Situazione in Siria

Aleppo. Continuano gli scontri tra i militanti sostenuti dalla Turchia (TFSA) e le forze curde nell’est della provincia, nell’area vicino alla città di Al-Bab .

Idlib. Non si parla di un’operazione militare trilaterale congiunta di Russia, Turchia e Iran nell’ Idlib siriano, lo ha chiarito il portavoce presidenziale russo Dmitry Peskov  ai giornalisti a seguito di colloqui tra i presidenti di Russia, Iran e Turchia ad Ankara. “No”, ha detto, rispondendo a una domanda sul fatto che le parole del presidente russo Vladimir Putin potrebbero essere intese nel senso che contrastare i terroristi a Idlib significontempli anche  la possibilità di un’operazione militare congiunta in questa regione. In proposito Peskov ha spiegato che si sta parlando di passi “per migliorare l’efficienza (la lotta contro i terroristi)”. “Il fatto è che una parte significativa di Idlib è controllata da gruppi terroristici, che sono riconosciuti come tali dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. E il cessate il fuoco non si applica alle organizzazioni terroristiche, la lotta continuerà contro di loro “, ha aggiunto il rappresentante del Cremlino.
Le forze governative hanno bombardato posizioni di militanti HTS nel n. Maar Hatat e Maar Zita. È stato riferito che uno dei proiettili è caduto vicino al posto di osservazione turco situato vicino alla città di Maar Hatat .

Hama. Il checkpoint per il deflusso e il ritorno degli sfollati a Suran in Siria ha funzionato in entrambe le direzioni. Tutti gli arrivivati ricevono documenti temporanei e vengono loro fornite  le cure mediche necessarie. Molti autobus vengono qui inviati dalle autorità siriane per trasportare gli sfollati dai territori della provincia di Idlib nei luoghi di residenza temporanea.

Aperto alla fine di agosto, il checkpoint di Suran è iniziato a funzionare in entrambe le direzioni, a nord e a sud. Se prima erano principalmente i civili provenienti da Idlib a attraversarlo, ora i civili hanno iniziato a tornare nelle città e nei villaggi liberati.

“Solo ieri in autobus sono arrivati ​​50 passeggeri, molti bambini e donne. Ora stiamo aspettando altri autobus “, afferma un rappresentante delle autorità locali.

Alla vigilia della prima metà della giornata, oltre 1,2 mila persone sono riusciti a lasciare Idlib. Gli immigrati di Idlib sono registrati e quindi ricevono le cure mediche necessarie dal personale della Mezzaluna rossa araba siriana. I medici sono di turno qui, le farmacie mobili sono aperte. La procedura per ottenere i medicinali è molto semplice: i pazienti che arrivano in autobus vengono esaminati da un medico che scrive loro una una prescrizione, in base alla quale le persone ricevono medicinali gratuitamente.

Il Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra (CPVS) in Siria consegna gli articoli più necessari al punto di controllo; l’ordine in Suran è assicurato dal personale militare della Federazione Russa. “Per noi è importante che i pacifici cittadini che che passano di qui tornino nelle loro terre. Ci sono terre molto fertili, giardini di pistacchi etc. Tutto ciò non dovrebbe essere vuoto, dovrebbe essere stabilita una vita pacifica ”, afferma il maggiore generale Ravil Muginov, capo del distretto militare centrale. e quindi la prima cosa è ricevere assistenza e le cure mediche necessarie dallo staff della Mezzaluna rossa araba siriana.

Hasaka. Una delegazione britannica, compresi parlamentari del Partito laburista, ha visitato Qamishli . Nel discorso dei deputati, tra le altre cose, è stato detto: “Il mondo è in debito e non ottieni il sostegno che meriti … Siamo nella tua lotta per costruire una nuova società.”

Rakka. SDF e le forze di sicurezza interne hanno catturato 6 membri di una cellula ISIS dormiente guidata da Ebyu Mikhemed. Questa cellula ISIS ha condotto 14 attacchi contro SDF e forze di sicurezza interne nelle città di Tabka e Raqqa.

fonte: Anna News