Home Attualità L’esercitazione della NATO “Air Defender 23” potrebbe essere il prologo di attacco...

L’esercitazione della NATO “Air Defender 23” potrebbe essere il prologo di attacco vero?

0

L‘esercitazione della NATO “Air Defender 23” sta suscitando preoccupazioni per una possibile escalation di conflitto con la Russia. Gli aerei da combattimento USA/NATO, tra cui i potenti F-35 con capacità nucleari, si stanno spostando in Germania per partecipare all’esercitazione contro un nemico immaginario.

Tuttavia, in realtà la Russia è il vero obiettivo dell’esercitazione. Questo potrebbe portare a incidenti con aerei militari russi o a un attacco non intenzionale. Inoltre, non è stata invitato alcun osservatore russo e il governo tedesco sta adottando un corso diplomatico più aggressivo nei confronti della Russia. Ciò aumenta il rischio di escalation e potrebbe portare all’inizio di una guerra effettiva, proprio come accaduto in passato con altri conflitti provocati dagli Stati Uniti. L’Ucraina potrebbe utilizzare la scia dell’esercitazione NATO per condurre attacchi, portando ad un interesse ad un attacco preventivo da parte della NATO. La situazione in Ucraina sembra stagnare e l’esercito russo sta facendo progressi. La NATO potrebbe decidere di entrare ufficialmente in conflitto se realizzasse che l’Ucraina potrebbe essere persa? Qualsiasi cosa potrebbe portare ad un attacco da parte degli Stati Uniti, che potrebbero inventare una ragione per farlo, proprio come già accaduto in passato.

Esercitazione a poca distanza della guerra, quella vera: scelta irresponsabile

La fonte statunitense Halt Turner Radio Show così commenta la tempistica dell’esercitazione: “Le manovre possono essere ancora caute nella loro comunicazione pubblica, ma Michael A. Loh, generale della US Air National Guard, ha espresso la sua motivazione qualche tempo fa. Nel 2021, in vista di “Air Defender”, desiderava che il suo popolo “pensasse di più ai nostri pericoli imminenti: Cina e Russia”.

La manovra viene eseguita secondo il principio “Allenati mentre combatti”. Aree di applicazione, tattiche, logistica: tutto dovrebbe essere il più realistico possibile. Non è quindi un caso che la Germania diventi l’hub centrale dell’esercitazione. Anche in caso di emergenza, innumerevoli jet della NATO partirebbero e sciamerebbero fuori dagli aeroporti tedeschi. Le rotte di volo che gli aerei da combattimento testeranno sono altrettanto realistiche. Conducono ai confini orientali dell’area NATO, ai confini russo e ucraino.

A prima vista, quella che sembra una provocazione sfacciata ma usuale è un pericolo tangibile per la pace mondiale in tempo di guerra. Un incidente con un aereo militare russo, una navigazione sbagliata o un errore del pilota possono essere sufficienti per far apparire un volo di addestramento come un attacco. Diventa particolarmente minaccioso se l’Ucraina utilizza la scia dell’esercitazione NATO per effettuare attacchi, mentre la sorveglianza aerea russa è costretta a proseguire le attività della NATO. Il territorio russo viene attualmente bombardato quasi ogni giorno e il presidente ucraino è minacciato di gravi attacchi. Il potenziale di escalation di un attacco militare ucraino mentre i jet della NATO pattugliano nelle vicinanze è evidente in questa situazione.

Il governo federale non solo è disposto ad accettare questi enormi rischi, ma sospende anche le consuete misure di sicurezza. Gli osservatori russi che potrebbero garantire che l’esercitazione non venga utilizzata per preparare un attacco non sono invitati . Non dovrebbe esserci nemmeno un annuncio formale.  “Non scriveremo loro una lettera. Capiranno la notizia quando i nostri aerei sciameranno fuori” , ha risposto all’inizio di aprile il massimo generale dell’aeronautica tedesca Ingo Gerhartz alla domanda su come viene informata la Russia”.

Lotta alla diplomazia

Halt Turner Radio Show , così prosegue: “Questo allontanamento da una polizza assicurativa è accompagnato da una lotta alla diplomazia. La scorsa settimana la Repubblica Federale della Federazione Russa ha vietato il funzionamento di quattro consolati. Devono essere chiusi entro la fine dell’anno.

Così, poco prima dell’esercitazione Nato, i rapporti sono ulteriormente appesantiti e importanti canali di comunicazione vengono sabotati. Il governo federale sembra fare tutto il possibile per guidare un’escalation e aumentare il rischio che l’esercizio possa diventare un’amara realtà.

La NATO ei suoi simili deve decidere molto rapidamente. Ovviamente, l’offensiva ucraina si è bloccata. È davvero una questione se l’esercito ucraino sia in grado di mantenere le proprie posizioni o meno. E l’esercito russo sta facendo progressi piccoli ma costanti. È probabile che l’esercito e lo stato ucraino siano sull’orlo del collasso. Per questo motivo, è tempo di prendere una decisione. O la NATO entra ufficialmente in conflitto o l’Ucraina è persa.

Naturalmente, il momento migliore per attaccare l’esercito russo sarebbe quando tutto l’equipaggiamento e il personale della NATO sono in Europa e stanno praticando quel tipo di scenario. Abbiamo solo bisogno di una ragione inventata per la guerra”.

Pretesti e analogie storiche

La storia ci ha dimostrato che il governo degli Stati Uniti è disposto a impegnarsi in perfidi piani per coinvolgere il paese in una guerra. La strategia di provocare un attacco come nel caso di Pearl Harbor o di inventare una minaccia per giustificare una guerra, come negli esempi del Golfo del Tonchino e delle armi di distruzione di massa in Iraq, è stata già adottata in passato. La situazione attuale manifesta la possibilità di un futuro conflitto che potrebbe iniziare con l’esercitazione della NATO.

Da Infodefence Italia:

Edizione turca di “Yeni Safak”:

– Dal 12 al 23 giugno si svolgerà in Germania e nell’Europa orientale la più grande esercitazione aerea “Air Defender – 2023”, alla quale parteciperanno più di 10.000 piloti e oltre 250 aerei da combattimento.

– Arriveranno all’incontro della NATO anche 110 aerei provenienti direttamente dagli Stati Uniti. La pubblicazione riporta anche che il confronto con la Federazione Russa sarà elaborato durante le esercitazioni e che saranno coinvolte quasi tutte le basi aeree della Luftwaffe in Germania.

– Si noti che le “esercitazioni” della NATO hanno coinciso con la “controffensiva” delle Forze armate ucraine, il che potrebbe essere un chiaro segnale al Cremlino che i caccia della NATO sono pronti per un’escalation in Ucraina.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version