Zero Hedge: gli USA sabotano la rete elettrica russa e Trump non viene informato

Fatti come quelli raccontati dal New York Times che seguono, fanno sorgere alcune legittime domande su chi comanda effettivamente negli Stati Uniti. Ovviamente questa incertezza ha conseguenze. Ad esempio: con chi ha parlato Salvini nella visita conclusasi ieri a Washington? Il punto è infatti che parlare con Pompeo non è come parlare con Trump o con Bolton o Pence. Ovvero chi esprime esattamente la linea dell’amministrazione USA? Certo il punto è ovviamente sapere sempre verso dove si va. E per andare toccherà passare tra paludi etc. Questo vale per l’Italia ma vale anche per gli USA. Lo ha detto lo stesso Trump ha detto nel giorno del suo insediamento, quando promise al popolo americano di ‘prosciugare le paludi’ del Deep State e far tornare di nuovo il popolo USA inquilino alla casa Bianca. Poi mi pare non lo abbia potuto realizzare e la sua squadra di governo è fatta di suoi nemici. Quindi vedo gli USA in grande conflitto interno. Questo si ripercuote anche all’esterno. Ci troviamo davanti a Stati Uniti diversi da quelli ante – 11 settembre. E questo ultimo episodio è davvero inquietante.

@vietatoparlare

“Tradimento!” Un articolo del NYT rivela che gli attacchi informatici degli Stati Uniti contro la rete elettrica russa, sono stati nascosti a Trump

di Tyler Durden, 16 giugno 2019 

Il Presidente Trump ha lanciato la terribile accusa di “Tradimento” al New York Times per il lungo pezzo investigativo che sostiene che l’intelligence USA ha sistematicamente intensificato gli attacchi informatici alla rete elettrica della Russia.  This is a virtual act of Treason by a once great paper so desperate for a story, any story, even if bad for our Country…”   Trump ha twittato sabato sera in risposta alla pubblicazione di poche ore prima.  

Poi ha aggiunto in fretta un tweet di follow-up in maiuscolo, “ANCHE NON VERO!” –  come se solo allora rendendosi conto che il suo tweet iniziale sembrava effettivamente confermare la storia. Il follow-up ha ulteriormente criticato il Times per i loro report con “nemmeno il minimo pensiero delle conseguenze!”

Se questo significa che il presidente è indignato che una  relazione vera  e verificata possa essere dannosa per la credibilità degli Stati Uniti e la sicurezza nazionale, o che notizie false possano ferire gli Stati Uniti e invitare inutili ritorsioni cyber-informatiche non è ancora del tutto evidente, ma i folli tweets di Trump sembrano dar credito alla prima ipotesi. 

16 giugno 2019

E il Times è stato veloce nel rispondere alla carica di “tradimento” come segue:

16 giugno 2019

Il rapporto NYT   delinea una presunta operazione statunitense in corso per infiltrarsi e impiantare malware nella rete elettrica della Russia come preparazione per qualsiasi potenziale operazione di cyber warfare in futuro, e ulteriormente come “un avvertimento” al Cremlino. Tuttavia, la storia è leggera sui dettagli e pesante sui soliti anonimi “attuali ed ex funzionari”.

Secondo il  Times , “i funzionari hanno descritto il dispiegamento precedentemente non documentato del codice informatico americano all’interno della rete della Russia e altri obiettivi”. I funzionari hanno dichiarato che  “è diventato molto più aggressivo nell’ultimo anno” e che stanno “facendo cose” in una scala che non avevamo mai contemplato alcuni anni fa. “Sebbene le operazioni statunitensi non abbiano raggiunto il livello di attacchi specifici, il malware costituisce ciò che viene descritto come una” presenza persistente “all’interno dell’infrastruttura della Russia.

Il rapporto lancia gli ultimi sforzi cibernetici accelerati rivolti alla Russia come parte di una più ampia campagna per sondare clandestinamente la rete elettrica del Paese risalente al 2012  attività che è stata accresciuta in seguito al presunto attacco russo e l’ingerenza elettorale legati alle elezioni del 2016 [rivelatisi falsi] . 

Fondamentalmente, come la CNN descrive del rapporto del NYT, “Due funzionari dell’amministrazione dissero al Times che credevano che il presidente Donald Trump non fosse stato informato in alcun dettaglio sul codice informatico statunitense che veniva impiantato all’interno della rete russa”.

E inoltre, la storia suggerisce che i servizi segreti della Casa Bianca stanno effettivamente escludendo il presidente da informazioni vitali sulla sicurezza nazionale:

I funzionari del Pentagono e dell’intelligence descrivono al Times “ampia esitazione” nel dire a Trump dei dettagli delle operazioni contro la Russia. Dicono al Times che ci sono preoccupazioni su come reagirà Trump e sulla possibilità che Trump possa invertire le operazioni o discuterne con funzionari stranieri .

Quindi eccolo – supponendo che il rapporto abbia fondamento – essenzialmente evidenzierebbe che una importante “attività militare clandestina” è gestita dai comandanti della difesa e dell’intelligence USA, mentre elude intenzionalmente la legittima supervisione civile della Casa Bianca? 

Allora, forse Trump ha ragione di dire “tradimento” come ha fatto nel suo primo pensiero  –  anche se non sarebbe stato [compito] da parte del  Times riferire, ma [sarebbe stato compito] da parte di coloro che cercavano di nascondere l’operazione al presidente stesso. 

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da ” Zerohedge ” –