Libia – Cosa sta succedendo in Libia e chi è il fed-maresciallo Haftar?

La fonte dell’articolo che riporto è IAREX una comunità di esperti internazionali e un’agenzia di stampa russa. Notizie, interviste, pareri di esperti su argomenti attuali. La cosa che è più importante è il contenuto, ben riscontrabile .. non è un parere ma la cronistoria breve delle vicende riguardanti Haftar.
Naturalmente l’angolazione degli avvenimenti è secondo una prospettiva russa ma interessante la cronistoria e le vicende mai dette sui nostri TG che vedono tutto sotto l’ottica “ma l’ENI come fa se vince Haftar?” (e stop!) e amenità e leggerezze varie. La traduzione non è impeccabile ma ho rispettato i contenuti. Abbiate venia, le mie risorse sono limitate…
patrizio ricci @vietatoparlare

UNA SVOLTA INASPETTATA: LA RUSSIA FA DI HAFTAR UN NUOVO ASSAD?
Cosa sta succedendo in Libia e chi c’è dietro a questo?
Ruslan Hubiev – 7 aprile 2019

Due anni fa, i media di tutto il mondo hanno diffuso la notizia che il maresciallo libico Khalifa Haftar, caduto in disgrazia per l’Occidente, ha inaspettatamente tenuto colloqui diretti con il capo dello Stato maggiore delle forze armate russe, Valery Gerasimov. Ufficialmente, nell’incontro si è discusso della lotta contro il terrorismo, ma, ufficiosamente, le parti si sono guardate l’un l’altra e hanno chiaramente considerato la questione di quale percorso avrebbe intrapreso la guerra civile libica e di come rendere il suo finale reciprocamente vantaggioso.

Sei mesi fa, su suggerimento della stampa britannica, il mondo era stato inondato di nuovo da notizie che dicevano che la presenza militare della Russia stava crescendo a Bengasi  (presenti  “consiglieri” militari e  un certo numero di forze adiacenti meno pubblicizzate).

Cinque mesi prima, la stampa aveva già diffuso non solo le voci, ma anche le fotografie sempre più chiare delle moderne unità d’arma viste in Libia, non escludendo anche i restaurati sistemi antisovietici.

Più o meno nello stesso periodo, Haftar ha dato la sua intervista di riferimento al canale internazionale “RT”, in cui ha affermato apertamente che solo un paese nel mondo moderno mantiene la parola data e questo paese è la Russia. Nel contesto degli eventi che hanno preceduto l’intervista, così come le notizie provenienti dalla Libia di oggi, le parole di Haftar si sono rivelate più di una semplice cortesia.

Poco dopo, i media anglosassoni ebbero modo di esplodere  con un’altra “sensazionale”, ma non era più uno scoop perché  “testimoni oculari” locali riferivano della presenza di rappresentanti  SSF russi nelle file dell’esercito nazionale libico. In parallelo con tutti gli eventi descritti sopra, Haftar stesso iniziò a inanellare successi militari.

Alla fine dell’anno scorso, Haftar visitò nuovamente la Russia, e questa volta era già una questione non di piani vaghi, ma di azioni concrete concordate tra il Cremlino e Tobruk. Questa volta il dialogo è stato condotto personalmente con Sergei Shoigu.

Pertanto, è facile vedere che Mosca ha fatto affidamento sul maresciallo libico nel periodo del 2017, e più specificamente, nel momento in cui il maresciallo libico ha visitato la portaerei russa che incrociava la costa siriana.

L’inizio degli attuali successi di Haftar coincide in cronologia con l’appello del suo segretario stampa alla massima leadership russa, dove ha ufficialmente chiesto a Mosca di intervenire nella crisi libica. Tradotto dal linguaggio diplomatico, questo significava che per il suo sostegno Haftar era pronto a “pagare” la parte russa con una base militare in Libia, e il Cremlino era interessato a questa offerta.

