La liberazione della Siria meridionale dimostra che “l’uno contro tutti”, non basta senza l’azione diplomatica

Pubblicità

Al Akhbar, un quotidiano in lingua araba pubblicato in formato semi tabloid a Beirut che ha una sua versione online, rivela interessanti dettagli sulla diplomazia di backstage relativa alla liquidazione dei militanti del Fronte meridionale in Siria e la liberazione di Deraa e Quneitra, con relativo dislocamento dell’esercito siriano sulla linea di demarcazione dalle alture del Golan occupate da Israele.
Il titolo dell’articolo – a mio avviso –  è immeritatamente polemico con la Russia, perché – viste le preponderanti forze in gioco –  se non si fosse agito così,  l’indiscusso valore ed il sacrificio di molti, sarebbe stato vano senza intraprendere una abile azione diplomatica. E’ chiaro infatti che anche l’offensiva in atto nella provincia di Idlib – senza il placet turco faticosamente ottenuto da Mosca – sarebbe di difficile realizzazione. Interessanti invece gli aspetti poco noti descritti sulle circostanze della liberazione del sud della Siria e sulla situazione della sicurezza in quella zona.
La crescente insicurezza nelle zone riconciliate evidentemente indica che visto che intermediari neutrali non sono più presenti a controllare l’esecuzione corretta degli accordi. Di conseguenza, senza intermediari affidabili sul terreno per supervisionare i cosiddetti processi di riconciliazione, la stabilità sarà effimera e la costruzione della pace incontrerà ostacoli crescenti. Sembra infatti che oltre alle cause endogene di instabilità, abbia contribuito ad accendere gli animi anche una campagna di arresti ad ex ribelli e la coscrizione obbligatoria.
Quindi si tratta di una situazione molto complicata e delicata in cui è indispensabile una vigilanza continua di cui la ripresa del controllo territorio è solo una delle sfide.

@vietatoparlare

Il sud della Siria un anno dopo la sua liberazione: “La sicurezza di Israele” è la priorità della Russia

di Hussein Al Amin 4 maggio 2019

Nei primi anni della guerra siriana, la pianificazione operativa israeliana nel sud della Siria voleva realizzare il sogno di Tel Aviv di creare una cintura di sicurezza in territorio siriano, presidiata da gruppi militanti islamici.
Ma poiché il prezzo del loro sostegno cresceva sempre di più, senza che allo stesso tempo conducesse alla sconfitta di Assad o scoraggiasse l’avanzata dell’esercito siriano e dei suoi alleati al confine con il Golan occupato, Israele si interessò a un accordo che garantisse la minima sicurezza dei suoi confini. èIn altri termini] Israele giunse alla conclusione che non c’era alcuna speranza di mantenere in piedi le fazioni del sud, la maggior parte delle quali sarebbe crollata senza il sostegno [etserno]. Quindi, Israele scelse tra due opzioni in materia di garanzia dei propri interessi: [ulteriore] escalation e [conseguenti] crescenti rischi per la sicurezza strategica o un accordo negoziato con la Russia, che infatti iniziò a negoziare con le fazioni meridionali che riusci a neutralizzarne alcune nel bacino di Yarmuk e vicino al confine con la Giordania.
Per fare questo era necessario un accordo con gli Stati Uniti,  allo scopo di usare i sauditi e gli Emirati Arabi Uniti, i cui ufficiali e agenti dei servizi segreti erano attivi con base in Giordania ed avevano un’influenza significativa tra i ribelli. 

Un alto funzionario dell’esercito siriano che seguì le operazioni del fronte meridionale durante tutti gli anni della guerra ha spiegato ad Al-Akbar la situazione nel sud della Siria prima del crollo del fronte.
“Il fronte meridionale militante non era un fronte fragile, era un fronte forte guidato da ufficiali stranieri, con molti donatori stranieri, soprattutto Israele, quindi la necessità più importante per la parte russa era trovare compromessi in cui riuscisse a evitare lunghe ed estenuanti battaglie usando i suoi buoni rapporti con il nemico israeliano sul fronte meridionale, ma, naturalmente che questo portasse allo smantellamento del fronte Sud, non era cosa scontata “.

L’ufficiale ricorda la rapida disintegrazione dei gruppi armati e la loro transizione al servizio del lato governativo, sottolineando che “dopo la conclusione di un accordo per ridurre l’escalation nel sud della Siria nel novembre 2017 tra Russia, Stati Uniti e Giordania, iniziò un coordinamento attivo tra i rappresentanti degli Emirati Arabi e la Russia per ridimensionare situazione nel Sud. Meno di un mese dopo la firma dell’accordo, Khaled Alwan Al-Mahamid, vicepresidente dell’Alto Comitato per i negoziati, si è formato in una conferenza a Riyad in coordinamento con l’intelligence. Gli Emirati Arabi controllarono la maggior parte della campagna nella parte orientale di Daraa, attraverso il fratello della moglie di Mahamid e gli ufficiali russi che ricevettero informazioni sul processo in corso, i cui contatti segreti continuarono fino a quando non fu il momento di sfruttarli al meglio.

Ritornando all’inizio della battaglia per riprendere il controllo del sud siriano, è sorprendente che un accordo “unilaterale” sia stato inaspettatamente firmato tra la fazione “gioventù sunnita” e la parte russa. Questo accordo trasferì tutte le armi pesanti della “gioventù sunnita” alla polizia militare russa, e il gruppo stesso entrò in rapporti con il governo siriano, il che portò a disaccordi tra le fazioni del sud, ma questo presto portò alla caduta del Fronte meridionale.

