La frode delle foto di “Caesar” che ha minato i negoziati di pace siriani

Deduzioni sulle foto di Caesar

Un rapporto di d’inchiesta di 30 pagine sulle ” foto tortura di Cesare ” è stato rilasciato da Counterpunch ed è disponibile a fondo pagina . Quella che segue è una versione condensata della relazione tradotta in italiano.

I lettori che sono particolarmente interessati sono invitati leggere il rapporto completo che include dettagli aggiuntivi, fotografie,  fonti e  commenti.

Introduzione

C’è un modello di rapporti sensazionali, ma falsi che portano alla pubblica accettazione negli Stati Uniti  all’intervento militare occidentale nei paesi di tutto il mondo:

Nella guerra prima del Golfo, ci sono state segnalazioni di truppe irachene che rubavano incubatrici in Kuwait, lasciando i  bambini morire sul freddo pavimento . Ci si era basati sulla testimonianza di un medico della Mezzaluna Rossa; Amnesty International aveva ‘verificato’ quelle le false affermazioni.

Dieci anni dopo, ci sono state segnalazioni di ‘uranio arricchito’ pronto per essere usate in Iraq per lo sviluppo di armi di distruzione di massa.

Un decennio più tardi, ci sono state segnalazioni di soldati libici ‘drogati con il Viagra per violentare le donne mentre avanzavano contro i ribelli libici.’

Nel 2012, la giornalista NBC Richard Engel è stata presumibilmente rapita da ‘milizie siriani pro-Assad’, ma per fortuna liberato dai combattenti dell’opposizione siriana, il “Free Syrian Army”.

Tutti questi rapporti sono stati successivamente confermati essere invenzioni e menzogne . Tutti avevano lo scopo di manipolare l’opinione pubblica ed infatti riuscirono in un modo o nell’altro a realizzare il loro scopo. Nonostante le conseguenze, spesso disastrose, nessuno dei colpevoli sono stati puniti o hanno pagato un qualsiasi prezzo per aver mentito.

E ‘famoso il detto “chi non impara dal passato è condannato a ripeterlo.” Questo rapporto è una revisione critica della storia “le foto delle torture di Caesar”. Come verrà mostrato, vi è una forte evidenza che le accuse sono del tutto o sostanzialmente false.

Panoramica delle foto delle torture di ‘Caesar’

Il 20 gennaio 2014, due giorni prima del giorno che i negoziati sul conflitto siriano iniziassero in Svizzera come programmato , un rapporto sensazionale irruppe in televisione e sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo. La notizia era che un ex fotografo dell’esercito siriano aveva 55.000 fotografie che documentavano la tortura e l’uccisione di 11.000 detenuti nelle prigioni siriane.

Al fotografo siriano è stato dato il nome in codice ‘Cesare’. La storia divenne nota come “le foto delle torture di Caesar”. Un team di avvocati e esperti tecnici digitali  furono assunti dallo studio legale Carter-Ruck, tramite un contratto per il Qatar, per andare in Medio Oriente e verificare la veridicità di “Cesare” e la sua storia. Essi hanno concluso che la documentazione presentata da “Cesare” fosse veritiera e le fotografie indicate rappresentavano “uccisioni in scala industriale”. Quindi la CNN, il Guardian e LeMonde di Londra hanno diffuso la storia che è stato successivamente trasmessa nei notiziari in tutto il mondo. Le accuse contenute nelle ‘Foto di Caesar’ sono stati annunciate nei negoziati che iniziavano in Svizzera. Questo facilitò per l’opposizione il chiedere le dimissioni del governo siriano, i negoziati furono interrotti rapidamente.

Poi non se ne è più parlato. Negli ultimi due anni, la storia è stata conservata con raffiche occasionali di pubblicità e relazioni apparentemente corroboranti. Più di recente, nel dicembre 2015 Human Rights Watch (HRW) ha pubblicato un rapporto dal titolo “Se i morti potessero parlare” focalizzato significativamente sulle accuse di Cesare.

