“Mano nella mano sosteniamo la nostra rivoluzione”: la nuova tattica di Al Qaeda ad Idlib

Pubblicità

Il rifiuto della democrazia è un filo conduttore che attraversa i gruppi jihadisti. Il gruppo siriano Hay’at Tahrir al-Sham (HTS), che si è evoluto dall’ex affiliato di al-Qaeda Jabhat al-Nusra, non fa eccezione. In effetti, il rifiuto della democrazia è uno dei principi chiave di HTS .

Vale la pena, tuttavia, esplorare il rifiuto della democrazia da parte dell’HTS in modo più dettagliato. Il commento qui sotto è stato pubblicato sul canale di Abu Abdullah al-Shami (Abd al-Rahim Atoun: una figura di spicco nell’HTS) e condiviso su altri canali di leader HTS (ad esempio al-Zubeir al-Ghazi e Abu Mariya al-Qahtani) .

È un commento sulla menzione della democrazia in una recente iniziativa della società civile nella città di Idlib(che è controllato da HTS) che ha caratterizzato la partecipazione di molte associazioni e organismi, compresi quelli provenienti dalla campagna del nord di Aleppo occupata dai turchi, un’area le cui dinamiche differiscono considerevolmente da Idlib e dai suoi dintorni.

L’argomento per il rifiuto della democrazia (cioè che contraddice l’Islam perché affida il dominio a qualcuno oltre a Dio) è familiare. Tuttavia, il commentario sostiene anche che quando molti musulmani sostengono la democrazia, non lo fanno sapendo che contraddice l’Islam, ma piuttosto perché pensano erroneamente che sia compatibile con l’Islam. Ad esempio, pensano che i meccanismi della democrazia siano conformi al principio islamico della Shura (consultazione). Inoltre, molti pongono erroneamente una dicotomia tra democrazia e dittatura, ed equiparano la democrazia alla libertà, non opposta nello spirito all’Islam quando è in contrasto con la dittatura.

Pubblicità

Come tale, il commentario suggerisce che la via da seguire non è quella di essere severi con i musulmani che sostengono la democrazia, ma piuttosto di educarli con mitezza e dolcezza. In altre parole, si può vedere questo commento come un appello a un generoso approccio “scusa nell’ignoranza” nei confronti dei musulmani che sostengono la democrazia nonostante il fatto che contraddica l’Islam. Inoltre, il commentario mette in guardia dal pensare che l’amministrazione della società sia come l’amministrazione di un battaglione o di un gruppo basato su un’ideologia. Invece, l’istinto islamico esistente come nelle aree “liberate” della Siria nord-occidentale deve essere curato e coltivato nel tempo.

La parola democrazia dichiarata da una delle persone al margine di un incontro che reca lo slogan “Mano nella mano sosteniamo la nostra rivoluzione”.

Consideriamolo nei fatti dati:

1. HTS- come è ben noto dalle sue dichiarazioni, pubblicazioni e manhaj [programma] che insegna ai suoi soldati e al suo manhaj generale- non considera la democrazia come giusta, in quanto contravviene al solo riferimento di autorità per HTS che è la Shari’a islamica.

Pubblicità

2. La democrazia ha una dottrina e ha i suoi mezzi di attuazione. La democrazia in senso dottrinale contravviene all’Islam, in quanto l’Islam sorge nel far sì che il governo appartenga a Dio, mentre la democrazia sorge nel far sì che il governo appartenga ad una persona oltre a Dio (chiunque altro possa essere). Per quanto riguarda i meccanismi della democrazia, come le elezioni, ad esempio, ha alcuni aspetti di somiglianza con i meccanismi del sistema islamico in regola, e qui la questione potrebbe confondere qualcuno in quanto pensano che la democrazia sia in accordo con l’Islam, e tra questi coloro che hanno pensato che sia una forma di applicazione del principio di Shura nell’Islam.

Allo stesso modo, la democrazia è lodata per le libertà in opposizione ai sistemi totalitari di dittatura, quindi alcuni cadono nella dicotomia “democrazia contro dittatura”, così pensano che la democrazia sia l’unica alternativa alla dittatura.

3. Colui che usa la parola democrazia dalle masse musulmane che sono nella posizione delle masse e degli imitatori nella conoscenza della Shari’i, anche se sono in un certo grado di natura e conoscenza colte in altri aspetti dei campi della conoscenza: che la persona non significa per la maggior parte il significato che contraddice la Shari’a islamica, poiché non sa fino a che punto la democrazia contraddice l’Islam. Quindi bisogna osservare il significato di quella persona, e attraverso la realtà sappiamo che la maggior parte di coloro che usano la parola o termine democrazia dalle masse musulmane significa con ciò la libertà di cui sognano che non è in conflitto con il suo spirito con la religione dell’Islam , in contrasto con lo stato di cose sotto l’autorità della dittatura.

Questo è il caso della maggior parte dei musulmani. In quanto tale, l’obbligo del mashayakh e di Ahl al-L’m e dei predicatori e dei mujaheddin nei loro confronti è quello di spiegare, chiarire ed educare e prenderli per mano per far loro conoscere i significati precedenti con ogni dolcezza e mitezza. , lontano dalla censura, dalla durezza, dalla punizione e dal procedimento giudiziario.

Pubblicità

4. L’episodio cui alludere non dovrebbe essere usato per attaccare nessun lato o registrare punti e posizioni, ma piuttosto rappresenta l’estensione della mancanza di tutte le parti nella disseminazione del da’wa tra la gente dopo otto anni di questa rivoluzione e questo benedetto jihad.

5. Anche se la riunione era sotto la supervisione di HTS o all’interno delle aree del suo controllo o con la sua benedizione, non è consentito tenerla responsabile per l’errore precedente.

 

6. Se i soldati del jihad e guardiani della rivoluzione dai figli di HTS e tutti i mujahid e combattenti sulla terra di al-Sham da qualsiasi fazione pensano che l’amministrazione della società e del popolo sarà come l’amministrazione del battaglione militare, hanno torto, e questo loro errore li porterà al fallimento, e non saranno di aiuto per la loro leadership nell’amministrazione del palco dopo che le responsabilità cresceranno e gli oneri aumenteranno.

Piuttosto, saranno un peso fintanto che non comprenderanno lo stato sociale e i mezzi per amministrarlo, come l’amministrazione della società in tutti i suoi colori, lati, oltre ai suoi colori e sfondi intellettuali e culturali e al suo milione di figure , differisce fondamentalmente dall’amministrazione di un battaglione militare, o l’amministrazione di un gruppo di un’ideologia specifica.

Pubblicità

E che la generazione dei giovani mujaheddin sappia che la società presente in questo momento nelle aree liberate non si trova sulle stesse concezioni ideologiche di questa fazione o di quella, e la gente non conosce i dettagli delle questioni di manhaj di pensiero per ogni gruppo e le masse della gente sono in general fitra [istinto / carattere] islamico che è stato il vero mobilitatore per le rivoluzioni.

di Aymenn Jawad Al-Tamimi •