Rapporto dell’ intelligence russa sull’attuale assistenza turca a Daesh

La Turchia sta reclutando combattenti stranieri da mandare ad ingrossare le fila dei terroristi in Siria, sta facilitando il  movimento transfrontaliero verso quel paese, e le forniture di armi ai gruppi terroristici che operano sul suo territorio.

Secondo quanto riferito, i rappresentanti dello Stato Islamico dell’Iraq e il Levante (ISIL) hanno creato una vasta rete ad Antalya, con l’aiuto dei servizi segreti turchi per reclutare cittadini turchi dai paesi del ex Unione delle Repubbliche Socialiste sovietiche, al fine di coinvolgerli nel conflitto in Siria per poi trasferirli, eventualmente, in Russia.

Il gruppo di reclutatori è composto da: un cittadino del Kirghizistan di nome Abdullah; una persona dalla Repubblica di Adyguées, chiamato Azmet; una persona dalla Repubblica del Tatarstan, chiamato Elnar; un cittadino russo di nome Ilyas; un cittadino azero Adil Aliyev ha chiamato e qualcuno da Karachayevo-Cherkessia, noto come Nizam. E ‘diretto da un cittadino russo di nome Ruslan Rastyamovitch Khaïboullov (pseudonimi: Baris Abdul o “Professore”), nato il 1 ° aprile 1978 a Tatarstan. Quest’ultimo vive con la famiglia a Antalya ed è in possesso di un permesso di soggiorno permanente in Turchia.

Il reclutamento è a conoscenza  dell’amministrazione penitenziaria. Se un detenuto accetta di convertirsi all’Islam e si impegna ad effettuare attività terroristiche, i reclutatori gli promettono di “fare un accordo” con le autorità turche delle forze dell’ordine e di fornirgli gratuitamente un avvocato, Tahir Tosolar (per i dettagli ndr). Sultan Kekhoursaev, un ceceno con cittadinanza turca, ha visitato per lo stesso scopo i centri di detenzione dove sono collocati gli stranieri.

Nel mese di settembre 2015, un gruppo di combattenti ISIL con più di un migliaio di uomini provenienti da paesi in Europa e in Asia centrale è stato guidato dal territorio turco in Siria attraverso il valico di frontiera di Alikaila (Gaziantep) .

I percorsi utilizzati per il movimento di combattenti passano molto vicino al confine turco-siriano, attraverso le città di Antakya, Reyhanlı, Topaz, Sanliurfa e Hatay.

Nel mese di marzo 2014, il capo della Organizzazione turca National Intelligence (MIT), H. Fidan, ha coordinato il movimento di una grande unità di ISIL guidata da un cittadino libico, Mahdi al-Kharati [ 1 ]. Il trasporto dei combattenti libici in Siria è stata fatta dal mare attraverso il valico di frontiera Barsai tra la Turchia e la Siria.

Dalla fine del mese di dicembre 2015, un ponte aereo è stato organizzato con l’aiuto dei servizi speciali turchi per consentire ai combattenti ISIL i combattenti di andare dalla Siria allo Yemen attraverso la Turchia usando aerei militari turchi. Un altro mezzo utilizzato per i combattenti è di viaggiare con trasporto via mare fino al porto yemenita di Aden.

Alcuni cittadini russi che coltivano i contatti con i responsabili dei servizi di sicurezza e della polizia in diverse città turche, tra cui Istanbul, sono coinvolti nelle attività di reclutamento attraverso le madrasse turche.

Sappiamo che la cura e la convalescenza in alcuni ospedali nelle regioni turche sono a disposizione per i combattenti feriti ISIL. Non meno di 700 combattenti erano nel centro di  riabilitazione a Gaziantep, nel 2014.

