L’Iraq non diventerà una piattaforma per un attacco all’Iran

Scritto da Elijah Magnier, corrispondente di guerra internazionale per il Medio Oriente con sede in Medio Oriente per Al Rai Media

L’intenzione dichiarata dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump di rimanere in Iraq per “guardare un po ‘l’Iran perché l’Iran è un vero problema” ha creato una tempesta politica in Mesopotamia tra politici locali e gruppi ora decisi a porre fine alla presenza americana nel paese . Molti sono turbati dalla dichiarazione di Trump, che afferma che “le forze americane si stanno allontanando dalla loro missione iniziale per combattere il terrorismo, la ragione per cui sono autorizzati a rimanere in Iraq”. Il presidente iracheno Barham Saleh ha commentato che l’amministrazione statunitense non ha chiesto il permesso all’Iraq per le truppe statunitensi di stanza nel paese per “guardare l’Iran “.

Le forze americane sono state dispiegate in Iraq in gran numero dal 2014, quando l’ISIS occupava un terzo del paese. L’establishment statunitense sotto la presidenza Obama si è astenuto dal correre a sostenere il governo iracheno, lasciando spazio all’Iran per agire rapidamente e inviare armi e consiglieri militari a Baghdad e Erbil . La reazione intenzionalmente lenta degli Stati Uniti ha spinto il Grande Ayatollah Sayyed Ali Sistani a chiedere la mobilitazione della popolazione, un richiamo che ha portato alla creazione delle Forze di mobilitazione popolare (PMF), noto come Hashd al-Shaabi , che è riuscito a fermare l’ISIS ‘ progredire.

Immagine via ejmagnier.com

Inoltre, in risposta alla richiesta dell’Iraq, è stata creata una sala operativa militare congiunta nella “Zona verde” di Baghdad, dove sono ancora presenti alti ufficiali russi, iraniani, iracheni e siriani, che coordina gli attacchi militari e condivide informazioni elettroniche e di intelligence sull’ISIS. e i movimenti dei suoi militanti, cellule dormienti e leader.

Gli Stati Uniti si sono anche offerti di condurre operazioni di intelligence e attacchi aerei contro ISIS. Tuttavia, durante il periodo in cui la minaccia dell’ISIS è diminuita, il numero delle forze statunitensi è più che raddoppiato , da  5.200  a 11.000, secondo fonti del governo iracheno; alcune fonti irachene affermano che i numeri reali sono molto più grandi, con ben 34.000 militari americani sparsi su 31 basi e posizioni, insieme con le forze irachene. Non ci sono basi militari solo per le forze statunitensi.

Gli americani hanno ufficialmente sede a Camp Victory all’interno del perimetro dell’aeroporto di Baghdad, il campo Al-Taji situato a 25 km a nord di Baghdad, base aerea di Balad, 64 km a nord di Baghdad, Al-Habbaniyah Camp tra Ramadi e Falluja, Qay’yara Airfield 300 km a nord di Baghdad, base Kariz a Zummar Nineveh, base aerea di Ayn al-Assad vicino a Baghdadi nella provincia di al-Anbar, base aerea di Kirkuk al-Hurriya, base di Bashur a Erbil, base di comando e controllo dell’aeroporto internazionale di Erbil, Harir Shaqlawa Kurdistan a Erbil e Atrush Field in Duhok.

Le forze statunitensi hanno costruito una nuova base aerea vicino ad al-Qaem ai confini iracheno-siriano e un’altra vicino a al-Rutbah a est di Ramadi e vicino ai confini siriani. Le forze statunitensi hanno una presenza militare all’interno delle forze di sicurezza irachene in varie località e campi, principalmente all’interno delle unità antiterrorismo.

Trump ha visitato una di queste basi, Ayn al-Assad, durante le vacanze di Natale e Capodanno. La violazione del protocollo associato alla sua visita ha creato sconvolgimenti interni, portando molti iracheni a chiedere al Parlamento di  espellere le forze statunitensi dall’Iraq ; i tre principali funzionari iracheni (Presidente, Presidente e Primo Ministro) si sono rifiutati di incontrarlo nella parte statunitense della base. Per ragioni di sicurezza, il presidente degli Stati Uniti è stato costretto a mantenere segreta la sua visita in un paese in cui ha migliaia di forze sul terreno. Al contrario, il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Jawad Zarif, ha  visitato l’Iraq per cinque giorni incontrando funzionari locali a Baghdad, Najaf e Karbala.

Il presidente Trump ha effettuato una visita di vacanza a sorpresa in Iraq il 26 dicembre, che ha incontrato controversie per i politici iracheni.