La medesima esperienza è stata poi ripetuta anche in alcuni villaggi di confine a Quneitra e Daraa nord-occidentale, dove gli israeliani avevano indirettamente spinto i propri gruppi armati in un accordo con la Russia per trasferire le loro armi ai russi e consentire al governo siriano di tornare alle loro zone di controllo.

Pubblicità

Riassumendo la situazione, sembra che fu raggiunto un accordo completo tra le parti, sotto gli auspici di Mosca, che da una parte cercò di adempiere l’accordo concluso con Tel Aviv sul ritiro dei “consiglieri militari iraniani” dalla Siria meridionale (una richiesta congiunta di Israele, Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita) in cambio fu schierato l’esercito di Assad sul confine siriano con il Golan occupato e la ripresa del checkpoint di Nasib al confine con la Giordania.

Come risultato di questa transazione, Mosca si è rafforzata come attore chiave nel caso siriano, con cui tutte le parti interessate lavorano e che ha meccanismi di lavoro per influenzare le questioni di allentamento delle altitudini del Golan, avendo ottenuto garanzie da tutti i partecipanti alla transazione.

Oggi, a quasi un anno dalla liberazione del sud siriano, la scena sembra più complicata. Ma è chiaro che la calma completa è ciò che la polizia militare russa sta cercando di raggiungere lungo il confine con il Golan occupato. Secondo fonti locali, essa pattuglia lungo confine ed esegue compiti simili a quelli della la task force delle Nazioni Unite che monitora l’attuazione dell’Accordo di disimpegno (1974).

Una fonte locale nei villaggi di confine della provincia di Quneitra non esclude che “le truppe russe stiano diffondendo informazioni al nemico israeliano …”, aggiungendo che “la maggior parte di ciò che fanno è sospetto e richiede la verifica, pur agendo solo in risposta a ovvie proteste Israele, quando espone le denunce a Mosca sulla situazione al confine “.

Secondo i rapporti periodici delle forze internazionali dell’ONU di stanza al confine, le forze israeliane hanno commesso diversi rapimenti di civili siriani che stavano allevando bestiame nell’area della separazione, in violazione dell’accordo di disimpegno. Questi movimenti di pastori, insieme ad altri dati, hanno esacerbato le paure del nemico israeliano che sospetta si stia formando in quella zona un nuovo “fronte di resistenza” , ovvero Tel Aviv  crede che Hezbollah abbia reclutato pastori e civili per raccogliere informazioni. Questo è ciò che il comandante dell’IDF nelle Golan Heights, il generale di brigata Amit Fischer, ha menzionato in un’intervista al quotidiano israeliano Israel Today, nella quale afferma che “attualmente ci sono elementi di Hezbollah sulle alture del Golan … dozzine di libanesi e centinaia di siriani “” Raccolgono l’intelligenza nel primo stadio …

Inoltre, quasi non passa giorno senza che nei villaggi della regione meridionale e delle sue città, la gente non assista all’uccisione, al rapimento o agli scontri ai posti di blocco e davanti ai centri di sicurezza. “La sicurezza non è più garantita”, dice un residente di Daraa che spera sia ripreso il controllo del sud siriano e che sia “riconquistato il potere dello stato”. “I militanti si sono rasati la barba e vestiti, compresi quelli che hanno lasciato le loro armi e sono tornati a casa, alcuni dei quali sono ora vestiti con l’uniforme dell’esercito siriano, sono entrati nel 5 ° corpo e prestano servizio ai posti di blocco sotto la bandiera dello stato siriano …” “Non c’è più il pericolo di bombardamenti o di grandi battaglie, ma nelle aree popolate i militanti controllano ancora le persone, ma oggi hanno lo status legale!”.

Recentemente, le problematiche di sicurezza si sono intensificate nella regione meridionale. Avvengono uccisioni quasi giornaliere dirette contro ex comandanti di gruppi armati che hanno partecipato alla riconciliazione con la parte russa, il che indica la repressione interna tra ex militanti. E’ sintomo che alcuni gruppi che hanno accettato l’accordo sono stati costretti a sostenerlo, ma non l’hanno accettato internamente.

Nello stesso contesto, l’esercito siriano e alcuni membri del personale di sicurezza di Damasco sono costantemente attaccati, sia ai posti di blocco che nelle caserme e nei centri. Ad esempio, circa 10 giorni fa, nella città di Sinaim si sono verificati violenti scontri tra militanti e soldati dell’esercito siriano, durante i quali i militanti hanno temporaneamente occupato un posto di blocco e parte della stazione della polizia locale. All’inizio del mese scorso, un gruppo di forze di sicurezza siriane è caduto in un’imboscata sulla strada tra Muzayrib e Jalin. Sebbene lo stato siriano abbia adempiuto ai propri obblighi in materia di insediamenti e abbia mantenuto le proprie  condizioni, le cose non stanno andando come previsto, non c’è la necessaria pace e sicurezza in questa regione. Ironia della sorte, l’unico che non si trova ad affrontare problemi di sicurezza, né attacchi e muove liberamente è la polizia militare russa.

fonte: https://al-akhbar.com/Syria/270006   (edizione libanese)