Le nuove regole stabilite da Trump privano di buoni pasto 700.000 americani

Si potrebbe obiettare che la disoccupazione è bassa e che l’ordine esecutivo presidenziale cerca di disincentivare chi se ne approfitta e non cerca lavoro o non frequenta corsi professionali, accontentandosi delle provvidenze. Probabilmente questo fenomeno in parte è reale. Ma sono stato a New York recentemente e ho girato parecchio per la città. Di poveri ce ne sono e parecchio. E molti corrono dalla mattina alla sera, come mi ha confermato chi mi ha accompagnato che vive in america. Il quadro è stato di una società ultra-liberista in cui molti stanno bene ma in cui  si corre veramente molto e perciò è facile rimanere indietro. I prezzi sono esorbitanti e si paga tutto caro. L’articolo mi è sembrato interessante ed ho rilanciato. Non per ultimo perché se 14 procuratori si oppongono e l’ordine esecutivo di Trump ha cancellato un pronunciamento del Congresso: mi pare non esista unanimità tra gli stessi americani.

@vietatoparlare

*******

Trump “Crudele fino in fondo”: 15 procuratori statali accusano Trump di voler eliminare l’assistenza alimentare ai poveri degli Stati Uniti
Le nuove regole minacciano di privare i benefici SNAP di quasi 700.000 americani.

di Julia Conley, scrittrice

Chiamando il tentativo dell’amministrazione Trump di dichiarare “illegale” e “crudele” il programma federale di assistenza nutrizionale supplementare,  15 procuratori governativi e della città di New York hanno intentato una causa  contro il Dipartimento dell’agricoltura per la richiesta che ha fatto di nuovi requisiti per l’accesso al programma.

Le nuove regole riguardano i requisiti lavorativi e minacciano di espellere dal programma circa 688.000 persone. I benefici finora concesso erano comunemente chiamati SNAP o “buoni pasto”.

L’amministrazione Trump  venerdì è stata citata in giudizio da 14 stati, il Distretto di Columbia e New York City  per la sua proposta di inasprire i requisiti di lavoro per i destinatari dei buoni pasto (SNAP). (Foto: Andrew Burton / Getty Images)

Così molti bisognosi hanno  causa presso il Tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il Distretto di Columbia, sostenendo che le regole, che entreranno in vigore ad aprile, avranno effetti esplosivi non solo sulla capacità degli americani di nutrire le proprie famiglie ma anche sulla loro stabilità finanziaria complessiva .

“L’ultimo assalto del governo federale agli individui vulnerabili è estremamente crudele “, ha dichiarato il procuratore generale di New York Letitia James. “Negare l’accesso ai vitali benefici SNAP  spingerebbe solo centinaia di migliaia di americani già vulnerabili a una maggiore incertezza economica. In tal modo, gli Stati dovranno affrontare i crescenti costi dell’assistenza sanitaria e dei senzatetto che deriveranno da questa politica miope e mal concepita”.

Alcuni dei procuratori generali si sono rivolti ai social media per diffondere l’incongruenza delle regole proposte.

In base alle nuove regole, presentate dal segretario all’agricoltura Sonny Perdue,  la maggior parte degli adulti che beneficiava dello SNAP non possono ricevere benefici per più di tre mesi se non lavorano o sono in un programma di formazione professionale per almeno 20 ore settimanali.

Tuttavia particolari dispense sono concesse per gli stati se hanno molte aree economicamente in difficoltà; Washington DC ha avuto una dispensa perché il suo tasso di disoccupazione è più del doppio della media nazionale al 5,4%.

Il distretto dovrebbe far rispettare i requisiti di lavoro federali in base alle nuove regole, che stabiliscono che le esenzioni saranno concesse solo agli stati con tassi di disoccupazione di almeno il 6%.

Tuttavia “togliere cibo dal tavolo agli americani che stanno già lottando per arrivare a fine mese è sia crudele che inefficace”, ha dichiarato Eric Angel, direttore esecutivo della Legal Aid Society di Washington, DC, in una nota. Giovedì il gruppo ha intentato una causa per le regole.

“L’attuazione di questa regola non aumenterà il tasso di occupazione tra i beneficiari SNAP”, ha aggiunto. “Ma sicuramente aumenterà la fame.”

La causa degli Stati – in cui la California, il Connecticut, il Maryland, il Massachusetts, il Michigan, il Minnesota, il Nevada, il New Jersey, l’Oregon, la Pennsylvania, il Rhode Island, il Vermont e la Virginia – sostengono che, poiché i nuovi requisiti di lavoro sono stati respinti dal Congresso nel 2018, ora queste non possono essere applicate tramite un’azione esecutiva.

“Il ramo esecutivo non riuscirà a portare avanti politiche che il Congresso ha espressamente respinto”, ha detto alla stampa Karl Racine, procuratore generale di Washington, DC .