Home Attualità Perché il referendum in Ucraina è un grosso problema

Perché il referendum in Ucraina è un grosso problema

0

Il 90% di coloro che parteciperanno ai referendum sosterrà il ritorno in Russia. A Donetsk e Lugansk, secondo i dati preliminari, il 97% dei partecipanti è favorevole. E non è nemmeno che “tutto il mondo civile” non riconosca tali risultati. In ogni caso, non li riconosce, tutti i “paesi civili” si sono già pronunciati su questo tema.

Dall’analista geopolitico M. Bhadrakumar, una approfondita analisi ragionata sulle conseguenze del referendum nei paesi in mano alle forze russe.

22 SETTEMBRE 2022DI MK BHADRAKUMAR

Il referendum del 23-27 settembre nelle regioni ucraine del Donbass e di Kherson e Zaporozhye meridionali dell’Ucraina sulla loro adesione alla Federazione Russa è, prima facie, un esercizio del diritto all’autodeterminazione da parte della popolazione autoctona che rifiuta il cambio di regime sostenuto dall’Occidente a Kiev nel 2014 e l’ascesa di forze nazionaliste estreme con tendenze neonaziste nella struttura del potere. 

Ma ha anche altre dimensioni. Con ogni probabilità, il referendum opterà in modo schiacciante per l’adesione alla Federazione Russa. Nel Donbass, la domanda è semplice: “Sostieni l’ingresso del DPR nella Federazione Russa come soggetto della Federazione Russa?” Per Kherson e i cosacchi Zaporozhye, il referendum accerta tre decisioni sequenziali: secessione di questi territori dall’Ucraina; formazione di uno stato indipendente; e il suo ingresso nella Federazione Russa come soggetto.  

Nel 2014 tutte le procedure legali per l’ammissione della Crimea e di Sebastopoli nella Federazione Russa sono state completate in quattro giorni. Anche questa volta ci si può aspettare un processo rapido. C’è un enorme sostegno di massa all’interno della Russia per la riunificazione con le popolazioni etniche russe nelle regioni orientali e meridionali dell’Ucraina che hanno subito gravi persecuzioni negli ultimi 8 anni, comprese violenze brutali, per mano di elementi estremisti nazionalisti ucraini che controllavano l’apparato statale. Questa è una questione altamente emotiva per il popolo russo. 

Nell’era del dopoguerra fredda, il genio dell’autodeterminazione fu tirato fuori dalla bottiglia per la prima volta dall’Occidente durante lo smembramento dell’ex Jugoslavia. Sebbene l’ostetrica statunitense abbia dichiarato la secessione del Kosovo dalla Serbia già nel 1999-2008, l’entità deve ancora ricevere il riconoscimento da parte delle Nazioni Unite. La Serbia rifiuta la secessione nonostante le continue pressioni occidentali. 

Detto questo, il precedente del Kosovo non impedirà alle potenze occidentali di condannare l’adesione di regioni dell’Ucraina alla Federazione Russa.

La grande domanda di oggi riguarda il calcolo russo. Il presidente Vladimir Putin ha sicuramente tenuto conto del fatto che l’adesione delle “regioni russe” dell’Ucraina orientale e meridionale è una decisione immensamente popolare nell’opinione interna.  Non ha mai nascosto di essere molto sensibile alle speranze e alle aspirazioni della sua nazione. I commenti più rivelatori (e autorevoli) su questo argomento sono arrivati ​​dall’ex presidente Dmitry Medvedev.

Medvedev ha scritto nel suo canale Telegram: “I referendum nel Donbass sono di grande importanza non solo per la protezione sistemica degli abitanti di LNR, DNR (Donbass) e altri territori liberati, ma anche per il ripristino della giustizia storica”. 

Secondo Medvedev, questi plebisciti “cambiano completamente il vettore di sviluppo della Russia per decenni” Aggiunge : “E non solo il nostro Paese. Perché dopo che questi (referendum) si saranno tenuti e i nuovi territori saranno accettati in Russia, la trasformazione geopolitica nel mondo diventerà irreversibile”. 

Ancora più importante, Medvedev avverte: “Un’invasione del territorio della Russia è un crimine, la cui commissione consente di utilizzare tutte le forze di autodifesa”. 

 Inoltre, afferma, una volta completato il processo di annessione dei nuovi territori, “nessun futuro leader della Russia, nessun singolo funzionario sarà in grado di ribaltare queste decisioni. Ecco perché questi referendum sono così temuti a Kiev e in Occidente. Per questo devono essere eseguiti“. 

Ciò che emerge è che la Russia ha rinunciato alle speranze di qualsiasi soluzione negoziata. Mosca inizialmente era ottimista sul fatto che Kiev avrebbe negoziato, ma l’amara esperienza si è rivelata che il presidente Zelensky non era un soggetto libero. Il tandem USA-Regno Unito ha minato l’accordo negoziato da funzionari russi e ucraini a Istanbul ad aprile sotto la mediazione turca. L’amministrazione Biden tiene il cronometro per la guerra per procura. E la cronologia di Washington è legata all’indebolimento e alla distruzione dello stato russo, che è stato l’obiettivo finale degli Stati Uniti.  Per non dimenticare, Joe Biden ha svolto un ruolo fondamentale nell’instaurazione del nuovo regime a Kiev nel 2014 e nel plasmare l’Ucraina come uno   stato anti-russo.

