Home Attualità Siria – L’eterna questione del valico di Bab al-Hawa

Siria – L’eterna questione del valico di Bab al-Hawa

0
89

Il valico turco siriano di Bab al-Hawa nei passati rapporti dell’esercito russo è stato descritto come uno dei punti chiave attraverso il quale il regime criminale di Erdogan ha importato il petrolio dell’ISIS.

L’area di questo valico di frontiera è stata bombardata da aerei russi a gennaio del 2016. Oltre che per i traffici dell’ISIS, il valico è stato usato in passato per l’accesso dei militanti dell’Esercito siriano libero in Siria. Quando esattamente i turchi hanno mentito da quell’epoca non è ancora chiaro. Ma ora, la Turchia, insieme alla cosiddetta Comunità Internazionale, esercita sulla Russia forti pressioni e ricatti perché vorrebbe pienamente in funzione il valico che sarebbe usato dall’Onu e dalla Turchia per gli aiuti umanitari.

Sappiamo che non è così, attraverso il valico non passano solo aiuti umanitari. Tuttavia, la Russia è limitata nelle sue decisioni ed è alle prese con una sanguinosa guerra in Ucraina, quindi – pur ribadendo la situazione – deve trattare con la Turchia.

Il valico di Bab al Hawa è ora aperto a vantaggio del gruppo terroristico Tharir al Sham, il cui leader è Julani. Nel maggio 2021 in prossimità del valico siro turco il rappresentante dell’intelligence britannica MI-6, ex inviato speciale britannico per la Libia Jonathan Powell, ha incontrato lunedì il leader del gruppo terroristico Jabhat al-Nusra (alias Tharir al Sham) Abu Mohammed al-Julani.

“Secondo le informazioni disponibili, i servizi di intelligence dei paesi occidentali non solo indirettamente, ma anche direttamente stabiliscono contatti con gruppi terroristici internazionali che operano in Siria. Ad esempio, l’aenzia russa Tss riportò l’anno socrso che nella Zona di Idlib vicino al checkpoint di Bab al-Hawa “al confine siro-turco, ci fu un incontro del leader dell’alleanza terroristica internazionale Hayat Tahrir al-Sham”, il leader del famigerato “An-Nusra “Abu Mohammed al-Julani con un rappresentante dell’intelligence britannica MI-6, l’ex inviato speciale britannico per la Libia, Jonathan Powell”.

Il principale argomento di discussione dell’incontro fu la possibilità di escludere Hayat Tahrir Al-Sham (uno dei nomi di Jabhat al-Nusra) dall’elenco delle organizzazioni terroristiche. Inoltre, è stato raggiunto un accordo per mantenere un canale di comunicazione permanente con il gruppo riconosciuto come gruppo terrorista dal Consiglio di sicurezza dell’ONU.

“La parte britannica ha proposto [al gruppo] Hayat Tahrir ash-Sham di annunciare che avrebbe interrotto le attività sovversive contro i paesi occidentali e stabilito una stretta cooperazione con loro “, ha affermato la fonte. -A Mohammed al-Julani è stato consigliato di rilasciare un’intervista a uno dei giornalisti americani per creare un’immagine positiva dell’alleanza terroristica che guida nell’interesse della sua successiva riabilitazione. Un certo numero di alleati britannici, in primis gli Stati Uniti, sono coinvolti nel processo di rebranding del gruppo.

In tale contesto si inserisce la questione del valico di Bab al-Hawa , ove la Comunità internazionale si ostina a usare come passaggio per gli aiuti umanitari rifiutando come interlocutore il legittimo governo di Damasco. La Russia rifiuta l’utilizzo del pieno utilizzo del valico, perché tramite di esso passano armi e si consolida la gestione del gruppo terroristico Tharir al Sham nonché la presenza turca a tempo indefinitivo.