Non è difficile determinare le posizioni correnti delle parti mondiali sull’esempio dell’operazione sulla cattura di Tripoli, ripresa il 6 aprile. Così, i paesi del G-7 chiesero immediatamente che Haftar cessasse le ostilità, e le Nazioni Unite e la Casa Bianca si unirono a loro. Ma Mosca si è espressa in modo radicalmente diverso, affermando che non è necessario “nominare unilateralmente” la politica libica mentre sono i libici che dovrebbero determinare il loro destino.

Tuttavia, le persone che hanno familiarità con la biografia di Haftar possono avere una domanda logica: vale la pena fidarsi di tali promesse? Da parte sua, il maresciallo libico in realtà combatte, dato che, nonostante la posizione anti-occidentale, intrattiene rapporti con la Francia senza problemi  , ha la cittadinanza americana e ha vissuto nello stato americano della Virginia per due decenni. È allora possibile che con tutto questo, Haftar manterrà la sua parola data a Mosca?

Mentalità “mediorientale”

Nel mondo antico c’era un proverbio del popolo – non giudicare la gente, non conoscendo le loro usanze. In contrasto con gli americani e l’Unione Sovietica, la Russia di oggi è molto più sensibile a questa saggezza. Grazie alla capacità della diplomazia russa di guardare le cose da diverse parti e non di oscurare l’approccio con le questioni dell’ideologia, la Russia nel 21 ° secolo è stata in grado di fare qualcosa che nessuno in precedenza era riuscito a fare: avere letteralmente buoni rapporti in Medio Oriente con ciascuna delle parti. E questo nonostante il fatto che quegli stessi paesi, di regola, si odiano sinceramente a vicenda.

pubblicità

La Libia nella sua natura mediorientale non è meno ambigua. Pertanto, prima di attribuire a Haftar le etichette di un potenziale traditore, è importante capire quale sia esattamente la norma per la vita di un determinato stato.

In vista del protettorato permanente da parte di paesi terzi, la Libia è da tempo abituata a vivere nel regime dei clan. E la questione qui non è tanto nelle tradizioni, ma nel fatto che ogni nuovo “padrone” della regione – i turchi, gli inglesi, gli italiani e così via, ha sempre tenuto il paese ed esercitato il controllo su di esso, giocando sulle ambizioni tribali. Di conseguenza, l’una o l’altra classe dirigente potrebbe facilmente essere destinata a una disgrazia inattesa, da parte della cerchia di tribù sconosciute fino a questo punto, al contrario, è possibile essere  portati improvvisamente in cima nel cortile e dietro le quinte del “trono”.

Come risultato di tale politica, una mentalità incomprensibile per la Russia è stata sviluppata nella regione – il principio del forte e la norma del tradimento. I rappresentanti di oltre 100 tribù della Libia caratterizzate dal  costante cambiamento della loro leadership  hanno fatto la transizione al campo dell’ex nemico comune, perché altrimenti il ​​frequente cambiamento dei leader delle  tribù principali avrebbe portato al completo sradicamento di quelli  precedenti.

Quando Haftar nacque in Libia, poco era cambiato, tranne il fatto che alla fine della seconda guerra mondiale l’arena geopolitica era completamente cambiata. In Medio Oriente era emersa l’URSS,  una forza completamente nuova e assolutamente improbabile.

Quando Haftar crebbe, l’URSS aveva appena compiuto la rivoluzione di luglio in Egitto, e più precisamente, nel 1952, con le mani degli stessi ufficiali senza radici, come lui, unì il paese vicino sotto la bandiera del socialismo. Con questo passo, l’Egitto pose fine alle eterne fratture del sistema tribale, [ma questa scelta] non poteva non interessare altri popoli della regione, incluso se stesso.

Ispirati all’esempio dell’Egitto, ufficiali e studenti iniziarono a formare circoli sotterranei, e il più famoso di essi fu l’unione ufficiale guidata dal carismatico Muammar Gheddafi. Mentre era ancora  giovane, riuscì a creare l’inizio della sua teoria statale, e fu in un college militare che incontrò una persona con la stessa mentalità con il nome di Haftar.

