Le ragioni della rivolta ad Hong Kong e l’enfasi distruttiva dei paesi occidentali

le proteste ad Hong Kong ci vengono presentate dai media come fanno di solito per qualsiasi cosa: applicano la loro narrativa giustificando ogni cosa a causa di diritti lesi da parte del cattivo di turno. Tuttavia mai essi provano a connettere gli avvenimenti tra loro in relazione a quanto accade; tanto meno guardano alle cause che hanno portato una data situazione. L’articolo che segue – tratto dal blog Comaguer -, fornisce alcuni dati che aiutano aiutare a formulare un tentativo di giudizio morale sulla delicata vicenda.

@vietatoparlare

I manifestanti sono scesi in piazza a giugno, ma le radici del conflitto tra l’isola e la Cina continentale sono profonde.

Per più di tre mesi, i residenti di Hong Kong si sono radunati per le strade per protestare contro un progetto di legge sull’estradizione. I detrattori di questa legge sostengono che essa consentirebbe alla Cina di estradare sulla terraferma studenti dissidenti, giornalisti e uomini d’affari, e ivi potrebbero essere incarcerati per le loro opinioni.  I raduni e le marce da decine di migliaia di persone si sono ingrossati sempre di più e sembrano aver aver raggiunto al culmine, quasi i due milioni  di persone.

“Ero molto arrabbiato con il disegno di legge”, ha detto Adrian Leong, ex residente di Hong Kong e attivista politico a San Francisco. “Tutti potevano ritrovarsi nei guai. ”
Ma i sostenitori del governo di Pechino dicono che il disegno di legge permetterebbe l’estradizione di persone accusate di reati gravi, non dissidenti politici. Secondo loro, i governi e i media occidentali usano la falsa questione dell’estradizione per fomentare la discordia tra Hong Kong e la Cina continentale.
“Vogliono che la Cina crolli e muoia”, ha dichiarato su YouTube Nathan Rich, un blogger americano che vive in Cina.

Per far luce su queste affermazioni concorrenti, dobbiamo capire la storia di Hong Kong.

Le guerre dell’oppio

Dalla fine del XIX secolo, la British East India Company vendette illegalmente oppio alla Cina. Negli anni 1830, gli imprenditori britannici e americani divennero favolosamente ricchi vendendo oppio e inebriando milioni di cinesi. Quando il governo cinese ordinò di interrompere la vendita, gli inglesi mandarono cannoniere ai porti cinesi e condussero la prima guerra dell’oppio dal 1839 al 1842.

La dinastia Qing perse la guerra e fu costretta a cedere l’isola di Hong Kong agli inglesi, così come parti di altre città portuali. Gli inglesi lanciarono la seconda guerra dell’oppio dal 1853 al 1858, durante il quale presero più territorio cinese e costrinsero la Cina a legalizzare l’oppio.

Per secoli, la Cina è stata la più grande economia del mondo  (NdT ai “grandi scoperte europei” del 16 ° secolo ), che vendeva più beni all’esterodi quelli che importava. Le guerre dell’oppio furono condotte in nome del “libero scambio”, per il diritto dei baroni della droga britannici e americani di ‘aprire’ il mercato cinese.

Imperialismo moderno

La vendita di droghe in Cina non terminò nel diciannovesimo secolo. Ad esempio, durante il regno del presidente Ronald Reagan, gli Stati Uniti hanno costretto Cina, Giappone, Corea del Sud e Taiwan ad acquistare sigarette fabbricate negli Stati Uniti, tutte in nome dell’apertura dei loro mercati al libero scambio.

Ma negli anni ’80 la Repubblica popolare cinese emerse come una grande potenza mondiale e la Gran Bretagna accettò di abbandonare Hong Kong. Nel 1997, la Gran Bretagna riportò Hong Kong alla sovranità cinese accettando di mantenere due diversi sistemi politici ed economici. È stato chiamato “un paese, due sistemi”.
Questo principio “un paese, due sistemi” era un passo coraggioso, qualcosa che non era mai stato provato prima. La Cina avrebbe mantenuto la sua economia socialista; Hong Kong sarebbe rimasta capitalista. Hong Kong mantenne così le istituzioni governative stabilite nel Regno Unito, compresi i tribunali indipendenti, nonché le elezioni indirette dei leader politici. ”Un paese, due sistemi” sarebbero durato 50 anni. Quindi, nel 2047 – in base a questo accordo – Hong Kong dovrebbe diventare una città cinese come le altre:
il Partito comunista cinese sperava che, nel tempo, il popolo di Hong Kong avrebbe compreso i benefici del socialismo e si sarebbe unito volontariamente al continente. Speravano che Hong Kong potesse essere un modello per l’integrazione di Taiwan in Cina.