L’articolo che segue – che in merito, aggiorna sul ‘tiro alla fune’ tra Russia e Turchia – è di Centrasia:

Vp News

Russia e Turchia potrebbero iniziare a negoziare attorno al confine siriano – I. Subbotin

A proposito del checkpoint di confine siriano Bab al-Hava al confine siriano-turco, la Russia ha dichiarato di non vedere alcun motivo per estendere il meccanismo transfrontaliero per le forniture umanitarie alla Siria sotto gli auspici delle Nazioni Unite.

Come ha spiegato Dmitry Polyansky, Primo Vice Rappresentante Permanente della Federazione Russa presso l’ONU, il mandato internazionale per le operazioni umanitarie al suddetto valico di frontiera al confine siro-turco non si giustifica: secondo Polyansky, perciò i carichi umanitari inviati nelle aree ribelli sono controllati da gruppi radicali locali. Perciò si prevede che la Russia metta il veto su questa iniziativa allo scopo di colpire le enclavi nell’area di responsabilità della Turchia.

Le dichiarazioni di Polyansky sono state rilasciate in una riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dedicata alla Siria. Polyansky ha accusato i paesi occidentali di cercare “ad ogni costo di mantenere l’attuale” status quo per quanto riguarda la fornitura di aiuti umanitari alla Siria.

“Questa situazione non è appropriata”, ha osservato il diplomatico, “non possiamo chiudere gli occhi sul fatto che i terroristi di Hayat Tahrir al-Sham, riconosciuti come tali da parte della comunità internazionale, usurpino il potere e manipolino gli aiuti umanitari, la cui fornitura, se lo si desidera, può essere facilmente organizzata da Damasco”. Separatamente, il vice ambasciatore russo all’Onu ha sottolineato che il funzionamento del meccanismo viola la sovranità della Siria.

Secondo la parte russa la ricetta per migliorare la situazione umanitaria non è solo rafforzare il ruolo di Damasco, ma anche nell’abolire le restrizioni occidentali.

“Non possiamo inoltre non notare che le Nazioni Unite stanno ancora cercando di eludere il problema dell’impatto distruttivo delle sanzioni unilaterali illegali dell’UE e degli Stati Uniti sull’economia siriana e la fornitura di assistenza umanitaria internazionale ad essa”, ha detto Polyansky.

Julani era ricercato dagli Stati Uniti per 10 milioni di dollari come terrorista
Julani era ricercato dagli Stati Uniti per 10 milioni di dollari come terrorista

Le azioni occidentali non solo sottraggono l’organizzazione dell’assistenza umanitaria al legittimo governo di Damasco – preferendo che la stessa passi attraverso una organizzazione terroristica – ma sottrae anche le risorse petrolifere, i campi agricoli che un tempo alimentavano l’intera regione” al popolo siriano. Il diplomatico ha accusato Washington di aver deliberatamente “creato carestia in un paese che un tempo aveva raggiunto la sufficienza alimentare”.

La questione del prolungamento del meccanismo di assistenza transfrontaliera sarà esaminata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite all’inizio di luglio. L’emissione di un mandato per rifornire i territori non controllati dal governo siriano è stata concordata dai membri permanenti della struttura internazionale nel 2014 sullo sfondo dell’escalation delle ostilità.

Il rappresentante dell’intelligence britannica MI-6, ex inviato speciale britannico per la Libia Jonathan Powell, ha incontrato lunedì il leader del gruppo terroristico Jabhat al-Nusra Abu Mohammed al-Julan (AP Photo/Lefteris Pitarakis)

I servizi umanitari hanno avuto l’opportunità di utilizzare i valichi di frontiera come “Bab al-Salam” (vicino alla Turchia), “Bab al-Hawa”, “Al-Yarubiya” (confine siriano-iracheno) e “Al-Ramata” (al confine con la Giordania). Tuttavia, quando i territori sono tornati sotto il controllo dell’esercito arabo siriano (SAA) del governo, il numero dei valichi transfrontalieri a disposizione delle Nazioni Unite è gradualmente diminuito.

