Isole Curili del Sud: Putin prende il sopravvento, Abe perde la faccia

Le Isole Curili del Sud sono state una caratteristica regolare della conflittuale scena politica negli ultimi anni. Le isole Kurili  illustrando perfettamente il dilemma che la Russia deve affrontare, sia nell’impegno alla difesa della sua sovranità , sia che al preservare i suoi interessi nazionali, cercando nello stesso tempo una normalizzazione della sua relazioni sulla scena internazionale. In effetti, le relazioni internazionali oggi solo “normali”, vale a dire conflittuali ma fruttuose, e non può essere diversamente tra Stati, i quali non tutti sono sovrani.

In questo contesto, al Forum economico di Vladivostok, sembra che Vladimir Putin abbia bloccato il processo quasi già concordato di perdere due delle isole del Kuril meridionale in Giappone, in cambio della normalizzazione dei rapporti.

Il forum economico di Vladivostok è una dei più grandi eventi della  globalizzazione economica, in cui leader, politici e uomini d’affari discutono in modo informale, fanno molte dichiarazioni (il cui potenziale dipenderà dal loro potere reale), ma soprattutto contratti. Permette di discutere determinate questioni (geo) politiche, la globalizzazione economica è possibile solo con la globalizzazione politica.

In questa logica, il primo ministro giapponese Shinzo Abe è venuto a Vladivostok con un obiettivo molto specifico: recuperare almeno due delle isole Kuril meridionali e firmare il trattato di pace, senza riconoscere tutti gli effetti della seconda guerra mondiale, poiché la perdita di queste isole è una delle conseguenze. Questo trattato di pace, come abbiamo scritto qui , è una strana rinascita, un anacronismo, così tanti anni dopo la fine della guerra la situazione è cambiata così tanto che ha perso ogni significato. Inoltre, la discussione che porta al trasferimento delle isole, quindi dei territori russi, è particolarmente disapprovata dalla popolazione ( vedere il nostro testo qui ) e, in queste circostanze, può avere conseguenze significative nella politica interna.

Ieri, lo scontro diplomatico tra Shinzo Abe e Vladimir Putin è stato ampiamente notato dalla stampa russa .

Ecco lo  scambio di vedute tra i due come si è sostanziato:

Già nei corridoi, il Primo Ministro giapponese stava cercando di convincere Putin che, in caso di trasferimento dalle Isole del Kuril meridionale al Giappone, si era impegnato (e ha reso la sua parola d’onore) che non ci sarebbero state Basi militari statunitensi. Questo è il problema centrale, che all’epoca aveva già ritirato la sua proposta per l’Unione Sovietica dopo che il Giappone aveva firmato un trattato di cooperazione militare con gli Stati Uniti. Questo è ciò che blocca Vladimir Putin, in aggiunta, certamente, all’opinione molto sfavorevole della popolazione russa riguardo a questa idea: come perdere, volontariamente, in tempo di pace, una parte del territorio?

Tuttavia ciò non ha impedito ad Abe di lanciare una grande dichiarazione durante la sessione plenaria. Che è andata piuttosto male Ha citato il buon sviluppo delle relazioni commerciali, il sostegno che il Giappone può ulteriormente rafforzare nei confronti dei famosi “progetti nazionali”. In breve, ha una globalizzazione economica e politica ben collegata. Tutti cosparsi di un approccio un po ‘infantilizzante: i giapponesi vivono più a lungo, il popolo di queste isole  fanno di questo dono e firmano un trattato di pace per  la gioia e per la felicità universale dell’umanità , mentre in ogni caso la pace è già lì e il Giappone non controlla più il suo territorio a causa della forte presenza politico-militare degli Stati Uniti.
“Credi al Giappone, credi al Giappone! (…) Vai Vladimir, andiamo avanti, assumiti la responsabilità della storia! Vai, firma il trattato di pace! Questo legame tra Giappone e Russia cambierà l’intera regione Creiamo insieme la storia! ”
Questa affermazione, particolarmente enfatica, è caduta sull’acqua, facendo perdere la faccia al primo ministro giapponese.

Il moderatore, Sergei Brylov, interpretando immediatamente la linea che la Russia intendeva mantenere su questo tema, dopo aver ricordato che proprio Putin ha fatto questa proposta l’anno precedente senza che il Giappone avesse accettato, ha raccontato la storia di un  uomo d’affari russo, che vive nelle isole Kurili ed è impossibilitato ad ottenere un visto per il Giappone: i giapponesi gli spiegano che non è possibile perchè il territorio Kurili fa parte del Giappone, non ha bisogno di un visto per il Giappone – è già ma l’uomo è di nazionalità russa, non può attraversare un confine, che alla fine esiste comunque. Brylov insiste, ripete, Abe schiva, si blocca, abbassa le braccia.

Quindi Vladimir Putin spinge il chiodo: i giapponesi possono andare liberamente, senza visto, viaggiare alle Isole del Kuril meridionali, poiché ci sono le tombe dei loro antenati o risiedono i loro parenti. Ma gli abitanti della Crimea (oltre a quelli delle Isole Kurili del Sud quindi) sono banditi dal visto per il Giappone. ” Dov’è il Giappone, dov’è la Crimea? “, Chiede Putin. E  il ruolo degli Stati Uniti in Giappone continua , quindi il pericolo delle basi americane è impossibile trascurarlo. In breve, questo trattato di pace sarà un processo lungo, molto lungo, perché una serie di questioni fondamentali devono essere affrontate per prime.

È già chiaro che il Giappone ha perso la partita, ma il caso non si ferma qui. Poco dopo, Brylov ha riavviato il dibattito, ricordando che molte agenzie di stampa hanno trasmesso informazioni, tra cui AFP, che gli Stati Uniti avrebbero installato dei sistemi di difesa antimissile nella parte giapponese e non è difficile indovinare quali siano le speranze di un trattato di pace in queste circostanze. Putin conferma che, in effetti, questo è problematico e solleva domande.

Sembra che la Russia abbia interrotto la sua corsa per questo strano trattato di pace – in tempo di pace. Che è una buona notizia!

pubblicità

fonte: Kommersant