SIRIA – Ali Mamluk e i nuovi capi dei servizi di intelligence

Pubblicità

Il capo della direzione dell’intelligence della Siria, il maggiore generale Jamil al-Hassan, è stato recalcitrante ad adempiere le decisioni che gli erano state indicate dalla parte russa.  Come noto Mosca è al centro di una difficile attività diplomatica con Israele per salvaguardare i progressi raggiunti contro i jihadisti e , nello stesso tempo, assecondare le richieste di Tel Aviv circa un allontanamento delle forze iraniane dalla zona di confine del Golan.

Il mancato negoziato con gli israeliani ha portato alle dimissioni del maggiore generale Jamil al-Hassan una settimana dopo che erano state diffuse informazioni sull’estensione del suo mandato per un altro anno.

L’agenzia di stampa libanese Al Modon  ha rivelato i dettagli di un incontro organizzato dall’esercito russo tra il maggiore generale Jamil al-Hassan e il comandante del 5 ° corpo d’assalto con le agenzie di intelligence israeliane. L’incontro segreto si è avvenuto il 30 giugno a Umm al-Lucas.

Il sito russo InoSMI (un progetto multimediale su Internet che monitora e traduce in russo articoli pubblicati in media occidentali e stranieri) , riferendo fonti informate, afferma che la Russia ha dato disposizioni al generale Jamil al-Hassan  di approvare la proposta israeliana in cambio di un altro anno di servizio come capo della direzione dell’intelligence siriana o altrimenti respingere la proposta israeliana e dimettersi.

Pubblicità

La proposta era quella di unire il 5 Corpo d’assalto (sotto diretta supervisione della Russia)  con l’esercito siriano e ”far ripiegare le forze iraniane a 55 Km dal confine  con lo stato ebraico sulle alture del Golan, a condizione che Israele finanziasse le operazioni militari contro le forze paramilitari [jihadiste] che si rifiutano di rispettare gli accordi” di cessate il fuoco.

Le stesse”fonti informate ritengono che la nomina del maggiore generale Ghassan Ismail come vice di Jamil al-Hassan non sia avvenuta per caso. Ghassan Ismail è diventato vice comandante della direzione dell’intelligence siriana subito dopo che la salute di al-Hassan si è deteriorata. L’attuale capo della direzione della intelligence dell’aeronautica siriana  è stato ripetutamente portato in ospedale e può viaggiare solo portando al seguito una equipe medica.

Quindi come è anche intuibile facilmente, Al-Moudun Information Agency ha pubblicato informazioni sul fatto che il generale Ghassan Ismail potrebbe diventare il nuovo capo della direzione dell’intelligence della Siria.

Ghassan Ismail era stato nominato nominato vice di Jamil al-Hassan all’inizio del 2018, e dopo essere stato promosso a maggiore generale. I prerequisiti per un cambiamento nei poteri della leadership militare cominciarono ad emergere con l’espansione dei poteri di Ismail. I cambiamenti sono stati approvati dal maggiore generale Jamil al-Hassan, che ha annunciato ufficialmente nel luglio 2018 che l’anno successivo avrebbe potuto essere l’ultimo per lui come capo della direzione dell’intelligence siriana.

Pubblicità

L’allontanamento di Jamil al-Hassan è stato il primo passo in un rimpasto di vasta portata nelle forze di sicurezza, deciso dal presidente siriano Bashar Assad con l’assistenza della Russia. Il generale Mohammed Dib Zeytun, stretto collaboratore di Assad, è stato rimosso dal suo incarico di capo della direzione generale delle informazioni generali e ha assunto la carica di capo dell’ufficio di sicurezza nazionale. Il maggiore generale Hussam Luka, che negli ultimi anni era a capo del dipartimento di sicurezza politica, è stato nominato al suo posto.

Il maggiore generale Nasser Al-Ali ha preso il il posto di capo della sicurezza politica, sostituendo il tenente generale Husam Luka, che lo ha nominato personalmente come suo successore.

Grande cambiamento: la nomina di Ali Mamluk

Il più grande cambiamento nelle forze di sicurezza è associato alla nomina del capo del National Security Bureau, il maggiore generale Ali Mamluk, alla carica di vicepresidente della Siria per gli affari di sicurezza.