Le organizzazioni irachene   che hanno combattuto per anni l’ISIS e condividono l’obiettivo dell’Iran di respingere l’egemonia degli Stati Uniti nella regione – hanno  minacciato di attaccare le forze statunitensi se non lasciassero immediatamente il paese . Tuttavia, fonti vicine ai responsabili delle decisioni riferiscono che “non ci si aspetta che i gruppi iracheni attaccino immediatamente le forze statunitensi”.

“L’Iran ha chiesto a tutti i loro amici in Iraq di astenersi dall’attaccare le forze statunitensi e invece di armarsi di pazienza per il giorno in cui le forze Usa si rifiutano di andarsene se e quando il Parlamento approverà un disegno di legge che chiede loro di tornare a casa. Se ciò dovesse accadere, le forze statunitensi sarebbero considerate una forza di occupazione, dando legittimità alla resistenza irachena per raggiungere il loro obiettivo “ , ha detto la fonte.

Queste organizzazioni irachene seguono da vicino il movimento delle forze USA nel paese. Considerano l’establishment degli Stati Uniti una fonte di problemi per il paese e la regione. La scorsa settimana, l’  Hashd al-Shaabi ha costretto una pattuglia statunitense a tornare dalla loro missione, impedendo loro di entrare a piedi nella città di Mosul. Le forze irachene considerano gli Stati Uniti  divergenti dalla propria missione per aiutare l’Iraq a combattere il terrorismo quando le forze statunitensi pattugliano le città irachene per i propri scopi di addestramento .

Hashd al-Shaabi ha un rancore contro le forze americane per aver bombardato le forze irachene ai confini tra Iraq e Siria, causando dozzine di vittime. I funzionari statunitensi hanno offerto ripetute scuse, accusando Israele dell’attentato e promettendo che tali “errori” non si sarebbero ripetuti in futuro. I funzionari degli Stati Uniti temevano la reazione di Hashd e si preoccupavano delle proprie truppe sul terreno.

Secondo fonti irachene, il Parlamento “ha bisogno di diversi mesi per coordinare una grande azione e la preparazione di una proposta di legge che chieda il ritiro delle forze statunitensi dal paese. Questa campagna dovrebbe essere guidata dal leader sadico Sayyed Moqtada al-Sadr “.

Il presidente iracheno Barham Salih. Fonte immagine: foto AP

I gruppi sadristi sono temuti dagli Stati Uniti per la loro lunga storia di attacchi contro le truppe americane durante l’occupazione dell’Iraq tra il 2003 e il 2011. I principali responsabili dell’attacco e dell’uccisione delle forze di occupazione statunitensi sono stati i leader sadristi che oggi guidano i propri gruppi: Asaeb Ahl al -Haq, Kataeb al-Imam Ali e Harakat al-Nujaba ‘.

Dal 2003-2011, gli Stati Uniti si sono dichiarati una forza di occupazione. Oggi queste forze sono presenti su richiesta ufficiale del governo centrale di Baghdad. Quindi, la loro partenza dovrebbe seguire un’iniziativa parlamentare , secondo l’articolo 61 della Costituzione.

Il governo iracheno vorrebbe evitare una posizione aggressiva nei confronti degli Stati Uniti e non sta cercando di avere Washington come un nemico. Allo stesso tempo, l’ Iraq non vuole essere considerato sottomesso e sotto l’ala degli Stati Uniti e delle sue politiche . Gli Stati Uniti puntano a tirare fuori le proprie forze dalla Siria   se i consiglieri di guerra di Trump gli permettono di farlo   di schierarli in Iraq, una mossa che dovrebbe aumentare il numero delle forze Usa in Iraq. Ciò rappresenterebbe un’ulteriore provocazione per gli iracheni.

Allo stesso tempo, l’ Iraq sta collaborando con l’Iran a tutti i livelli commerciali, in particolare per quanto riguarda l’energia . Washington vorrebbe impedire qualsiasi vendita di petrolio iraniano e vorrebbe assicurarsi che l’Iraq non stia aiutando l’Iran o diventando ostile a Israele.

Tuttavia, è troppo tardi: i tre leader iracheni sono più vicini all’Iran che agli Stati Uniti (cioè il presidente, il primo ministro e lo speaker). Ciononostante, questi leader, a differenza, per esempio, di una figura come Nuri al-Maliki, non hanno un record di ostilità negli Stati Uniti.

Tuttavia, Trump si sbaglia se crede che la Mesopotamia si piegherà ai suoi desideri e diventerà la piattaforma per un attacco all’Iran.

JOIN THE DISCUSSION