofferenza dei civili di Raqqa ai risultati distruttivi del bombardamento della coalizione U.S. Per esempio, osservando che “un gruppo di attivisti,” Raqqa è stato massacrato in silenzio “, ha dichiarato di aver documentato almeno 946 decessi civili dopo l’inizio dell’offensiva di Raqqa a giugno” ma non ha menzionato che la maggior parte di queste morti sono state il risultato diretto degli attacchi di coalizione.

Altre relazioni del N. Times, come la  copertura della relazione Amnesty International, hanno incolpato le vittime sulla “fiducia degli ordigni” della coalizione, in opposizione alla sua politica di bombardamenti indiscriminati, l’ obiettivo principale della relazione di Amnesty.

Altri mezzi di comunicazione occidentali importanti, come la CNN , nelle loro relazioni sono in gran parte stati solidali con la coalizione . Molti di loro hanno citato la lentezza dell’ offensiva o dato la colpa a Daesh per i morti civili.

 

Conclusione: gli obiettivi geopolitici cambiano l’obiettivo della propaganda e dei media

Il settembre 2013 numero di The Economist.

Dietro le risposte più disparate a Aleppo e Raqqa è in atto una narrazione interventista che supporta il cambiamento di regime. La “protesta” che circonda l’operazione governativa siriana per recuperare Aleppo è stata creata per generare il pretesto per l’intervento militare a lungo voluto dai governi occidentali, Israele e le monarchie del Golfo – usando la stessa giustificazione “umanitaria” che ha portato ad invasioni di nazioni come Libia, Iraq e altri.

Come ha osservato la giornalista indipendente Vanessa Beeley  dopo aver viaggiato per Aleppo durante il culmine dell’assedio, “i media occidentali stanno vendendo al pubblico una guerra umanitaria”, attraverso la sua copertura di parte delle operazioni per riprendere Aleppo.

Una delle rivelazioni fondamentali che ha mostrato come questa protesta fosse stata in gran parte fabbricata – a parte le relazioni e le foto successivamente ritrovate come fabbricate – è il fatto che i profughi che avevano lasciato Aleppo, presumibilmente fuggiti da Assad, stavano effettivamente fuggendo “dai moderati ribelli “. E da allora sono tornati a centinaia di migliaia ad Aleppo. Questo malgrado il fatto che Aleppo è ora sotto il pieno controllo del governo che ha assertivamente assassinato i propri civili con le bombe a grappolo.

Anche il ritorno dei civili a Aleppo è stato notevolmente assente dalla copertura occidentale della corrente.

La situazione di Raqqa è raffigurata in netto contrasto con quella di Aleppo – un’inversione di prospettiva dovuta principalmente all’identità di chi conduce gli attacchi aerei. Gli Stati Uniti ricevono in gran parte un passaggio gratuito dalla stampa occidentale per quanto riguarda i crimini di guerra commessi. In questo caso il pass è conferito indipendentemente dal fatto che la presenza statunitense in Siria è tecnicamente illegale, dato che il governo siriano non ha mai approvato le proprie operazioni all’interno del paese. Come un altro esempio di questo doppio standard , è l’ uso indiscriminato di fosforo bianco da perte degli USA , un’arma chimica, in Raqqa non è stato certo tema di indignazione come quello presunto sull’uso di armi chimiche sui civili da parte del governo siriano ed ora smentito .

[su_panel]C’è però un motivo fondamentale per la carneficina a Raqqa, che spiega sia il silenzio dei media occidentali che il numero di morti civili in aumento, così pure il rifiuto degli Stati Uniti  di fermare gli attacchi aerei nonostante i motivi addotti dall’ONU. Come MintPress riportato in precedenza , l’obiettivo finale del coinvolgimento degli Stati Uniti’ in Siria è la partizione del paese con una gran parte del paese del Nord, tra cui Raqqa, sotto il controllo di uno stato curdo indipendente.

I curdi, che dominano le Forze Democratiche siriane (SDF) che portano avanti l’invasione sostenuta dagli Stati Uniti di Raqqa, stanno cercando di portare Raqqa nel loro ovile dopo la conclusione dell’offensiva in corso. L’SDF ha annunciato mesi fa, che avrebbe messo in mano il controllo di Raqqa a un “consiglio” autonomo in gran parte composto da curdi.

Tuttavia, come MintPress ha notato in precedenza , uno dei principali ostacoli all’inclusione di Raqqa nella regione autonoma kurda è la popolazione di Raqqa stessa, che è prevalentemente araba. Come ha fatto notare il giornalista Andrew Korybko , è altamente improbabile che qualsiasi arabo, o non-curdo, che vive in Raqqa sceglierebbe di vivere in uno “staterello  dominato dai curdi” come un cittadino di seconda classe invece di scegliere di avere pari dignità all’interno della Repubblica araba siriana. La popolazione esistente prima dell’assedio di Raqqa impedirebbe sostanzialmente l’annessione di Raqqa ai curdi.

Tuttavia, ora con oltre 200.000 civili  che sono fuggiti e quasi 1.000 uccisi solo dalla coalizione , questo sogno geopolitico  sta rapidamente diventando realtà, in quanto solo 20.000 residenti rimane della precedente popolazione che constava in  220.000 residenti. Anche se questa è  una  pulizia etnica con  altro nome, i media occidentali sono impegnati a tenere lontana l’attenzione dalla Siria, in particolare Raqqa, per raggiungere la lunga divisione desiderata della Siria – senza attirare l’attenzione del pubblico e senza preoccuparsi per le migliaia di persone innocenti di vite siriane perse nel processo.[/su_panel]

 

Il post Come Western Media Overlook USA crimini di guerra in Raqqa, ma gli sforzi denigrato siriana di Liberazione in Aleppo è stato pubblicato su MintPress Notizie .

[ad_2]

Fonte

Exit mobile version