Nuovi studi confermano la pericolosità del glifosato

Pubblicità

Dal crollo degli anni ’60 sui pericoli dell’uso diffuso dell’agricoltura sul diserbante, il DDT, nessun altro erbicida o sostanza chimica dell’agricoltura ha suscitato l’opposizione più diffusa del glifosato. Il glifosato è l’ingrediente principale e solo pubblicamente divulgato nell’erbicida leader mondiale, Roundup di Monsanto / Bayer. Con la feroce opposizione di molti Stati membri dell’UE, nel 2018 a causa di una manovra subdola dell’ex ministro tedesco dell’agricoltura, la Commissione europea ha deciso di continuare a consentire il controverso pesticida. Ora test recenti hanno aggiunto al corpo di prove che il glifosato è cancerogeno e dovrebbe essere vietato immediatamente.

Il 10 febbraio 2019 la rivista scientifica Mutation Research ha pubblicato i risultati di un nuovo importante studio sui possibili effetti cancerogeni degli erbicidi a base di glifosato (GBH). Gli autori hanno osservato: “Abbiamo studiato se esistesse un’associazione tra elevate esposizioni cumulative a GBH e aumento del rischio di linfoma non-Hodgkin (NHL) negli esseri umani. Abbiamo condotto una nuova meta-analisi che includeva l’ultimo aggiornamento della coorte dell’Agric Health Study (AHS) pubblicato nel 2018 insieme a cinque studi caso-controllo. Usando i gruppi di esposizione più elevati quando disponibili in ogni studio, riportiamo che il rischio meta-relativo complessivo (meta-RR) di NHL in soggetti esposti a GBH è aumentato del 41% … “Gli autori dello studio hanno concluso che esisteva un” legame convincente tra esposizioni a GBH e aumento del rischio perNHL . “

Un rischio maggiore del 41% di linfoma è significativo.

Rachel Shaffer, una co-autrice dello studio presso l’Università di Washington, ha dichiarato dei risultati, “Questa ricerca fornisce l’analisi più aggiornata del glifosato e il suo collegamento con Linfoma non-Hodgkin, incorporando uno studio del 2018 di più oltre 54.000 persone che lavorano come applicatori di pesticidi autorizzati “.

Lo studio dell’Università di Washington supporta la conclusione del 2015 dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’OMS, che ha classificato il glifosato come “probabile cancerogeno per l’uomo”. L’OGM e la relativa industria agrochimica hanno fatto tutto il possibile per contrastare l’impatto della relazione indipendente IARC.

Roundup oggi è l’erbicida più usato al mondo. Dalla commercializzazione delle colture OGM negli Stati Uniti dopo il 1996, la quantità di glifosato con cuscinetto arrotondato è aumentata notevolmente a livello mondiale. Solo negli Stati Uniti, l’uso è aumentato di circa sedici volte tra il 1992 e il 2009. Ciò che non viene spesso compreso, le colture OGM brevettate sono modificate per resistere al Roundup tossico, nient’altro.

Oltre ad uccidere le infestanti su semi di soia OGM o mais, Roundup o altri GBH vengono nuovamente spruzzati sui raccolti appena prima del raccolto per accelerare la loro essiccazione, dando alle colture un residuo di glifosato di gran lunga superiore. Dato che almeno negli Stati Uniti le colture OGM hanno permeato l’intera catena alimentare, anche l’esposizione al glifosato e alle tossine correlate si è diffusa.

L’UE si blocca sul divieto del glifosato

Pubblicità

Nonostante le decisioni prese da numerosi Stati membri dell’UE contro l’uso del glifosato a seguito del ritrovamento dello IACR del 2015 e di milioni di petizioni dei cittadini alla Commissione UE di Bruxelles che chiedono di non rinnovare la licenza per il glifosato, la potente lobby agrochimica fino ad oggi è dominante.

L’UE ha appena pubblicato i risultati di uno studio di 2 anni sugli effetti del mais OGM sui ratti. Si tratta di una risposta a un precedente studio scioccante, il primo mai superato il 2 ° anno di vita normale del ratto, degli effetti del mais Monsanto GMO e del relativo assassino di erbe infestanti Roundup. Lo studio di Seralini del 2014 ha riscontrato carenze croniche renali molto significative nei ratti alimentati con OGM, tumori del cancro e morte precoce tra altri risultati allarmanti .  La Monsanto e l’industria agrochimica hanno lanciato una guerra di fatto per screditare il dannato studio di Seralini. Uno dei risultati di questo sforzo è lo studio di due anni finanziato dall’UE noto come G-TwYST che è stato appena pubblicato.

