Onu: 270 milioni al mondo rischiano morte per fame

Più di 41 milioni di persone in 43 paesi in tutto il mondo sono sull’orlo della fame

Più di 41 milioni di persone sono sull’orlo della fame. Senza un’azione urgente, queste persone moriranno e il numero di persone affamate nel mondo aumenterà a dismisura. È questo il leit motiv dell’incontro ad alto livello che si è svolto oggi all’Onu.

La conferenza si è tenuta sotto gli auspici della task force di alto livello sulla prevenzione della fame. I suoi partecipanti hanno espresso preoccupazione per l’aumento della malnutrizione cronica nel mondo, in particolare sullo sfondo dei conflitti e della pandemia di COVID-19.

Nelle circostanze attuali, più di 41 milioni di persone che vivono in 43 paesi del mondo sono già a un passo dalla fame. 584mila persone in Etiopia, Madagascar, Sud Sudan e Yemen vivono già in condizioni di fame. La stragrande maggioranza delle vittime sono donne e bambini.

Una situazione catastrofica si è sviluppata in Afghanistan, Venezuela, Haiti, Honduras, Repubblica Democratica del Congo, Etiopia, Zimbabwe, Repubblica Centrafricana, Siria, Sudan e Uganda.

Gli esperti hanno definito l’attuale situazione della fame nel mondo la peggiore degli ultimi decenni. Temono che nel prossimo futuro la situazione alimentare in molti paesi del mondo peggiori.

“Il numero di persone che possono essere sulla via della morte per fame è aumentato da 135 milioni a 270 milioni: questa è una situazione molto grave che crea molti problemi in tutto il mondo. Si stima che 41 milioni di persone in 43 paesi siano già nella quarta fase di grave insicurezza alimentare. Ciò significa che la fame è già alle loro porte, sta bussando alla loro porta “, ha affermato il capo del Programma alimentare mondiale (WFP) David Beasley.

Questa tendenza, secondo gli esperti, è dovuta a una combinazione di diversi fattori: conflitti, pandemia di COVID-19, eventi meteorologici e climatici estremi, parassiti transfrontalieri e difficoltà di accesso alle persone che hanno bisogno di aiuto.

Tutti questi disastri, insieme agli shock economici e all’aumento dei prezzi alimentari mondiali, porteranno al fatto che più famiglie saranno costrette a ridurre la loro dieta e si troveranno sull’orlo della sopravvivenza e persino della fame. Gli africani orientali si troveranno in una situazione particolarmente terribile, poiché non possono far fronte a sciami di locuste del deserto che stanno distruggendo i raccolti.

“Oggi stiamo affrontando crisi alimentari senza precedenti su più fronti. L’esaurimento e le morti legate alla carestia sono già una realtà “, ha affermato il Direttore Generale della FAO Qu Dongyu in un evento di alto livello delle Nazioni Unite. Ha invitato tutti a unirsi alla campagna contro la fame.

Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari, la fame viene dichiarata quando il livello di malnutrizione acuta supera il 20%, quando più di due persone su 10.000 muoiono al giorno e le persone non hanno accesso al cibo.

La Task Force di alto livello sulla prevenzione della fame è stata istituita dal Segretario generale delle Nazioni Unite. Era presieduto dal coordinatore dei soccorsi di emergenza delle Nazioni Unite Martin Griffiths e comprendeva il capo del Programma alimentare mondiale (WFP) e il capo dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

Il compito principale della Task Force sarà quello di mobilitare risorse per assistere i paesi con popolazioni sull’orlo della fame. Oggi le crisi alimentari si verificano contemporaneamente in più regioni.

Onu.Org

Exit mobile version