Home Attualità Ucraina: i Bayraktars saranno sostituiti con i micidiali droni USA MQ-9 Reaper

Ucraina: i Bayraktars saranno sostituiti con i micidiali droni USA MQ-9 Reaper

0

Quello che segue è un riepilogo di vari post lanciati su Telegram dalla fonte specializzata “Orientalist” di Igor Dimotriev (di Odessa, in Russia ha collaborato con l’intelligence e la sicurezza dello stato, secondo quanto riferito lavorando in Siria e in altri teatri).

Dimitriev rivela che nel fronte ucraino potrebbe presto entrare in scena il drone americano MQ-9 Reaper insieme ai missili britannici Brimstone. Già da metà di aprile ci sono stati contatti tra USA e Kiev per la formalizzazione della consegna dei droni MQ-9 Reaper. I rappresentanti ucraini hanno già incontrato e discusso su questo tema la General Atomics Aeronautical Systems, una società americana (parte di General Dynamics Corporation), che ha sviluppato e produce questi UAV. Inoltre, è stato chiarito che tali negoziati non potevano aver luogo senza l’approvazione della Casa Bianca, che ora è avvenuta.

Quindi, dopo l’approvazione del disegno di legge Lend-Lease negli Stati Uniti, non ci sarebbero più dubbi sull’invio di droni d’attacco americani. Ma c’è un altro fattore: l’assistenza tecnico-militare dalla Gran Bretagna. Londra ha annunciato che avrebbe fornito alle forze armate missili Brimstone, un’arma di precisione di prima classe. Questo tipo di missile può essere usato in combinazione con l’UAV Reaper.

Perché è importante? Brimstone esiste in due versioni con un raggio di volo rispettivamente di 20 e 60 km e può colpire un bersaglio di tipo carro armato con una probabilità del 98% a questa distanza. Brimstone II in combinazione con un vettore aereo è in grado di sopprimere qualsiasi sistema di difesa aerea a medio raggio senza entrare nella loro area interessata. Questo è un particolare da prendere in considerazione seriamente: l’Ucraina sta attaccando sempre più obiettivi situati sul territorio della Russia e questo missile può avere un impatto diretto sull’equilibrio esistente tra difesa e attacco.

La notizia più importante delle ultime settimane è stata la decisione degli Stati Uniti di fornire all’Ucraina armi in grado di colpire le infrastrutture militari situate direttamente sul territorio della Federazione Russa.

La minaccia

Alcune fonti hanno suggerito che una delle armi che saranno fornite sarà l’MGM-140 OTRK (https://t.me/genshab/552), ma in realtà stiamo parlando di un’arma molto più efficace, funzionale e pericolosa: l’UAV MQ-9 Reaper.

Nella foto – MQ-9 Reaper (“Reaper”).

L’MQ-9 Reaper è un UAV modulare da ricognizione e attacco dell’esercito americano. È dotato di un motore turboelica che gli consente di raggiungere velocità superiori a 400 km/h Il drone ha sei punti di sospensione. Può trasportare fino a 4 missili aria-terra, o fino a 8 nella modifica MQ-9A, o 4 missili Hellfire e due bombe a guida laser Mark 82. Gli esperti ritengono che l’MQ-9 possa cambiare radicalmente il corso di la guerra.

Per confrontare le caratteristiche delle prestazioni: Bayraktar TV2 / MQ-9 Reaper :

– velocità massima: 220 km / h / 482 km / h
– altitudine massima: 8.200 m / 15.420 m
– peso a vuoto: 500 kg / 2.223 kg
– peso a vuoto: 650 kg / 4.760
– autonomia massima: 150 km / 1.900 km

Rispetto al Bayraktar, gli esperti definiscono l’MQ-9 più resistente in volo e meno vulnerabile al fuoco russo: “Il drone turco deve operare abbastanza vicino alla prima linea, il che lo rende più vulnerabile agli attacchi aerei e missilistici russi dagli aeroporti. Tuttavia, la gamma MQ -9 da basi più sicure e la portata di Reaper può essere fondamentale”. L’MQ-9 avrà una portata sufficiente per colpire le installazioni militari russe nella stessa Russia, fino a Mosca stessa.

Quindi la scelta di quest’arma non è affatto una scelta casuale: i droni americani sono piattaforme di armi multiuso, come abbiamo visto, le loro capacità sono molte volte superiori al Bayraktar TB2 già utilizzato dall’Air Force ucraina.

