Trump condanna l’aborto di bambini disabili

Trump condanna l’aborto di bambini disabili nel messaggio di sensibilizzazione sulla sindrome di Down

Per il terzo anno consecutivo, il presidente Donald Trump ha riconosciuto il mese di sensibilizzazione sulla sindrome di Down di ottobre con una dichiarazione in cui si chiede che ogni americano venga accolto e protetto indipendentemente dalle sfide mediche che affronta, inclusa la condanna esplicita di prendere di mira i bambini con la Sindrome di Down attraverso l’aborto.

La sindrome di Down, o Trisomia 21, è un disturbo genetico tipicamente associato a ritardi di crescita fisica, tratti facciali distinti e spesso disabilità intellettiva. Nonostante queste sfide, uno studio del 2011 pubblicato sull’American Journal of Medical Genetics ha scoperto che il 99% delle persone con sindrome di Down si è descritto come “felice“, e solo il 4% dei genitori con bambini con Down ha espresso rammarico per avere i propri figli.

Ringraziamo le persone con sindrome di Down per i loro incredibili contributi alle loro famiglie, alle loro comunità e alla nostra grande nazione, e ci impegniamo a sostenerle per raggiungere il loro pieno potenziale“, ha dichiarato Trump nella dichiarazione del 1 ottobre . “La mia amministrazione rinnova anche il suo impegno per attirare l’attenzione e una comprensione più profonda delle sfide che questi straordinari americani affrontano, inclusa la loro lotta contro la discriminazione. Coloro che si ritiene abbiano la sindrome di Down rischiano anche di essere troppo spesso sottoposti alle interruzioni della loro vita prima della nascita“.

“Ogni vita umana possiede un valore incommensurabile e la mia amministrazione continuerà ad abbracciare e difendere la verità intrinseca che tutti i figli di Dio dovrebbero essere amati e amati“, ha detto. “Questo mese è un’importante opportunità per gli americani di riaffermare il nostro impegno a creare una società che apprezzi e rispetti di più la dignità della vita in tutte le sue fasi meravigliose e miracolose. Dobbiamo dedicare i nostri sforzi per garantire che gli Stati Uniti continuino a mostrare riverenza per la vita umana, sia nata che non nata”.

Le parole del presidente sono in netto contrasto con la pratica comune in tutto il mondo di abortire i bambini prematuri, in particolare perché gli è stata diagnosticata la trisomia 21.

Il Charlotte Lozier Institute pro-vita stima che l’aborto riduca la comunità di Down negli Stati Uniti del 30%. È stato stimato che il 90% dei bambini in Gran Bretagna a ricevere una diagnosi di sindrome di Down viene interrotto, il 65% in Norvegia , praticamente il 100% in Islanda e il 95% in Spagna .

A maggio, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha respinto un’istanza pro-aborto per rivedere il divieto dell’Indiana sugli aborti richiesti specificamente per caratteristiche come la Sindrome di Down; questo non ha risolto definitivamente il caso ma ha segnalato agli Stati che gli attuali giudici della Corte Suprema non impediranno loro di mettere in atto divieti simili.

Fonte https://www.lifesitenews.com/news/trump-condemns-abortion-of-disabled-children-in-down-syndrome-awareness-message

 

JOIN THE DISCUSSION