Le Figaro (Francia): piani di conquista della Fratellanza Musulmana in Europa

Nell’opera di Alexander del Val  (dottore in storia contemporanea e ricercatrice presso il Centro di affari politici e stranieri e professore di geopolitica) e Emmanuel Razavi (reporter), intitolata “The Project” (Il Progetto), gli autori parlano del mondo e della strategia europea della “Fratellanza musulmana” volta a conquistare e infiltrarsi nella società. Perseguitati in Egitto, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti, i fratelli musulmani si stabilirono apertamente in Europa senza che i leader europei percepissero la pericolosità della loro ideologia sulle comunità islamiche dei vari paesi. Seguono alcuni passi dell’intervista del quotidiano francese ”Le Figarò” a Alexander del Val (realizzata da Marguerite Richelme e pubblicata il :

Alexander del Val: È importante ricordare che i Fratelli Musulmani hanno annunciato il loro piano di conquista in un documento. “The Project” (Il Progetto)  è il titolo di un’opera recuperata durante una perquisizione nel 2001 a casa di Youssef Nada, della Taqwa Bank, accusata di aver finanziato gli attacchi dell’11 settembre. Abbiamo chiamato il nostro libro The Project perché è la prova di un piano, scritto nero su bianco. Le prove che citiamo nel libro chiariscono qualsiasi accusa di cospirazione. A questo documento viene aggiunto un corpus più ampio di documenti dei grandi dirigenti dei Fratelli musulmani. Conosciamo il progetto conquistatore e totalitario di tale organizzazione. Non è una semplice rivendicata libertà religiosa ma un vero piano di conquista e distruzione. Il loro obiettivo è far dominare la Sharia e costruire un califfato mondiale. Oltre a questo documento, ci sono molti documenti redatti dalla guida dei Fratelli Musulmani per creare la società sotto la legge della Sharia e costruire un califfato mondiale. Questo progetto è contrario alle nostre democrazie e, più in generale, ai nostri stati.

– Cosa collega i Fratelli musulmani alla jihad?

– Questa connessione non è necessariamente diretta, ma ideologica. L’ex terrorista di Al Qaeda David Wallat ne ha parlato bene, parlando di un continuum ideologico. L’ideologia fornisce la leadership con obiettivi a lungo termine in tre aree: il califfato, la legittimità della jihad guerriera e la sharia.

I Fratelli Musulmani hanno annunciato i loro compiti. La jihad assume due forme: la jihad militante, il cui risultato diretto è Hamas palestinese a Gaza, e una forma istituzionale e sovversiva nel caso in cui si consideri la jihad controproducente. Tutto questo è difficile da capire, dato che questo è un esempio di ideologia e jihadismo islamici. Gli ideologi della fraternità, Hassan al-Bann (il cui nipote non è altro che Tariq Ramadan) e Saeed Qutb, sono sostenitori della jihad, quest’ultimo addirittura l’ha definita il sesto pilastro dell’Islam. Un altro membro della Fratellanza Musulmana  Yusuf al-Qaradawi ha chiesto l’uccisione di apostati, omosessuali ed ebrei. È il leader dell’organizzazione in Europa, i suoi libri sono disponibili per la vendita [nelle librerie europee]. La connessione tra i Fratelli musulmani  e la jihad è molto semplice da stabilire, poiché è ufficiale. Le organizzazioni legate alla fratellanza raccolgono fondi per la jihad palestinese o siriana. Il loro trucco è far credere agli altri di non essere legati alla fratellanza.

– L’Europa è un rifugio per i Fratelli musulmani *?

“I Fratelli Musulmani  sono perseguitati in Egitto, Arabia Saudita e persino negli Emirati Arabi Uniti, ma, paradossalmente, si sono stabiliti apertamente in Europa. Nei paesi musulmani dell’ex Unione Sovietica, è vietato unirsi ai ranghi dell’organizzazione o aderire alle posizioni dei fratelli salafiti. Pertanto, l’Europa è un posto molto conveniente per i Fratelli Musulmani , poiché possono stabilirsi liberamente lì.

– Come comprendere la strategia dell’organizzazione riguardo al continente europeo?

– La strategia dei Fratelli Musulmani non è quella di dire che appartengono all’organizzazione. Hanno il diritto di mentire. In Europa, si concentrano sull’infiltrazione nella società e sulla demagogia. Possono negare verbalmente parte del loro programma per non spaventare gli europei. Vogliono aumentare l’attecchimento della propria ideologia tra la popolazione musulmana.

