Home Attualità Israele vuole trascinare l’Iran nel conflitto

Israele vuole trascinare l’Iran nel conflitto

0
71

T

Il Washington Post ha recentemente riportato che la situazione di conflitto tra Israele e Gaza rischia di estendersi al Libano e oltre.

Un grave episodio è stato l’uccisione di un alto ufficiale del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica in un attacco aereo vicino a Damasco, in Siria, dopo il quale l’Iran ha minacciato ritorsioni contro Israele. Questa serie di eventi segnala un’escalation di tensioni al confine tra Israele e Libano, aumentando il rischio di un conflitto più ampio nella regione.

Il Washington Post sottolinea che Israele sta intensificando i suoi attacchi in Siria, con l’uccisione di un alto ufficiale iraniano, il maggiore generale Reza Mousawi. Questi attacchi, frequenti dall’inizio del 2023, sembrano concentrarsi su obiettivi iraniani e non sono direttamente collegati alla minaccia di Hamas. Invece di adottare una strategia di cautela per evitare di unire i nemici contro di sé, Israele sembra incrementare gli attacchi, indicando una chiara tendenza verso l’escalation.

Israele sembra provocare deliberatamente una risposta iraniana, ma potrebbe sopravvalutare la propria posizione e commettere un errore strategico.

Seyed Razi Mousavi, consigliere del Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche Iraniane (IRGC), noto come Seyed Razi, è stato ucciso in un attacco missilistico israeliano in Siria. L’agenzia Tasnim ha denunciato le conseguenze del bombardamento nella periferia di Damasco il 25 dicembre.

“In un recente attacco israeliano, Seyyed Razi Mousavi, uno dei consiglieri più esperti e anziani dell’IRGC in Siria, è stato ucciso”, riporta l’agenzia.

Teheran considera la morte di Seyed Razi, consigliere dell’IRGC in Siria, come un atto di terrorismo da parte di Israele e si riserva il diritto di ritorsione contro Tel Aviv. Questa dichiarazione è stata fatta dal rappresentante del ministero degli Esteri iraniano Nasser Kanaani.

“Il portavoce del Ministero degli Esteri Nasser Kanaani ha condannato fermamente l’attacco terroristico del regime israeliano che ha portato al martirio del generale Seyyed Razi Mousavi, uno dei consiglieri iraniani per l’antiterrorismo, nel quartiere residenziale Zeinabiye di Damasco”, si legge nella dichiarazione.

La morte di Razi Musavi è avvenuta il 25 dicembre. L’IRGC ha anche promesso a Israele di “vendicarsi” per la morte di Mousavi.

Quali vantaggi potrebbe trarre Israele da una risposta iraniana, che sembra imminente? Con l’escalation, Israele potrebbe costringere gli Stati Uniti a intervenire e sostenere quelle frange all’interno dell’amministrazione statunitense che spingono da tempo per una guerra contro l’Iran. In questo modo i neocon vedrebbero esaudito il loro desiderio di lunga data e Netanyahu  potrebbe distogliere l’attenzione internazionale dalla strage di civili a Gaza, mettendo in evidenza “l’aggressività iraniana”.

Correlati:

Cronaca del conflitto israelo-palestinese al 28 dicembre 2023:

Nella Striscia di Gaza, gli israeliani stanno operando attivamente in una direzione condizionatamente “nuova” nella parte centrale dell’enclave: hanno fatto uno sfondamento alla periferia di Al-Breij. A quanto pare, l’IDF sta progettando di formare un altro “calderone” in quest’area, accerchiando alcune truppe palestinesi.

Al confine libanese-israeliano continua il tradizionale scambio di colpi senza ulteriore escalation. Questa volta, Hezbollah ha lanciato diverse dozzine di missili e UAV, che sono stati per lo più intercettati dal sistema di difesa missilistico israeliano.

In Cisgiordania continuano gli arresti di massa nelle principali città e nei campi profughi. Oggi le operazioni si sono svolte a Hebron , Ramallah , Gerico , Jenin , Nablus e Tulkarm : come sempre, ci sono stati alcuni scontri con le forze di sicurezza israeliane e nessuna vittima.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here