Pubblicità

Una fonte diplomatica siriana in un’intervista con Al-Moudun ha dichiarato che la decisione di nominare il maggiore generale Ali Mamluk come vice presidente della Siria per gli affari di sicurezza è già stata presa. Il maggiore generale Muhammad Dib Zeytun prenderà il posto di Ali Mamluk presso l’ufficio di sicurezza nazionale.

Il capo dell’Ufficio per la sicurezza nazionale, Ali Mamluk, è stato nominato vice presidente siriano per gli affari di sicurezza, e il suo posto è stato preso dall’amico intimo di Bashar Assad, il generale Muhammad Dib Zeytun, che in precedenza aveva diretto la General Intelligence Agency. I rimpasti su larga scala sono avvenuti con il sostegno di Mosca, che negli ultimi due anni si è impegnata a rafforzare i rapporti tra la direzione della sicurezza dello Stato e la parte russa. Il maggiore generale Muhammad Dib Zeytun ha fornito la divisione a completa disposizione delle forze russe.

Russi, poi russi e poi di nuovo russi

I russi sono in realtà dietro i cambiamenti su larga scala nella leadership dei servizi segreti siriani che si sono verificati negli ultimi tre mesi. Tutto è iniziato con l’instaurazione del controllo da parte russa sul quartier generale del comando delle forze del regime siriano e della direzione dell’intelligence generale, e poi sulle unità della forza aerea siriana e gli ambienti politici.

Pubblicità

Una fonte informata in un’intervista con Al-Mudun ha detto che la lista dei nomi era sul tavolo di Bashar al-Assad circa 10 giorni fa. Il presidente siriano, alla presenza di Ali Mamluk e dei consiglieri russi, ha incontrato un gruppo di ufficiali che sono stati colpiti dai cambiamenti nelle strutture di potere della Siria. Il maggiore generale Jamil al-Hassan non era presente all’incontro a causa del rifiuto di combattere l’Iran e di coordinarsi con Israele in cambio del mantenimento del suo posto.

Tuttavia, in realtà Nasser al-Ali, Husam Luka e Gassan Ismail occupano posizioni pro-iraniane e sono in stretto coordinamento con gli ufficiali della Guardia Rivoluzionaria e i militanti libanesi di Hezbollah. È noto che appartengono a uno stretto circolo del regime alawita.

Una fonte senior della sicurezza in un’intervista con Al-Mudun ha detto che i russi non potevano effettuare cambiamenti su larga scala in strutture di potere come l’intelligenza, perché avevano bisogno di persone con più esperienza nel campo della sicurezza. Nasser al-Ali, Husama Luka e Gassan Ismail non potevano nemmeno sognare nuove posizioni senza l’approvazione della Russia.

Ogni nuovo funzionario di alto rango in Siria è ben consapevole del fatto che i russi possono rimuoverlo dall’incarico o addirittura eliminarlo a causa del suo rifiuto di obbedire alle loro istruzioni, quindi dovrebbero stare lontano dal coordinamento con gli iraniani.

Il capo del National Security Bureau, il maggiore generale Ali Mamluk è stato nominato vice presidente gli affari di sicurezza della Siria. Le sue responsabilità comprendono l’espansione delle relazioni esterne e degli incontri politici pubblici, così come gli incontri segreti, che sono diventati molto diffusi in molti paesi negli ultimi anni.

Sicurezza del palazzo presidenziale

Fonti informate hanno confermato la nomina di uno stretto alleato di Bashar Assad, il generale di brigata Ali Hassan Turkmani, a capo del servizio di sicurezza del palazzo presidenziale.

Negli ultimi giorni, Ali Hassan Turkmen ha iniziato a svolgere missioni di intelligence in coordinamento con Bashar Asad, Ali Mamluk e la Russia.

Uno stretto alleato di Bashar Assad è nel palazzo dalla mattina alla sera. Si trasferisce dalla zona di Mezzeh a una villa a Yafur, dove vivono alti funzionari del regime siriano. Va notato che [tale località] è sotto il controllo della 4a divisione Panzer e Hezbollah.

Il generale di brigata Ali Hassan Turkmani è il figlio del maggiore generale Hassan Turkmani, che era a capo del quartier generale anti-crisi ed è morto durante un attacco alla sede del servizio di sicurezza nazionale siriano nel 2012.

corsivo: citazione Inosmi

@vietato parlare

 

JOIN THE DISCUSSION