Di seguito sono riportati  i 12 significativi quesiti connessi alla storia delle ‘fotografie di tortura di Cesare’.

1: Quasi la metà delle foto mostrano il contrario delle accuse.

La squadra d’inchiesta Carter Ruck  ha sostenuto che su un totale di circa 55.000 foto, circa la metà di loro sono quelle di ‘Cesare’ mentre l’altra metà da altri fotografi. Il team di Carter Ruck ha sostenuto che le foto erano tutte ‘simili’. Insieme sono tutti note come ‘le fotografie di tortura di Cesare.

Le fotografie sono sotto la custodia di una organizzazione dell’opposizione chiamato the Syrian Association for Missing and Conscience Detainees (SAFMCD). Nel 2015, questa associazione ha permesso ad Human Rights Watch (HRW) di studiare tutte le fotografie che sono altrimenti erano segrete. Nel mese di dicembre 2015, HRW ha pubblicato il proprio rapporto intitolato “Se i morti potessero parlare”. La più grande rivelazione è che oltre il 46% delle fotografie (24,568) non mostrano persone ‘torturati a morte” da parte del governo siriano. Al contrario, essi mostrano soldati siriani morti e vittime di autobombe e altre forme di violenza (HRW pp2-3). Così, quasi la metà dei foto mostrano il contrario di quanto asserito. Queste foto, mai rivelate al pubblico, confermano che l’opposizione è violenta ed ha ucciso un gran numero di forze di sicurezza siriane e civili.

2: L’affermazione che altre foto mostrano solo “detenuti torturati ‘è esagerata o falsa.

Il rapporto Carter Ruck dice che ‘Cesare’ ha presentato solo fotografie che ritraggono  corpi provenienti dai centri di detenzione del governo siriano. Nella loro relazione risalente a dicembre 2015, HRW ha detto: “La maggior parte delle fotografie, 28,707 immagini, sono fotografie da cui Human Rights Watch può dedurre si tratti di detenuti morti durante la custodia da parte del governo, che siano state fatte in uno dei numerosi centri di detenzione o dopo essere stati trasferiti in un ospedale militare.” La stima è che le foto sono di  6.786 individui morti.

Le foto dei defunti sono reali, ma non è chiaro come sono morti e le circostanze della loro morte. C’è una forte evidenza che alcuni sono morti in combattimento. Altri sono morti in ospedale. Altri sono morti ei loro corpi si sono decomposti prima che fossero raccolti. Queste fotografie sembrano documentare una situazione in tempo di guerra in cui vengono uccisi molti combattenti e civili. Sembra che l’ospedale militare stava facendo quello che aveva sempre fatto: il mantenimento di un archivio fotografico e documentario dei defunti. Corpi sono stati raccolti a cura dei vari  rami militari o di intelligence. Mentre alcuni possono essere morti in detenzione; la grande maggioranza probabilmente è morto in zone di conflitto.

Pertanto le accuse di ‘Cesare’, il rapporto Carter Ruck e HRW che indicano la totalità degli individui “morti in detenzione” o “morti per tortura” o morti in ‘custodia del governo ” sono quasi certamente false.

3: La vera identità di “Cesare” non è probabilmente quella rivendicata.

La relazione Ruck Carter dice: a “questo testimone che ha disertato dalla Siria e che aveva lavorato per il governo siriano è stato dato dal team di inchiesta il nome in codice ‘Cesare’ per proteggere lui e membri della sua famiglia”. (CRR p12) Tuttavia, se la sua storia fosse vera, sarebbe facile per il governo siriano determinare chi sia veramente. Dopo tutto, quanti fotografi militari hanno scattato le foto in quegli anni negli ospedali militari e poi sono spariti? Secondo il rapporto Carter Ruck, la famiglia di Cesare ha lasciato la Siria intorno nello stesso tempo. Considerando questo, perché “Cesare” mantiene segreta la sua identità al pubblico occidentale? Perché “Cesare” si rifiuta di incontrare anche giornalisti o ricercatori a lui favorevoli?