Secondo le stime di febbraio, 4,1 milioni di persone vivono nelle regioni nord-occidentali della Siria, che si trovano nella zona di responsabilità della Turchia, che non riescono a raggiungere la “sicurezza alimentare”. Secondo un rapporto dell’organizzazione no-profit americana Mercy Corps, la stragrande maggioranza di questo gruppo vulnerabile vive in campi per sfollati interni. Sono loro che, sottolineano gli autori dello studio, sono direttamente dipendenti dagli aiuti umanitari che transitano attraverso Bab al-Hawa. Tuttavia, va notato che i posti di blocco sono utilizzati non solo dai convogli delle Nazioni Unite, ma anche da varie organizzazioni non governative turche.

C’è motivo di credere che la situazione intorno a Bab al-Hawa possa diventare oggetto di trattative diplomatiche tra Mosca e Ankara. Soprattutto perché la parte russa ha qualcosa che può ottenere dal suo partner mediorientale. Un mese fa, la Turchia ha annunciato di aver chiuso il suo spazio aereo agli aerei militari e civili russi diretti in Siria. Come ha spiegato all’epoca il ministro degli Affari esteri della Repubblica, Mevlut Cavusoglu, il permesso era stato rilasciato dalle autorità turche per un periodo di tre mesi. Doveva essere prorogato ad aprile, ma Ankara ha deciso di non farlo. La sua iniziativa è stata poi interpretata come una reazione al perdurare della crisi ucraina.

La scorsa settimana, a margine del 13° Summit economico internazionale Russia-Mondo islamico: Kazan Summit 2022, il viceministro degli Esteri russo Mikhail Bogdanov ha affermato che Mosca cercherà con Ankara di sbloccare lo spazio aereo per gli aerei che volano in Siria.

Il diplomatico ha riconosciuto che il divieto aereo imposto da Ankara ai russi “naturalmente non ha facilitato” il funzionamento delle strutture delle Forze armate (AF) della Federazione Russa nella Repubblica araba. “I contatti continuano, pensiamo che i nostri partner turchi prenderanno la decisione giusta”, ha sottolineato Bogdanov.

“Abbiamo formati comuni per lavorare sulla Siria al fine di eliminare la presenza di gruppi terroristici”. Un esperto dell’agenzia di analisi di Varsavia NEOSwiat, Karol Wasilewski, non ha escluso che la chiusura dello spazio aereo sia stata intrapresa da Ankara proprio per al fine di negoziare un’estensione del lavoro del meccanismo transfrontaliero. “La Turchia vuole impedire alla Russia di utilizzare le questioni umanitarie come strumento di politica estera ed elemento di pressione sulla Turchia, e in particolare congelare l’operazione del valico di frontiera di Bab al-Hawa per la consegna di aiuti umanitari”, ha detto l’analista i media arabi.

Siccome l’attuale mandato scade nel luglio 2022, penso che la decisione di chiudere lo spazio aereo debba essere considerata in questo contesto”. – ha detto l’analista ai media arabi. “Poiché l’attuale mandato scade nel luglio 2022, penso che la decisione di chiudere lo spazio aereo debba essere vista in questo contesto”.

Tuttavia, anche se i Paesi non riusciranno a mettersi d’accordo sullo status di Bab al-Khawa, ciò non significherà la chiusura assoluta del punto per la movimentazione del carico umanitario.

Il rappresentante dell’amministrazione di questo checkpoint, Mazen Allush, ha dichiarato alle pubblicazioni occidentali che il problema del prolungamento del mandato delle Nazioni Unite sulla piattaforma delle Nazioni Unite, ovviamente, ridurrà il volume dell’assistenza internazionale inviata alle regioni della Repubblica araba non controllata dal governo centrale, ma comunque “rimarrà aperto il passaggio per attività commerciali e altri aiuti” delle organizzazioni non governative turche che si occupano dei problemi dei siriani.

22 maggio 2022

Fonte – testata giornalistica indipendente Centrasia

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.