Secondo le informazioni disponibili, a partire dal 2015, i servizi speciali turchi hanno contribuito a trasferire da Antalya alla cittadina di Eskişehir chiamata anche “villaggio tartaro”, sede dei combattenti e complici del gruppo terroristico di al-Front da Nosra di Tatar le reclute provenienti dalle repubbliche del Tatarstan, Bashkortostan e Mordovia. Alcuni di loro hanno la doppia nazionalità, quello della Russia e quello della Turchia.

Uno dei principali leader del paese è Timur Maounirovitch Bitchourine, un cittadino russo nato 15 Dicembre 1969, da Kazan complice che porta aiuto ai combattenti islamici in Siria da gennaio 2014.

pubblicità

Nel mese di dicembre 2014, i servizi speciali turchi hanno contribuito a installare clandestini campi profughi in Turchia, in particolare nella provincia di Hatay, al fine di organizzare corsi di formazione e di inviare le bande di estremisti in Siria. Nel gennaio 2015, il MIT turco (servisio segreto turco) è stato coinvolto in un’operazione tesa a fondere  tre milizie terroristiche -Osman Gazi Omer Omer Bin Abdulaziz e Mukhtar- in un gruppo chiamato Brigata Sultan Abdoulhamid, il comando è stato dato a Omer Abdullah. I membri di questo gruppo hanno ricevuto una formazione in un campo in bayır-Bucak, in Turchia, sotto la direzione di maestri di unità di forze speciali d’intervento dello Stato Maggiore dell’esercito turco e membri del personale MIT. Le attività della Brigata Sultan Abdoulhamid sono coordinati con quei combattenti el-Nosra anteriori in provincia siriana a nord di Latakia.

Si è accertato che il 21 settembre 2015 nella città siriana di Tel Rifaat, ai rappresentanti dell’opposizione siriana di al-Nosra  che avevano ricevuto addestramento militare in un campo situato in Turchia Kırşehir sono state consegnate armi .

Secondo le informazioni disponibili, le forniture di armi ai gruppi terroristici che operano in Siria continuano a utilizzare i  servizi forniti da Insan Hak e dalle  fondazioni Hürriyetleri ve IHH (HHI) [ 2 ], İmkander [ 3 ] e Öncü indennità Nesil Insani Yardim che si trovano a Derneği (Turchia).

Le consegne di armi , equipaggiamento militare e munizioni di diverso tipo vengono inviati da paesi stranieri al porto turco di Iskenderun. Attrezzature e forniture militari sono trasportati attraverso la provincia di Hatay (posto di frontiera di Oncupinar) a Aleppo e Idleb in Siria da veicoli appartenenti alle fondazioni IHH, e İmkander Öncü Nesil Turchia subiscono le seguenti iscrizioni: 33 317 SU , 06 DY 7807, 33 sU 540, sU 960 33 42 GL 074 e R 31 5487. Sul territorio siriano, armi e munizioni sono distribuiti alle bande e alle unità di al Nosra Fronte formate da turkmeni.

Il 15 settembre 2014, i rappresentanti della fondazione IHH hanno effettuato da spedizioni di armivia strada e farmaci per gruppi di ISIL dalla la città turca di Bursa in Siria attraverso il posto di frontiera di Ceylanpınar ( quartiere Reyhanlı). Il convoglio è stato scortato attraverso la Turchia da veicoli che trasportano membri del personale del MIT.

Voltairenet.org

 

[1] Questo dovrebbe essere di Mahdi al-Harati – Nota di Réseau Voltaire [2] organizzazione umanitaria turca Fratelli Musulmani –  Nota di Réseau Voltaire [3] Questa fondazione sostiene i movimenti separatisti islamici nel Caucaso. Nel 2013, la Russia aveva chiesto al Comitato 1267/1989 per le sanzioni del Consiglio di sicurezza luogodi aggiungere  İmkander sulla lista delle organizzazioni legati ad al-Qaeda. Il Regno Unito, la Francia e il Lussemburgo si sono opposti. –  Nota Rete Voltaire