La Turchia invia munizioni ad al Nusra, lascia passare jadisti attraverso il confine, scava trincee e fortificazioni in territorio siriano

L’agenzia di stampa curda ‘Hawar New Agency‘  (ANHA), riporta stamattina che decine di veicoli appartenenti all’esercito turco sono sconfinati in territorio siriano in ‘Rojava’.

I militari turchi, con mezzi militari ed escavatori, hanno realizzato trincee e inalzato un muro nei pressi del villaggio Meydan Ekbise della città di Efrîn.

mezzi turchi in territorio siriano a 200 metri oltre la linea di confine
blindato turco in territorio siriano a 200 metri oltre la linea di confine
il muro in corso di realizzazione a 200 metri oltre la linea di confine
il muro in corso di realizzazione in vicino al villaggio Meydan Ekbise della città di Efrîn.

Da settimane la Turchia, attacca le forze curde PKK e YPG (tramite raid aerei e fuoco di artiglieria oltre il confine), e impedisce loro di chiudere i rifornimenti (che passano attraverso la cittadina di Azaz verso Aleppo), indirizzati ai miliziani jadisti.

Per giustificare la sua presenza in Siria, la Turchia ha accettato di far parte della coalizione a guida USA contro il terrorismo ma  in realtà sta usando questa sua partecipazione solo per il bombardamento dei curdi .

La Turchia insiste nella creazione di una ‘no Fly zone in Siria’ per ostacolare la liberazione di Aleppo e della Siria del nord. Sta di fatto creando una ‘zona cuscinetto’ nell’unica zona non occupata dai curdi lungo il confine turco-siriano (zona di Afrin).

A ulteriore riprova della connessione della presenza turca con l’appoggio alle forze jadiste, la Turchia ieri ha inviato 5 camion pieni di munizioni attraverso il confine con la Siria, territorio in mano agli estremisti islamici (in località Azaz).

munizioni turche catturate dalle forze curde YPG in mano di al Nusra località Azaz
munizioni turche catturate dalle forze curde YPG in mano di al Nusra – località Azaz

La settimana scorsa, oltre 2000 i jihadisti sono rientrati in Siria dalla Turchia. ( Reuters).

Secondo fonti siriane e curde numerosi sono i militari turchi che sotto copertura stanno partecipando alla campagna contro il governo siriano.

Vietato Parlare

nota:

Rojava: la zona di ‘Rojava’,situata a nord-est della Siria,  in realtà,  è territorio siriano ma ‘de facto’ è territorio autonomo (anche se non è riconosciuto tale dal governo siriano).

La regione è governata secondo il principio  del “confederalismo democratico” che implica l’autosufficienza, il localismo e il pluralismo politico.

I curdi considerano la regione del Kurdistan iracheno e siriano come parte di un’unica regione. Da settimane l’aviazione turca bombarda con i suoi aerei le forze PKK e YPG curde (queste ultime appoggiate sia dagli USA che dalla Russia).

https://www.youtube.com/watch?v=ZTefAPze9oM