Rapporto ufficiale su abbattimento di SU24: ci sono le prove che è stato pianificato.

“Tutto e stato pianificato..” Gli aerei turchi che hanno abbattuto il SU-24 russi erano in attesa da più di un’ora.

Il Capo delle Forze aeree Spaziali russe colonnello generale Viktor Bondarev ha detto che ci sono evidenze che i Jet F 16 hanno abbattuto l’aereorusso SU-24 in maniera predeterminata.

Gli aerei turchi si sono precedentemente alzati in volo ed aspettavano il Su-24.

Il piano di volo del Su-24 era noto in quando ogni operazione russa deve essere preventivamente comunicata agli USA secondo il memorandum d’intesa firmato da Mosca e Washington il 26 ottobre.
In base a tale accordo, i russi hanno informato i loro omologhi americani circa la missione dei due bombardieri, operanti nel nord della Siria il 24 novembre 2015, comprese le zone di attacco e le altezze di operatività.

Ebbene secondo i dati rilevati dai radar siriani, i due F-16 sono stati in aria per oltre un’ora in attesa dell’aeromobile russo.

col gen russo

Colonnello generale Viktor Bondarev : “I risultati del controllo effettuato su dati oggettivi delle stazioni radar confermano che i due F-16C sono stati nella zona in servizio dalle 9 ore e 11 minuti alle ore 10 e 26 minuti , quindi per un’ora 1 e 15 minuti hanno stazionato nella zona ad una altezza di 2.400 metri’’.

Il colonnello generale Viktor Bondarev nella video conferenza ha rivelato che ‘’un simile atteggiamento indica un’azione pre-programmata tesa a tenere i caccia in prontezza operativa e al momento opportuno essere pronti a sferrare un agguato in aria sopra il territorio della Turchia’’.

Bondarev ha anche detto quanto tempo ci sarebbe voluto da parte  dell’aviazione turca per arrivare in zona: se davvero fossero stati allertati a causa della violazione del confine, secondo i suoi calcoli il volo verso il luogo del lancio del missile avrebbe richiesto 46 minuti, di cui 31 minuti necessari per coprire il tragitto del volo stesso, e i 15 minuti per la preparazione e l’attuazione del decollo.

colonnello generale Viktor Bondarev : “Così, l’intercettazione del Su-24M con i caccia F 16 che partono dall’aeroporto di Diyarbakir è impossibile, dal momento che i tempi di volo necessari sono maggiori del tempo minimo per attaccare obiettivo stabiliti in ​​12 minuti”.

f 16


Chi ha violato il confine  non sono stati gli aerei russi ma sono stati gli aerei turchi.

colonnello generale Viktor Bondarev : “In conformità con i dati di registrazione forniti dal controllo obiettivo della difesa aerea, l’aereo turco era in Siria dello spazio aereo per 40 secondi ed è andato in profondità nel suo territorio per 2 km, e l’aereo russo non ha oltrepassato il confine di Stato”

Inoltre i militari sono stati informati in anticipo degli attacchi previsti dal piano russo. Il miliziano che ha fatto le riprese conosceva tempo e luogo dove sarebbe avvenuto l’attacco del Su-24 (un luogo controllato da terroristi provenienti dal Caucaso del Nord).

Dagli “Angoli di ripresa si è potuto determinare la loro posizione con buona accurtezza. E’ un territorio controllato da gruppi terroristici radicali provenienti dal Caucaso del Nord. L’operatore conosceva il tempo e il luogo in cui avrebbe potuto realizzare i suoi filmati esclusivi, “-  ha detto ai giornalisti.

Secondo lui, la copertura mediatica turca dell’incidente è stata istantanea. I missili “aria-aria” colpiscono l’aereo russo alle 10 e 24 e la pubblicazione su youtube avviene sorprendentemente solo 1 ora e mezza dopo che i fatti sono accaduti.

La ricerca del co-pilota russo del Su-24 è stato eseguita da un “gruppo ben attrezzato”.

Alla luce di queste evidenze il fatto che oggi il presidente turco Recep Tayyip Erdogan abbia suggerito alla Russia di “non giocare con il fuoco”, è veramente di una sfrontatezza inaudita.

Vietato Parlare

(le dichiarazioni rilasciate durante la conferenza stampa del Comandante Viktor Bondarev sono pubblicate in data odierna su Ruposter e altri giornali russi)

altro video dei ribelli:

[/su_youtube_advanced]

 

Pubblicità