Il fatto che il 46% del totale del set fotografico è sostanzialmente l’opposto di quanto sostenuto indica due possibilità:

Cesare ei suoi promotori conoscevano il contenuto, ma hanno mentito e si aspettavano che nessuno se ne accorgesse.

Cesare e dei suoi promotori non conoscevano il contenuto delle foto e hanno falsamente asserito che fosse altro.

Quest’ultima ipotesi che sostiene la teoria che Cesare non è chi dice di essere, sembra la più probabile .

4: L’inchiesta Carter Ruck era viziata,  precipitosa e politicamente di parte.

La credibilità della storia “Cesare” si regge sostanzialmente sulla base dell’indagine della squadra Carter-Ruck che ha “verificato” la defezione del fotografo e le sue fotografie. I seguenti fatti suggeriscono la squadra si è mossa con un movente politico:

L’indagine è stata finanziata dal governo del Qatar, che è uno dei principali sostenitori dell’opposizione armata.

Lo studio legale appaltato, Carter Ruck and Co, ha già rappresentato il presidente turco Erdogan, noto anche per il suo appassionato sostegno dell’opposizione armata.

Il cittadino americano appartenente al team di inchiesta legale, il Prof David M. Crane, ha una lunga storia di lavoro per Dipartimento della Difesa Stati Uniti  e per la Defense Intelligence Agency (DIA). Il governo degli Stati Uniti è stato profondamente coinvolto nel tentativo di ‘Regime Change’ e dall’estate del 2011 e continuando nel tempo fino ad oggi ha sempre sostenuto la destituzione di Assad .

Il prof Crane nel conflitto è personalmente partigiano . Ha fatto una campagna per la costituzione di un Tribunale penale siriano ed ha  testimoniato (per perore questa caisa) davanti al Congresso USA nel mese di ottobre del 2013, tre mesi prima delle rivelazioni Cesare.

Per loro stessa ammissione, la squadra era sotto inchiesta per “vincoli di tempo” (CRR, P11).

Per loro stessa ammissione, il team di inchiesta non ha nemmeno visto la maggior parte delle fotografie

Il team di inchiesta era o ignaro del contenuto o ha intenzionalmente mentito per circa il 46% dei casi mostrando morti soldati siriani e vittime di attacchi (da parte dei ribelli – NDR).

Il team di inchiesta ha fatto l’ultima intervista a “Cesare”, il 18 gennaio, ed ha rapidamente perfezionato una relazione  per poi precipitarsi a presentarla  il 20 gennaio, due giorni prima dell’inizio dei negoziati sponsorizzati Nazioni Unite.

L’auto-proclamato “rigore” delle indagini del gruppo Carter Ruck è priva di fondamento. Le rivendicazioni di indagine ‘scientifica’ sono allo stesso modo, senza sostanza e al limite del ridicolo.

5: La Central Intelligence Agency statunitense (CIA) è coinvolta.

In una intervista su France24, il prof. David Crane della squadra di inchiesta riferisce come ‘Cesare’ sia stato portato a incontrare  “il gestore ufficiale del caso”. L’espressione ‘gestore ufficiale del caso’ di solito si riferisce alla CIA. Questa sarebbe una espressione comune per il Prof. Gru che ha già lavorato nella Defense Intelligence Agency. Il coinvolgimento della CIA è noto dato che l’enta ha messo bilancio  circa di $ 1 miliardo per le operazioni Siria nel 2013.

Il  progetto ‘Project Syria Accountability” del Prof. Crane ha sede presso la Syracuse University, dove la Cia recluta attivamente nuovi ufficiali, nonostante la resistenza degli studenti.