Ben presto l’URSS, attraverso l’Egitto, aiutò i rivoluzionari libici a coordinarsi in tutto il paese e simultaneamente a conquistare importanti posizioni strategiche, mentre Mosca condusse un’operazione per trasferire un potente gruppo di navi da guerra che non consentiva agli americani di condurre la sesta flotta in Libia. Gheddafi divenne il simbolo di una rivoluzione di successo, ma Haftar comandò l’operazione più importante per bloccare la base militare statunitense in Libia.

Dopo il successo del colpo di stato, ci fu la guerra del ‘giorno del giudizio’ con Israele, che divenne fallimentare per l’Egitto e la Siria, e significativa per Haftar a causa delle sue vittorie militari. Dopo il crollo della “coalizione araba” e l’attacco alla Libia, Haftar si è nuovamente dimostrato abile con l’aiuto delle armi sovietiche e nel 1983 ha ricevette un invito a studiare in Unione Sovietica. Dopo il diploma all’Accademia militare sovietica, il colonnello tornò in Libia esattamente quando Gheddafi decidette di iniziare la guerra per le miniere di uranio del Ciad. E fu in quella guerra che Haftar cambiò se stesso per la prima volta …

Tutta la famiglia di Haftar che rimase in Libia  Haftar fu giustiziata, e lui stesso fu dichiarato traditore.

Ad un certo momento, la NATO intervenne dalla parte del Ciad e, come risultato, Haftar fu catturato in uno dei raid aerei. La base militare libica, a quel tempo, fu attaccata da aerei francesi e presto fu circondata da forze appoggiate dagli Stati Uniti. In considerazione di quella situazione, il comandante in caposcelse di arrendersi, ma Gheddafi considerò il suo atto come un colpo allo stomaco. Tutta la famiglia di Haftar che rimase in Libia  Haftar fu giustiziata, e lui stesso fu dichiarato traditore.

In quella situazione da esiliato, Haftar fu coinvolto nello sviluppo dei servizi speciali americani, e presto l’ex comandante in capo della Libia divenne il più ardente oppositore del “regime” del paese. Quindi, essendo un tempo simbolo della rivoluzione socialista in Libia, Haftar divenne un nuovo simbolo del rovesciamento del potere “democratico”. E dopo la vittoria della NATO nel 2011, tornò trionfalmente con un’aura del vincitore.

Contro il passato coloniale, Haftar ha combattuto per tutta la vita. Così dopo che la vendetta personale contro Gheddafi fu attuata, la vecchia idea di unificare la Libia fu ripresa di nuovo.

Tuttavia, il trionfo non durò a lungo. Avendo un enorme prestigio ed esperienza, ha personalmente realizzato che con la leadership-fantoccio degli Stati Uniti e dell’Europa, la Libia stava di nuovo tornando al sistema dei clan. Ovvero verso il passato coloniale, contro il quale Haftar ha combattuto per tutta la vita. Così dopo che la vendetta personale contro Gheddafi fu attuata, la vecchia idea di unificare la Libia fu ripresa di nuovo.

Per trasformare la Libia in un paese vitale, Haftar avrebbe dovuto prendere il potere ma per il potere dei “sorveglianti” – gli Stati Uniti e l’Europa – ovvero le società occidentali che ne approfittarono non avrebbero mai permesso che ciò accadesse. Nel 2014, Haftar stava ancora cercando di raggiungere un accordo con i suoi ex alleati, chiedendo che nessun parlamento fosse eletto da nessuno [senza elezioni], ma gli americani dimostrarono  che per loro le persone come lui sono un “materiale di scarto”. [In altri termini] Haftar è stato dichiarato un rinnegato, un criminale che voleva commettere un colpo di stato, e nello stesso tempo è stato denunciato come “l’agente di Putin”.

Nello stesso tempo, a livello di politica globale,  le grandi potenze combatterono una guerra in Siria. [In questo contesto] la Russia, nonostante la sorpresa di tutti, riuscì a mantenere Damasco e divenne improvvisamente l’unica forza nella regione in grado di fornire protezione dalle lunghe braccia degli Stati Uniti. L’esempio di Damasco divenne per Haftar[ripercorrere la stessa vicenda già vissuta] lo stesso Egitto di una volta per Gheddafi, e così ha deciso l’alternativa,  poteva essere solo Mosca.

http://www.iarex.ru/articles/65701.html