Home Attualità Pechino ricambia e muove sanzioni a diverse società statunitensi

Pechino ricambia e muove sanzioni a diverse società statunitensi

0

La situazione tra Cina e Stati Uniti continua a peggiorare, portando alla crescita delle tensioni commerciali per le società americane che operano in territorio cinese. Nel tentativo di ridurre la dipendenza dai prodotti americani e limitare il loro accesso al mercato cinese, le autorità di  Questo rappresenta il culmine di un conflitto commerciale che ha avuto inizio già durante l’amministrazione di Donald Trump e che ha reso ancora più difficili i rapporti tra i due paesi.

Le sanzioni hanno riguardato soprattutto alcune delle società americane più importanti, come Lockheed Martin e Raytheon, che hanno ospitato la vendita di armi a Taiwan. In risposta, la Cina ha imposto sanzioni a queste società, mettendo in difficoltà la loro presenza sul mercato interno cinese. Altri settori colpiti dalle sanzioni includono il fornitore di chip e microcircuiti Micron, colpito dalle misure protezionistiche cinesi, e le società di consulenza Mintz Group e Deloitte, che hanno visto i loro uffici chiusi.

L’azione aggressiva della Cina contro queste società si può spiegare anche come una risposta alla politica di blocco tecnologico organizzata dall’amministrazione americana contro le aziende cinesi. Questo è stato un punto fondamentale della politica commerciale americana verso la Cina, e ha visto il governo degli Stati Uniti imporre sanzioni contro società come Huawei e ZTE sulla base di accuse di spionaggio industriale e tecnologico.

Le tensioni commerciali tra Cina e Stati Uniti, tuttavia, non riguardano solo il mercato interno cinese. Infatti, secondo fonti accreditate, le autorità cinesi stanno cercando di ridurre la loro dipendenza dalle importazioni di prodotti americani, lavorando per stabilire nuovi legami commerciali con altre parti del mondo. In particolare, sembra che la Cina stia concentrando i suoi sforzi sui paesi dell’Asia meridionale, in particolare sull’India, che rappresenta una grande opportunità per il commercio e le relazioni di investimento.

La Cina ha inoltre annunciato di voler aumentare gli investimenti nelle tecnologie avanzate e di aver imposto ai produttori di autostrade cinesi di utilizzare esclusivamente veicoli a energia pulita. Questo indica non solo un impegno verso la sostenibilità ambientale, ma anche un interesse nell’industria high-tech, un settore chiave per la crescita economica e lo sviluppo del paese.

Nonostante le sanzioni imposte dalle autorità cinesi, molte aziende americane stanno ancora cercando di mantenere la loro presenza sul mercato interno cinese, anche se a un costo più elevato. Tuttavia, il crescente conflitto commerciale e le tensioni politiche tra i due paesi rappresentano una minaccia per la stabilità economica globale, in particolare per le società che operano in entrambi i paesi o che dipendono dai legami commerciali tra Cina e Stati Uniti.

In questo scenario, sia gli Stati Uniti che la Cina sono chiamati a trovare un modo per risolvere le loro divergenze ed evitare una spirale di sanzioni commerciali che potrebbero avere conseguenze a lungo termine sulle relazioni tra i due paesi. La questione è diventata così grande che richiederebbe la creazione di un nuovo organismo globale per la risoluzione dei conflitti commerciali, con il compito di ridurre le tensioni tra le nazioni e prevenire conflitti di maggiore entità.

Ma più probabilmente questo non accadrà per due ragioni: la prima ragione è che l’Europa segue pedissequamente gli USA, la seconda ragione è che il mondo nella nuova guerra fredda in corso farà a meno di commerciare con gli Stati Uniti.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version