Perché è importante stabilire se la CIA sia collegata alla storia ‘Cesare’? Il motivo è che la CIA ha una lunga storia di campagne di disinformazione. Nel 2011, alimentò  falsi rapporti secondo i quali i soldati libici usavano il Viagra per stuprare durante la loro avanzata furono  ampiamenteduffusi da parte dei media occidentali nel senso voluto dagli Stati Uniti come ultriore stumento di pressione per giustificare un intervento militare. Decenni prima, il mondo è stato sconvolto nel sentire parlare di truppe cubane che combattevano in Angola stuprando donne angolane. Il capo della CIA di stanza in l’Angola, John Stockwell, in seguito descrisse  il rapporto diffuso in tutto il mondo come un falso inventato di  sana pianta. La CIA era molto orgogliosa di questo risultato di disinformazione. Il libro di Stockwell, “In Search of Enemies” (in cerca di nemici) è ancora attuale.

6: L’accusa ritrae semplici procedure amministrative come misteriose e sinistre.

Il team di inchiesta Carter Ruck falsamente ha dichiarato che ci sono stati circa 11.000 i detenuti torturati e uccisi. Hanno poi posto la domanda: perché il governo   siriano ha fotografato e documentato le persone che avrebbe appena ucciso? La relazione Ruck  Carter ipotizza che l’ospedale militare abbia fotografato i morti per dimostrare che l’ “ordine di uccidere” era stato eseguito.

Ma una spiegazione più logica è che i cadaveri sono stati fotografati come parte della normale procedura degli ospedale / fotografati all’obitorio allo scopo di mantenere un file dei defunti che sono stati ricevuti o trattati in ospedale.

Lo stesso vale per il sistema dell’ etichettatura / numerazione dei corpi. Il rapporto Carter Ruck suggerisce invece che c’è qualcosa di misterioso e di sinistro nel sistema di etichettatura tramite codici. In tutti gli obitori è necessario disporre di un sistema di etichettatura e di identificazione.

7: Le foto sono state manipolate.

Molte delle foto sul sito SAFMCD sono state manipolate. La scheda informazioni e l’identità delle foto sono coperte e sezioni dei documenti sono oscurate. Si deve essere impiegato molto tempo per fare questo su migliaia di foto. La spiegazione date che sia stato fatto per non far identificare le vittime non è credibile in quanto i volti delle vittime sono visibili. Cosa stanno nascondendo?

8: Le foto del catalogo presentano duplicati e altri errori.

Ci sono numerosi errori e anomalie nel catalogo fotografico come presentato sul sito SAFMCD.

Per esempio, alcuni salme sono mostrate due volte con diversi numeri di casi e date.

Ci sono altri errori in cui a diversi individui è stato dato lo stesso numero identificativo.

Il ricercatore Adam Larson ha fatto  un esame approfondito che rivela più errori nel catalogo fotografico SAFMCD.

9: Con poche eccezioni, i media occidentali hanno accettato e promosso la storia acriticamente.

Il rapporto Carter Ruck è stato etichettato come “confidenziale”, ma distribuito alla CNN, il Guardian e Le Monde.

Della CNN Christiane Amanpour non appena lei ha intervistato tre della squadra inchiesta, ha rivelato la storia sotto il titolo “ESCLUSIVO: “riveliamo le foto delle torture da parte del regime di Assad” .  Il giornalismo critico è stato privato delle più importanti domande e risposte. David Crane ha dichiarato: “Si tratta della pistola fumante”. Desmond de Silva ha “paragonato le immagini a quelle dei sopravvissuti dell’Olocausto”.