Lo studio dell’UE sugli effetti che alimentano i ratti Mon NK603 + Roundup, è ingannevolmente intitolato: “Mancanza di effetti avversi negli studi di tossicità subcronica e carcinogenicità sul mais geneticamente modificato resistente al glifosato NK603 nei ratti Wistar Han RCC”. come non hanno trovato problemi, a differenza del gruppo di Seralini. Tuttavia, quando ci prendiamo la briga di leggere effettivamente lo studio, sepolto in profondità nel testo è il seguente:

“… il tasso di mortalità dei ratti maschi nutriti con la dieta 33% NK603 + Roundup era significativamente più alto di quello del gruppo di controllo corrispondente. La causa più comune di morte prematura in entrambi i gruppi era un adenoma pituitario anteriore, 12 nel gruppo di controllo e 17 nel gruppo alimentato con il 33% di NK603. La successiva causa più comune di morte prematura è stata una nefropatia progressiva cronica renale, 1 nel gruppo di controllo e 3 nel gruppo alimentato con il 33% di NK603 +  dieta Roundup .

Lo studio dell’UE ha ignorato questo aspetto nella conclusione e ha concluso che non erano necessari studi a lungo termine sugli animali per la valutazione del rischio di piante geneticamente modificate.

Ratti grassi …

Al fine di ottenere il loro risultato benigno, gli autori dello studio dell’UE hanno dovuto spiegare l’aumento della mortalità nei ratti maschi alimentati con mais Monsanto NK603 GMO con Roundup correlato ai tumori ipofisari. Per far ciò, hanno affermato che i ratti GM-Glyphosate hanno mangiato più, portando ad un “forte aumento” del peso corporeo tra il 12 ° e il 24 ° mese dello studio, rispetto al gruppo di controllo non alimentato con OGM.

Significativamente, non hanno chiesto perché i ratti GMO + Roundup nutriti erano più grassi dei ratti nutriti con la Roundup non OGM. Ciò potrebbe far luce sulle cause dell’obesità epidemica negli USA e nelle popolazioni dell’UE negli ultimi 20 anni, dato che l’uso del glifosato è aumentato vertiginosamente. Gli scienziati dell’UE hanno convenientemente ignorato sia il maggior numero di morti nei maschi alimentati con mais NK603 + Roundup, sia l’aumento del peso corporeo negli stessi animali. GMWatch pone la domanda pertinente: “Questo travisamento dei risultati dello studio solleva la questione del motivo per cui gli scienziati finanziati con il denaro dei contribuenti europei avrebbero apparentemente minimizzato tali risultati, ingannando il pubblico e la comunità scientifica “.

Nell’agosto 2018 una giuria californiana si è pronunciata a favore di un giardiniere scolastico esposto a un significativo Roundup nel corso degli anni che ha contratto un linfoma non Hodgkin che sosteneva fosse dovuto all’esposizione Roundup. La corte ordinò a Monsanto di pagare $ 289 milioni a Dewayne Johnson. Da allora la Monsanto è diventata bersaglio di migliaia di cause simili e il prezzo delle azioni della capogruppo, Bayer AG, è diminuito significativamente su una prospettiva negativa.

È tempo di chiedere più della trasparenza negli studi governativi sugli effetti degli agrochimici. Il principio di precauzione accettato richiede che le agenzie governative proteggano la salute e la sicurezza generali in caso di dubbio. L’esposizione pervasiva al glyphosate da parte dell’uomo e della catena alimentare è associata a tumori più elevati, obesità, danni agli organi e altri rischi è chiaramente indicato. La risposta prudente richiederebbe il divieto totale a meno che e fino a quando gli effetti non saranno completamente e indipendentemente determinati.

Pubblicità

F. William Engdahl è consulente di rischio strategico e docente, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best-seller su petrolio e geopolitica, in esclusiva per la rivista online  “New Eastern Outlook”.

Source link