Ma Hong Kong esisteva da più di 100 anni come entità separata e la riunificazione non sarebbe stata facile. Molti ”Hong Konger” cercano di mantenere le loro istituzioni capitaliste il più a lungo possibile.Vogliono l’elezione diretta di leader politico e un potere giudiziario che in caso di conflitto con Pechino sia per loro vantaggioso e li faorisca.
Il popolo di Hong Kong ha sviluppato la propria identità, osserva Tom Fowdy, un analista cinese che ha studiato all’Università di Hong Kong. “Sulla carta, appartengono allo stesso gruppo etnico, ma sono culturalmente diversi. ”

pubblicità

Legge sull’estradizione

Le radici dell’attuale controversia sono il caso di Chan Tong Kai. A febbraio, un ragazzo (Chan Tong Kai) è volato a Taiwan con la sua ragazza, l’ha strangolata, ha messo il suo corpo in una valigia, l’ha gettata in un campo e è tornata a Hong Kong in aereo. Sebbene avesse confessato, non poteva essere inviato a Taiwan perché Hong Kong non aveva un trattato di estradizione. (Hong Kong ha accordi di estradizione con 20 paesi, ma non con Cina, Macao e Taiwan.)

Le autorità di Hong Kong non hanno potuto accusare Chan di omicidio commesso altrove. Infatti il tribunale di Hong Kong lo ha condannato alla pena di pochi mesi di prigione.
L’indignazione per il caso Chan ha portato i legislatori di Hong Kong a redigere una legge che avrebbe consentito l’estradizione in qualsiasi paese dopo aver esaminato caso per caso. Taiwan in seguito ha indicato che non avrebbe richiesto l’estradizione di Chan, il che ha reso discutibile il caso del delitto. Ma la questione dell’estradizione è rimasta sul tavolo.

I critici affermano che la legge proposta consentirebbe alla Cina di disporre l’estradizione. I critici affermano che il disegno di legge consentirebbe alla Cina di estradare e imprigionare i dissidenti politici a Hong Kong.Tuttavia, i sostenitori della legge sottolineano che ciò che la legge prevede è che per essere estradabile, il reato deve essere considerato un crimine sia in Cina che a Hong Kong, il che che protegge le persone di Hong Kong da arresti arbitrari. Inoltre, la legge proibisce espressamente l’estradizione per crimini politici. Inoltre, il disegno di legge aveva concesso al direttore generale di Hong Kong il potere di riesaminare le richieste di estradizione e di disporre due distinte procedure giudiziarie. E secondo l’ufficio del direttore generale, i reati che comportano l’estradizione “riguarderebbero solo 37 reati punibili con la reclusione per sette anni o più, e nessuno di essi vieta l’esercizio del diritto alla libertà di espressione “. Ma molte persone a Hong Kong non si fidano di Pechino. Citano esempi di casi in cui la Cina ha posto in detenzione preventiva i residenti di Hong Kong senza seguire le procedure giudiziarie. “Il Partito comunista cinese non rispetta più entrambi i sistemi”, ha detto l’attivista Leong. “Rispetta solo” un paese “.

Eventi

Il 31 marzo, la popolazione di Hong Kong ha manifestato contro il disegno di legge. A giugno le manifestazioni, per lo più pacifiche, hanno raggiunto centinaia di migliaia di persone. Il 9 giugno, gli organizzatori hanno annunciato che due milioni di persone avevano manifestato, mentre la polizia contava 338.000 persone.

Poi, il 1 ° luglio, in un’azione preprogrammata centinaia di militanti si sono fatti strada nei locali dell’assemblea di Hong Kong, hanno distrutto attrezzature e dipinto graffiti anticomunisti sui muri. Infine, appoggiarono la bandiera britannica sul banco dell’assemblea.