Il rapporto del The Guardian  è stato intitolato “un documento autentico del regime siriano mostra segni dell’uccisione su ‘scala industriale’ dei detenuti” , l’articolo veniva corredato dal sottotitolo “gli esperti dicono che le fotografie e i documenti forniscono ‘prova evidente’ di crimini di guerra per l’uccisione sistematica di 11.000 detenuti”

Uno dei rari rapporti che mostra scetticismo è stato quello di Dan Murphy del Christian Science Monitor. Murphy ha fatto eco alle accuse standard sulla Siria, ma ha anche detto incisivamente, “la relazione stessa non è neanche lontanamente credibile per come fa fuori molti elementi e deve essere considerata per quella che è: un esercizio di propaganda fatto al momento giusto finanziato dal Qatar, un avversario del regime che ha finanziato i ribelli finanziati che combattono Assad che hanno commesso loro stessi crimini di guerra “.

Purtroppo si trattava di uno dei pochissimi rapporti critici apparsi nei media mainstream.

Nel 2012,  il giornalista esperto in politica estera Jonathan Steele ha scritto un articolo che descrive la parzialità dei media sulla Siria. Il suo articolo era intitolato “La maggior parte dei siriani seguono Assad, ma è meglio non farlo sapere aimedia occidentali”. La campagna mediatica e di propaganda ha continuato senza sosta. Fu in questo contesto che la Ruck Carter è stata consegnata e ampiamente accettata senza discutere.

10:   I politici hanno usato la storia di Cesare per ulteriormente ad un intervento aggressivo USA / NATO .

I politici che cercano un intervento diretto degli Stati Uniti per un ‘cambio di regime’ in Siria si sono affrettati ad accettare e trasmettere la storia di ‘Cesare’. Hanno usato demonizzare il governo di Assad e sostengono che gli Stati Uniti devono agire in modo da evitare che avvenga “un altro Olocausto ‘,’ un altro Rwanda ‘,’ un’altra Cambogia ‘.

Quando le foto di Cesare sono state esposte alla Commissione Affari Esteri della Camera al Congresso, il presidente Ed Royce ha detto “E ‘tempo che gli Stati Uniti impongano una zona cuscinetto nel nord della Siria per impedire ulteriori atrocità per proteggere e  fermare i massacri che sono in corso, che hanno spostato la metà della popolazione di quel paese” (lo ha fatto mostrando 50 immagini di Caesar) ed ha aggiunto –  che gli USA dovrà implmentare ” qualche misura di protezione” per i cittadini di Aleppo.

Il democratico Eliot Engel della Commissione Affari Esteri della Camera  nel novembre 2015 ha dichiarato “Stiamo ricordando il fotografo, conosciuto come Cesare, che sedeva in questa stanza meno di un anno fa, che ci mostrava scioccanti dettagli grafici di quello che Assad ha fatto al suo popolo.” Engel ha continuato a sostenere per una nuova autorizzazione per l’uso della forza militare.

Rep Adam Kinzinger è un altro avvocato che si batte per l’aggressione contro la Siria. Ad un evento presso il Museo Memoriale dell’Olocausto a luglio 2015, ha detto, “Se vogliamo distruggere ISIS dobbiamo distruggere l’incubatore di ISIS, Bashar al-Assad.”

Ironia e l’ipocrisia è stata usata  da Rep Kinzinger quando ha incontrato e coordinato con il leader dell’opposizione Okaidi che è un alleato confermato di ISIS. In contrasto con le false affermazioni di Kinzinger, è ampiamente noto che l’ideologia di ISIS  ha goduto del finanziamento iniziale proveniente dall’ Arabia Saudita e gran parte della sua recente ricchezza proviene  dalle vendite di petrolio attraverso la Turchia. L’esercito siriano ha combattuto grandi battaglie contro ISIS, vincendone alcune, ma ne ha perso altre con scene orribili di decapitazione di massa.

11: La valutazione di Human Rights Watch è distorta.

