Home Attualità Focus L’Unione Europea giudica illegale la Corte Costituzionale polacca

L’Unione Europea giudica illegale la Corte Costituzionale polacca

0

I polacchi amano l’Unione Europea, ma un crescente conflitto sulla supremazia del diritto dell’UE rispetto all’indipendenza della costituzione polacca li sta spingendo verso l’uscita.

Maria Wilczek a Varsavia e Bruno Waterfield a Bruxelles riferiscono di una crisi incombente che potrebbe spezzare l’UE. Ma se chiedi a qualsiasi persona in Polonia riguardo all’adesione all’UE, hai nove possibilità su dieci che risponderà positivamente. Il paese è costantemente tra i più europeisti del club, ma la sua adesione è minacciata da un conflitto sempre più profondo e apparentemente irrisolvibile tra il governo polacco e l’UE.

Tuttavia, a mio avviso, la Polonia ha preso una posizione di dignità, segno che non si fa influenzare dalle laute sovvenzioni europee di cui beneficia più di qualunque altro paese.  (vedi info grafica a fine articolo)

E’ chiaro che la UE si considera un monolite che riceve direttamente le sue direttive e le linee guida da adottare da non si sa dove, mentre gli stati aderenti sono intimiditi e ricattati. Le parole di Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, sono inequivocabili: “Dopo la guerra fredda abbiamo pensato in molti paesi che sarebbe stata la vittoria delle democrazie liberali, ma ora negli ultimi anni abbiamo osservato che non è quello che sta succedendo”, ha detto questa settimana. Capiamo che dobbiamo agire e non solo reagire“.

Le accuse europeiste unioniste sono le solite, quelle schematicamente verso i nemici: autoritarismo. Forse, ma nell’autoritarismo denunciato è compresa anche la fede cristiana, le cui scelte di dottrina sociale confliggono con l’agenda globalista Ue di Klaus Schwab.

patrizioricci by @vietatoparlare


Euronews.com: “rabbia a Bruxelles dopo la sentenza del Tribunale costituzionale di Varsavia”

La decisione della Corte Costituzionale, che ha rilevato che alcune disposizioni dell’Unione Europea sono contrarie alla Costituzione polacca, “può danneggiare ulteriormente le difficili relazioni della Polonia con il blocco di 27 entità”, avverte euronews.com.

Il portale rileva che i giudici del Tribunale costituzionale hanno deciso che l’adesione della Polonia all’UE non conferisce ai tribunali dell’UE la massima autorità legale. Inoltre, non significa che la Polonia abbia trasferito la propria sovranità all’UE e nessun organismo statale accetterà di limitare i propri poteri all’esterno. Poco dopo l’annuncio della decisione dei giudici, il commissario Ue alla Giustizia ha insistito sul fatto che il diritto dell’UE ha la precedenza sulla costituzione, e i principali partiti al Parlamento europeo hanno rilasciato dichiarazioni di condanna della decisione del Tribunale costituzionale e hanno invitato la Commissione europea ad esercitare anche maggiore pressione finanziaria su Varsavia.

Euronews.com ricorda che Bruxelles è in contrasto con il governo polacco e ha invitato la Corte di giustizia europea a comminare multe per presunte illegalità. La CGUE sta ancora esaminando il ricorso della Corte Costituzionale in questo caso. Anche Bruxelles sembra non riconoscere la Corte costituzionale a causa “dell’influenza politica del partito di governo polacco sull’elezione di alcuni suoi giudici”. “Non si sa quali conseguenze pratiche avrà la sentenza polacca. L’Ue non ha mai visto il sistema giudiziario di uno Stato membro opporsi così apertamente alle fondamenta del blocco”, si legge.

L’annuncio della decisione della Corte Costituzionale ha coinciso con una riunione dei ministri dell’Interno e della Giustizia dell’UE. Il commissario alla giustizia Didier Reynders, interrogato sulla sua posizione nel caso, ha affermato di aver bisogno di più tempo per esaminare la sentenza della corte, ma ha sottolineato il primato del diritto dell’UE sul diritto nazionale e sulla costituzione. Ha aggiunto che tutte le sentenze della CGUE sono vincolanti in tutti i tribunali nazionali e che solo il tribunale del Lussemburgo è competente a decidere se un atto di un’altra istituzione dell’UE viola il diritto dell’UE. Ha annunciato che custodirà i trattati Ue e utilizzerà tutti gli strumenti a disposizione di Bruxelles.

La sentenza odierna in Polonia non può essere senza conseguenze. Il primato del diritto dell’UE deve essere indiscutibile. Violarla significa mettere in discussione uno dei principi fondamentali della nostra Unione , ha commentato David Sassoli, presidente del Parlamento europeo. E il portavoce del Partito popolare europeo, Jeroen Lenares, ha affermato che “l’illegale Tribunale costituzionale in Polonia, dichiarando l’incompatibilità dei trattati Ue con il diritto polacco, ha messo il Paese sulla strada della polexit”. Ha chiesto una reazione degli altri Stati membri a causa della presunta violazione dello stato di diritto in Polonia. Ha aggiunto che la CE non può finanziare governi che ridicolizzano e negano le regole concordate.

“Lo scenario nero in Polonia si sta avverando! Il Tribunale PiS ha disatteso il primato del diritto dell’UE, violando i fondamenti dell’UE. I giudici polacchi che giudicano sulla base del diritto dell’UE possono essere perseguiti “, ha affermato il gruppo di sinistra dell’Alleanza progressista di Socialisti e Democratici, chiedendo l’avvio di una nuova procedura di infrazione. “Il governo PiS ha creato una crisi, ma sono in gioco i diritti dei cittadini polacchi. I cittadini polacchi sono cittadini Ue e meritano la piena tutela legale prevista dal diritto Ue”, ha twittato Malik Azmani, primo vicepresidente del gruppo liberale “Renew Europe”.

La sua collega Sophie in’t Veld ha aggiunto che la decisione della Corte costituzionale significa “polexit” dall’ordinamento giuridico dell’UE. Daniel Freund, eurodeputato associato ai “Verdi” tedeschi, teme che la sentenza della Corte costituzionale sarà la più dolorosa per i cittadini polacchi, e questo è dovuto al congelamento dei fondi UE. Ha incolpato PiS per tutto. Il leader di sinistra Martin Schirdewan ha espresso preoccupazione per il fatto che altri “governi autocratici richiederanno sentenze simili dalle loro corti costituzionali”. Rappresentanti dell’organizzazione non governativa Amnesty International, che promuove, tra l’altro, l’aborto e la diffusione della migrazione, indicando che è “un altro giorno buio per la giustizia in Polonia”.

I leader dei conservatori e riformisti europei, di cui fa parte il PiS, hanno parlato positivamente del verdetto. “Per coloro che chiedono Polexit, va ricordato che la nostra Unione è stata creata dagli Stati membri per servirli, non viceversa”, si legge nella nota. Come è stato detto, l’UE non può interferire profondamente con il pronunciamento di giudici di uno Stato membro democratico.

Fonte: PCH24.pl – Polonia Cristiana (https://pch24.pl/euronews-com-wscieklosc-w-brukseli-po-orzeczeniu-warszawskiego-tk/)

You will find more infographics at Statista

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version