Secondo l’analista Fowdy, l’esibizione della bandiera britannica non significa che i manifestanti vogliono un ritorno al dominio britannico. Al contrario, vogliono che Hong Kong “rimanga una regione amministrativa speciale sotto la sovranità cinese. Non vogliono che Hong Kong sia solo un’altra città cinese. Qualunque sia l’intenzione dei militanti, alzare la bandiera britannica secondo me dà l’impressione che siano a favore dell’indipendenza. Questo è il gioco delle potenze occidentali che hanno cercato a lungo di dividere la Cina.

Non è un caso che la maggior parte dei mass media tradizionali sostiene senza riserve i manifestanti e cerca di giustificare gli atti di violenza. Il Wall Street Journal ha esortato i lettori a considerare il vandalismo come “un atto di disperazione dopo anni di frustrazione”. Non ho ancora visto questo giornale applicare questa logica ai manifestanti di “Black Lives Matters” negli Stati Uniti.

Qui sta la domanda di base: Hong Kong è cinese; non è un paese indipendente. Qualsiasi tentativo di indipendenza offende i cinesi del continente, non solo il governo di Pechino. Contrariamente all’impressione lasciata dai media mainstream, la gente ad Hong Kong è divisa sulla legge dell’estradizione. Il 30 giugno, decine di migliaia di persone si sono radunate per manifestare a sostegno della legge di estradizione e a sostegno del governo di Hong Kong. I legislatori affermano di aver raccolto 700.000 firme verificate su una petizione a sostegno del disegno di legge.

Per il momento, tuttavia, lo slancio è con le forze antigovernative. Il direttore esecutivo di Hong Kong Carrie Lam ha sospeso il disegno di legge e lo ha dichiarato “morto” il 9 luglio. I critici dicono che non è abbastanza. Vogliono che ritiri completamente la legislazione e si dimetta. Le dimostrazioni probabilmente continueranno. La Cina e Hong Kong si impegneranno per molti anni per determinare esattamente cosa significhi veramente “un paese, due sistemi”.

Fonte: Comaguer 

22 anni dopo

Hong Kong, la capitale capitalista del commercio internazionale nel 1997 per l’attuazione del trattato tra il Regno Unito e la Repubblica di Cina, ha perso gran parte del suo potere che aveva tempo addietro.

Alcuni esempi:

Trasporto aereo: l’importanza della CATHAY PACIFIC  – il più potente gruppo coloniale britannico SWIRE (con JARDINE e MATHESON) – si colloca ancora bene nelle classifiche mondiali, ma è superata da tre società cinesi: Air China ( che effettua voli all’interno della Cina, Cina orientale della Cina meridionale) per numero di passeggeri trasportati o dalla capitalizzazione di mercato .

Trasporto marittimo: il recente buyout (Il leveraged buyout o LBO è un’operazione di finanza strutturata utilizzata per l’acquisizione di una società mediante lo sfruttamento della capacità di indebitamento della società stessa.) da 6 miliardi di dollari della storica società cinese OOCL da parte di COSCO l’ha resa la terza più grande porta-container al mondo dietro Maersk e MSC.

Porti marittimi : nel tonnellaggio globale il porto di Hong Kong è ora superato da più di dieci porti cinesi e per i container è superato dai suoi due vicini vicini Shenzhen nei suoi primi giorni nel 1997 e Guangzhou (Canton).

Borse : Hong Kong rimane una borsa attiva ma è in gran parte obsoleta per il volume delle transazioni di Shanghai e Shenzhen con le quali è strettamente connessa

Banche : la storia di HSBC (Hong Kong e Shanghai Banking Corporation) – che ha fatto fortuna durante le guerre dell’oppio, la cui direzione generale rimane a Hong Kong ma la cui sede è ora a Londra – non è più in grado di ombra alle sue molte controparti cinesi: ICBC, Bank of China, China Construction Bank, Agricultural Bank of China. Occupa solo il 7 ° rango mondiale.

In breve, ciò significa che dal 1997 e l’ingresso della Repubblica popolare cinese nell’OMC nel 2000, il potere del capitale internazionale anglosassone materializzato nell’economia di Hong Kong si è indebolito, non è più in grado di impressionare Pechino e ancor meno pesare sulla politica economica della Repubblica popolare. Sebbene Hong Kong rimanga una grande metropoli di 7 milioni di abitanti, è solo la settima città più grande della Cina e rappresenta solo lo 0,5% della popolazione cinese totale. E rimangono 28 anni prima della scadenza del 2047. Il gioco del calcio, l’assorbimento di Hong Kong senza sparare con un cannone, iniziato nel 1997, continuerà.