HRW è stata molto attiva per quando riguarda la Siria. Dopo gli attacchi chimici a Damasco il 21 agosto 2013, HRW si precipitò a redigere un rapporto checoncludeva che, sulla base di un’analisi del vettore dei proiettili in arrivo che trasportavano il sarin, il governo siriano era il solo a disporre di quel tipo di ordigno. Questa analisi è stata successivamente smentita come ” un mucchio di cattive prove spazzatura” dallo stimato giornalista investigativo Robert Parry. Anche l’ipotesi di HRW che si basava sulla distanza di volo del razzo che trasportava l’arma chimica era difettosa. Inoltre non era realistico pensare che fosse  possibile determinare la traiettoria del razzo con più 1% di precisione partendo solo dal contenitore a terra. E pensare che è possibile determinare la traiettoria di volo partendo da un contenitore  che aveva deviato da un muro edificio era assurdo.

Nonostante questo, HRW ha sostenuto ed attaccato con  la sua analisi deficitaria, accusando il governo di Assad.  Ildirettore di HRW Ken Roth ha indicato pubblicamente insoddisfazione quando è stato raggiunto un accordo per eliminare le armi chimiche siriane. Roth voleva molto di più di un “attacco simbolico” .

Alla luce di quanto precede, si segnala il rapporto di HRW di dicembre 2015 affrontando le affermazioni di Cesare.

HRW sembra essere l’unica organizzazione non governativa che ha ricevuto il set completo dei file contenenti le foto dal custode. A suo merito, HRW ha riconosciuto che quasi la metà le foto non mostrano ciò che è stato sostenuto da due anni: essi mostrano soldati siriani morti e milizie insieme a risultati di uccisioni, dovuti ad autobombe, ecc …

Ma pregiudizi di HRW sono chiaramente dimostrati nel modo in cui ha gestito questa enorme contraddizione Sorprendentemente HRW suggerisce che le fotografie identificate in modo non corretto dimostrano la loro tesi. Quelli di HRW dicono: “Questo rapporto si concentra sulle morti in detenzione. Tuttavia altri tipi di fotografie sono importanti. Dal punto di vista probatorio, rafforzano la credibilità delle affermazioni di Cesare sul suo ruolo che ha avuto come fotografo forense delle forze di sicurezza siriane o almeno come persona in contatto con qualcuno che ha accesso alle loro fotografie. “(HRW, p31) .

I file confutano l’affermazione che mostrano torturati e uccisi. Le fotografie mostrano una vasta gamma di persone decedute, che va dai soldati siriani o membri delle milizie siriane combattenti dell’opposizione o civili intrappolati nelle zone di conflitto alle morti regolari in ospedale militare. Ci possono essere alcune foto di detenuti morti in carcere dopo essere stato torturate, o che sono stati semplicemente giustiziate. Sappiamo che questo è accaduto nei centri di detenzione iracheni sotto l’occupazione statunitense. Cose brutte e brutali avvengono in tempi di guerra. Ma i fatti suggeriscono fortemente che il conto ‘Cesare’ è fondamentalmente falso o una grossolana esagerazione.

Colpisce il fatto che il rapporto di HRW non ha alcun riconoscimento delle condizioni di guerra e le circostanze in Siria. Non vi è alcun riconoscimento che il governo e esercito siriano arabo sono stati sotto attacco da parte di decine di migliaia di combattenti come arma finanziati apertamente e sostenuto da molti dei paesi più ricchi del mondo.

Non vi è alcun accenno alla enorme perdita di vite subita da parte dell’esercito siriano e sostenitori per difendere il loro paese. Le stime attuali indicano da ottanta a centoventi mila soldati siriani, milizie e alleati aver morti nel conflitto. Durante i tre anni 2011 – 2013, tra cui il periodo coperto dalle foto di Cesare, si stima che più di 52.000 soldati siriani e milizie civili sono morti contro 29.000 forze anti-governative.

HRW ha avuto accesso al set completo di fotografie tra cui l’esercito siriano e miliziani civili uccisi nel conflitto. Perché non hanno elencato il numero di soldati siriani e delle forze di sicurezza che hanno identificato? Perché non hanno mostrano una singola immagine di quelle vittime?