Troviamo la stessa strategia per il movimento di Ennadh in Tunisia, che un tempo cercava di ingannare il presidente secolare, così come Erdogan, che sembrava un moderato conservatore, separato dalla Sharia. Stanno avanzando gradualmente. La loro prima priorità è far rifiutare ai musulmani di integrarsi nella società. Il miglior esempio di ciò sono le parole di Erdogan, che afferma che l’integrazione, sostenuta dalle democrazie occidentali, è mortale per i musulmani e lo ha persino definito un crimine contro i diritti umani.

Pertanto, vogliono fomentare la psicosi tra la popolazione musulmana al fine di fargli credere che vivono in un ambiente ostile e sono soggetti a discriminazione razzista, che sono vittime dei “nuovi nazisti”. Diffondono questo spirito di persecuzione, che crea una sorta di ghetto volontario. Il percorso proposto dai Fratelli Musulmani  significa – e questo è stato spesso ripetuto da Tariq Ramadan – che “l’integrazione è disintegrazione”, quindi si isolano. Devono vivere in una comunità separata ovunque si stabiliscono. Questa divisione inizia con le scuole islamiche che formano l’individuo musulmano, con licei e partiti politici. La reislamizzazione della personalità musulmana è una delle priorità. È anche necessario separare i musulmani dai non musulmani, e questo è particolarmente evidente quando si stabilisce di far indossare un velo islamico alle le donne.

Strategia a fasi.

È più un gioco Go [ Go è un gioco strategico per due giocatori. Il go ebbe origine in Cina, dove è giocato da almeno 2500 anni] che un gioco di scacchi. La parola chiave è entrismo. Chiedono che i musulmani come eredi della colonizzazione cessino di essere perseguitati e che vengano fatte eccezioni in nome della libertà religiosa. Sanno molto bene come usare il nostro vocabolario. Secondo la nuova dottrina dei Fratelli musulmani , è necessario creare l’impressione di rispettare i diritti umani, la democrazia e il secolarismo. Sostengono che il diritto di una donna di indossare un velo è un diritto umano. Questa è una mossa molto delicata, poiché possono ben manipolare il senso di colpo [difuso]  tra gli europei, che corrode le élite.

– Fino al 2017, Tariq Ramadan ha insegnato alla prestigiosa Università di Oxford. Come comprendere la soggezione di intellettuali e scienziati francesi di fronte ai leader della Fraternità?

– Un esempio eloquente è Tariq Ramadan, che non ha negato le tesi del suo insegnante Yusuf al-Qaradawi, che ha elencato i casi in cui un musulmano è autorizzato a commettere un omicidio. È anche autore di numerose fatwa.

L’islamista svizzero non ha condannato gli insegnamenti di Qaradawi. Eppure non esiste alcuna critica, alcun rimorso. Questa è la prova che i Fratelli Musulmani  e i loro sostenitori sono stati accettati nello spazio intellettuale.
Ma come? In primo luogo, sono diventati alleati dei progressisti. Ciò è una ironia della sorte, poiché i loro leader sono stati storicamente vicini a fascisti e antisemiti. In altri termini hanno formato un’alleanza con antirazzisti e progressisti al fine di combattere [coloro che definiscono] ‘i nuovi nazisti’, [cioè coloro] che rappresenterebbero un ostacolo al loro cammino. Il denaro proveniente dal Qatar e dagli Emirati Arabi Uniti è la loro seconda leva. La terza componente è la sottomissione dei valori democratici, il pluralismo e la tolleranza occidentale. Ciò è tanto più pericoloso perché nei paesi anglosassoni le università sono gratuite e possono essere finanziate da investitori privati.

Grazie a ciò, i Fratelli Musulmani  occupano posizioni di spicco nelle istituzioni musulmane in Europa. La comunità musulmana è in gran parte rappresentata dagli islamisti e dai quattro poli principali dell’islamismo separatista: la componente turca, la Fratellanza musulmana , i salafiti sauditi e la componente indo-pakistana. Più queste strutture saranno monopolizzate dai radicali, più le comunità musulmane tenderanno all’isolamento.

fonte: Le Figarò:https://www.lefigaro.fr/vox/societe/le-dessein-conquerant-des-freres-musulmans-en-europe-20191220