Basti dire che il referendum di mercoledì è l’unica linea d’azione disponibile per la Russia date le circostanze, mentre Kiev mantiene una posizione massimalista come consigliato da Stati Uniti, Regno Unito e Polonia. 

L’adesione di Donbass, Kherson e Zaporozhye crea una nuova realtà politica e la parziale mobilitazione della Russia su binari paralleli ha lo scopo di fornire le basi militari per essa. L’adesione significa un cambio di paradigma nella misura in cui qualsiasi ulteriore attacco a queste regioni può essere interpretato da Mosca come un attacco all’integrità territoriale e alla sovranità della Russia. 

Certamente, gli attacchi sfrenati di Kiev  ai civili e alle infrastrutture civili in Donbass, Kherson e Zaporozhye scateneranno la reazione russa. Qualsiasi attacco sarà considerato un’aggressione e Mosca si riserva il diritto di rispondere “in modo adeguato”.  Il fatto che il dispiegamento russo in questi territori sarà notevolmente aumentato e potenziato segnala la volontà di usare la forza. 

Nel frattempo, le operazioni militari speciali della Russia continueranno fino a quando gli obiettivi prefissati non saranno pienamente realizzati. Il che significa che ancora più territori potrebbero finire sotto il controllo russo, creando fatti sempre nuovi sul campo, mentre la via del dialogo si è estinta . E, naturalmente, tutto questo si giocherà in un momento in cui l’Europa cadrà in recessione, come sanzioni contro il boomerang russo. È improbabile che l’opinione pubblica europea sosterrà i propri governi per entrare in guerra con la Russia per l’Ucraina. Kiev e i suoi mentori a Washington e Londra devono considerare tutto questo con molta attenzione.

Il portavoce del Pentagono Patrick Ryder ha reagito così: “Nessuno prenderà sul serio tali referendum fasulli e gli Stati Uniti non riconosceranno certo i loro risultati. In che modo questo influirà sul nostro sostegno internazionale all’Ucraina? Ciò non influirà in alcun modo, continueremo a lavorare con l’Ucraina e i nostri partner internazionali per fornire loro l’assistenza necessaria per proteggere il loro territorio”. 

Questa è un’affermazione sufficientemente evasiva espressa con parole coraggiose.  Né il Pentagono né il comando militare russo vorranno affrontare il rischio. È probabile che l’adesione dei nuovi territori alla Federazione Russa non venga contestata militarmente dagli USA o dalla NATO.

Detto questo, la Russia è comunque in guerra con la NATO, come ha affermato il ministro della Difesa Sergey Shoigu , anche se non in termini di forniture di armi statunitensi, che “troviamo il modo di contrastare”, ma nei sistemi occidentali esistenti: sistemi di comunicazione, elaborazione delle informazioni sistemi, sistemi di ricognizione e sistemi di intelligence satellitare.

Il punto è che l’adesione delle regioni di Donbass, Kherson e Zaporozhye alla Federazione Russa è un passo irrevocabile che non può e non sarà annullato finché la Federazione Russa rimarrà uno stato indipendente, come ha sottolineato Medvedev. Gli Stati Uniti – e il “collettivo occidentale” e la NATO – lo sanno. In parole povere, l’algoritmo di guerra per procura della NATO è diventato obsoleto e diventa un pezzo da museo.

L’analogia della CIA con la jihad afgana degli anni ’80 non regge più, cioè, se mai lo è stata. In effetti, la Russia ha evitato un “pantano” in Ucraina e sta per ribaltare la situazione sulla NATO.

Nel discorso nazionale di Putin mercoledì, aveva detto: “In caso di minaccia all’integrità territoriale del nostro Paese e per difendere la Russia e il nostro popolo, faremo sicuramente uso di tutti i sistemi d’arma a nostra disposizione. Questo non è un bluff”. Putin ha anche affermato che la Russia ha una capacità di attacco nucleare superiore. 

Per rendere le cose doppiamente sicure che il messaggio sia andato in porto, Mosca oggi ha alzato il velo sul suo nuovissimo missile balistico intercontinentale Sarmat. I risultati del referendum devono essere determinati entro e non oltre 5 giorni dall’ultimo giorno delle votazioni (27 settembre) e la questione dell’adesione alla Russia si considera approvata se più del 50% dei partecipanti al plebiscito vota a favore. Significativamente, la Duma di Stato russa terrà sessioni plenarie a Mosca il 27 e 28 settembre. 

(fonte: https://www.indianpunchline.com/why-ukraine-referendum-is-a-big-deal/)

*****

Correlati – Filmato del reporter Rangeloni: il punto di vista della popolazione

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version