HRW va oltre approvando le falsità nella storia del ‘Cesare’; essi suggeriscono che è una lista parziale. A pagina 5 si legge nel rapporto, “Di conseguenza, il numero di corpi dalle strutture di detenzione che appaiono nelle fotografie Cesare rappresentano solo una parte di coloro che sono morti in detenzione a Damasco.”

Al contrario, le fotografie Cesare sembrano mostrare per lo più le vittime che sono morte in una varietà di modi nel conflitto armato. Perciò le affermazioni HRW sembrano essere di parte e imprecise.

12: Le accuse legali sono di parte e ignorano il crimine supremo dell’ aggressione.

Il giornalista Dan Murphy del Christian Science Monitor ha fatto un avvertimento nel suo articolo della relazione Carter Ruck su ‘Cesare’. Mentre molti giornalisti hanno trattato la pubblica accusa con deferenza acritica, egli ha detto, ” La Corte Penale Internazionale per i crimini di guerra (CPI) con i suoi procedimenti giudiziari  non è garante della sua credibilità ma è lontano da essa. Basta considerare le assurde pretese del Procuratore capo della CPI Luis Moreno Ocampo su Viagra e stupri di massa in Libia di Muammar Gheddafi nel 2011. I pubblici ministeri hanno, ovviamente, una polarizzazione verso il voler sostenere processi contro le persone che considerano criminali di guerra (come Assad o Gheddafi) e quindi devono essere trattati con cautela. Spesso favoriscono, gli interventi umanitari “.

Il team legale Carter Ruck ha sostenuto che sue indagini fossero precise. Ma la realtà dimostra che era solo ansioso di accusare il governo siriano di “crimini contro l’umanità”. Ma l’evidenza di “omicidio industriale”, “uccisioni di massa”, “torturare per uccidere” è dubbia e gran parte delle prova concrete mostrano qualcos’altro.

Al contrario, ci sono prove chiare e solide che un “crimine contro la pace” è stato commesso contro la Siria. E ‘risaputo che la cdi  “opposizione armata” in Siria è stata finanziata e supportato in una miriade di modi dai vari governi esteri. La maggior parte dei combattenti, sia siriani e stranieri, ricevono stipendi da vari stati esteri. Le loro forniture, armi e attrezzature necessarie sono tutte fornite dall’esternoo. Come i “Contras” in Nicaragua nel 1980, l’uso di tali eserciti ‘proxy’ è una violazione del diritto internazionale consuetudinario.

E ‘anche una violazione della Carta delle Nazioni Unite che dice “I Membri devono astenersi nelle loro relazioni internazionali dalla minaccia o dall’uso della forza contro l’integrità territoriale o l’indipendenza politica di qualsiasi Stato, o in qualsiasi altra questione incompatibile con i fini degli Stati Nazioni “.

Il governo del Qatar è stato uno dei principali sostenitori di mercenari e fanatici che attaccano lo stato sovrano della Siria.  Conoscendo questo dato,  non è forse estremamente ironico il sentire le imprese legali con le quali proprio il Qatar accusa il governo siriano di “crimini contro l’umanità”?

Non è tempo che le Nazioni Unite facciano riforme affinchè si possa iniziare a vivere finoin linea con i suoi scopi originari? Ciò richiederà una domanda esigente e il far rispettare la Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale.

***

Questo articolo è stato pubblicato in Counterpunch .   Rick Sterling è un co-fondatore di Siria Solidarity Movement . Egli può essere contattato al [email protected]

[pdfjs-viewer url=”http%3A%2F%2Fwww.vietatoparlare.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2016%2F10%2FCaesarPhotoFraudReport_v6.compressed1.pdf” viewer_width=100% viewer_height=1360px fullscreen=true download=true print=true]