Ancora qualche dato sull’MQ-9 Reaper :

L’MQ-9 Reaper è strutturalmente affilato per operazioni in conflitti militari su larga scala con opposizione attiva da un sistema di difesa aerea a più livelli. A bordo, trasporta una stazione di ricognizione multispettrale e di designazione del bersaglio (radar, telecamera a infrarossi, sistema di illuminazione del bersaglio laser), ma ciò che è particolarmente importante: il drone ha una stazione di avviso di esposizione, una stazione di disturbo e mezzi per contrastare i missili con un comando radio o sistema di guida a infrarossi (dipoli, trappole a infrarossi, ecc.).

Il Reaper può essere utilizzato come piattaforma aerea di guerra elettronica o, ad esempio, come cacciatore di elicotteri: un’ampia gamma di armi e equipaggiamento per container modulari consente di personalizzare qualsiasi UAV seriale per una specifica missione di combattimento.

Durante i 74 giorni di guerra, l’Aeronautica Militare ucraina ha maturato un’enorme esperienza nell’uso degli UAV d’attacco e dispone di operatori ben addestrati che possono utilizzare l’MQ-9 senza alcuna riqualificazione (questo lo confronta favorevolmente con gli stessi missili balistici che potrebbero essere forniti in alternativa). Il drone americano ha un’interfaccia standard NATO Stanag 4586, utilizzata anche nel Bayraktar turco familiare all’Air Force, e il 90% delle sue operazioni di manutenzione può essere eseguito anche da personale completamente non addestrato con un numero minimo di strumenti.

In pratica, ciò significa quanto segue: l’aviazione ucraina non avrà bisogno di un lungo addestramento per utilizzare l’UAV Reaper. Possono utilizzarli immediatamente dopo la consegna, ampliando sia le loro capacità di ricognizione a livello operativo, sia lanciando attacchi alle infrastrutture militari e civili del confine russo (in particolare, strutture di difesa aerea, nodi ferroviari, depositi di carburante) con un’ulteriore penetrazione in profondità nel territorio della Federazione Russa.

Questa non è un’esagerazione, ma solo un’arida dichiarazione di fatti che sono stati a lungo verificati dalla pratica: l’MQ-9 è in grado di decollare a Kiev, raggiungere la regione di Mosca, sferrare una serie di attacchi missilistici e di bombe e tornare indietro. La sua autonomia di volo è di 1900 km e il tempo trascorso in aria è di 27 ore. Il carico di combattimento del drone consente di distruggere una compagnia di carri armati in una sortita utilizzando diversi tipi di armi ad alta precisione senza entrare nella zona di distruzione dei sistemi di difesa aerea a corto raggio.

A questo va aggiunta l’ampia cooperazione tra l’Air Force e l’intelligence della NATO. Le ampie capacità di raccolta e analisi dei dati dell’intelligence dell’Alleanza moltiplicheranno le capacità degli UAV di attacco scegliendo l’ora, il luogo e l’obiettivo dell’attacco.

Questa è una guerra intellettuale, di cui Igor Dimitriev ha recentemente scritto in modo eccellente (https://t.me/russ_orientalist/10648).

Il pensiero militare russo reagisce alla minaccia dell’apparizione di droni americani nell’esercito ucraino in un modo prevedibile:  “The Reaper diventerà un raccolto della difesa aerea russa ( https://m.gazeta.ru/amp/army/2022/04/17/ 14745794.shtml )”.

Dimitriev commenta così:

A mio avviso, la frase “tutto sta andando secondo un piano prestabilito” dovrebbe essere intesa a patto che nessuno cambi seriamente nulla.

Ma se qualcuno cambia qualcosa come si può dire seriamente che tutto continua ad andare secondo i piani?

Ora un’ondata di critiche ricadrà di nuovo su di me da parte dei sostenitori del cosiddetto “Piano astuto di Putin”, ma la logica di questa conclusione è quasi matematica.

https://t.me/russ_orientalist/10819

In realtà, tutte due le posizioni sono animate dalla stessa preoccupazione. Questa preoccupazione è anche la nostra: questa guerra deve finire. L’escalation con nuovi tipi di armi sempre più sofisticate, coinvolgerà porzioni sempre più elevate di popolazione e il livello di distruzione di infrastrutture (con conseguenti rappresaglie), si eleverà ancora di più. Il capitolo finale potrebbe essere l’Armageddon nucleare.

VPNews

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version