IRAQ – Il patriarca Sako conduce una preghiera ecumenica per la pace e la stabilità

Il patriarca Louis Raphael, cardinale Sako, ha condotto una preghiera ecumenica per la pace, la sicurezza e la stabilità in Iraq. L’evento è stato organizzato dal Patriarcato caldeo nella Cattedrale di San Giuseppe a Baghdad lunedì 4 novembre 2019 e ha come tema “O Signore della pace, concedi la nostra pace in Iraq”.

Il programma prevedeva un minuto di silenzio in memoria delle vittime innocenti di manifestanti e forze di sicurezza e anche per il rapido recupero dei feriti. Mentre pregavano, inni, salmi, una lettura del Vangelo di Matteo Beatitudini, canti religiosi, ecc. Fedeli portavano candele e portavano la bandiera irachena.

Alla preghiera hanno partecipato il vescovo Yousif Abba; vescovi ausiliari: Shlemon Warduni, Basilios Yaldo e Robert Saeed Jarjis; Don Alfred Younan; un gruppo di sacerdoti, suore e un grande raduno di fedeli nonostante difficoltà di trasporto e strade chiuse.

Di seguito è riportato l’indirizzo del Patriarca Sako durante la riunione di preghiere ecumeniche:

Cari fratelli e sorelle,

Ci siamo riuniti questa sera per pregare per l’Iraq al fine di uscire dall’attuale crisi, che la vita normale sia completamente recuperata e che sia ripristinata in sovranità, unità, sicurezza, stabilità e ricchezza. I nostri cuori sono “dolenti” per ciò che sta accadendo al nostro paese e ai nostri cittadini, senza eccezioni. Restiamo tutti in piedi per un minuto di silenzio per rendere omaggio alle anime innocenti delle vittime sia dei manifestanti che delle forze di sicurezza. Preghiamo anche per la pronta guarigione dei feriti, affinché il sangue che hanno versato su questa terra “santa” sia motivo di riconciliazione e di radicali cambiamenti positivi.

Questi giovani sono usciti per le strade chiedendo i loro diritti e esprimendo il loro dolore per la carenza di servizi, elettricità, acqua, ecc. La stessa cosa vale per le istituzioni sanitarie ed educative, le strade e l’occupazione. Infatti, chiunque toglie questi diritti fondamentali ai propri cittadini commette un peccato imperdonabile. Non importa come lo si classifichi.

La corruzione e il settarismo sono la causa principale del deterioramento della situazione, che sta dividendo il paese e sta creando conflitti così assurdi. La cosa più terribile è che tutti parlano di questo fenomeno a partire da funzionari del governo, ma nessuno di loro ha il coraggio di sradicare questo “cancro”. È così che le persone perdono fiducia e escono in strada chiedendo i loro diritti “rubati” in modo pacifico. I manifestanti sono riusciti a superare le barriere settarie e ripristinare la loro identità nazionale, che è di per sé un risultato notevole, dal momento che nessuno è più grande dell’Iraq. Questo è ciò che abbiamo visto durante la nostra visita a Tahrir Square nel tardo pomeriggio di sabato 2 novembre 2019, dove eravamo tutti cittadini preoccupati, preoccupati per l’Iraq, siamo rimasti colpiti dal modo in cui i manifestanti si guardano l’un l’altro,

Da qui,  invitiamo i funzionari politici iracheni ad ascoltare il “grido” di protesta delle figlie e figli in uno spirito costruttivo e responsabile. Inoltre, li chiamiamo a rispondere efficacemente con l’umiltà degli uomini coraggiosi per accelerare l’adozione di decisioni appropriate per proteggere l’Iraq, promuovere la sua ‘economia e servizi, dopo il dilemma di povertà, dolore e attesa.

Mentre salutiamo le nostre sorelle e fratelli di tutte le etnie irachene, li invitiamo con grande cura e amore ad esercitare la saggezza per mantenere pacifica la loro protesta, lontano dall’istigazione e da ogni forma di minaccia o violenza. Chiediamo inoltre a tutte le “reti” dei media di enfatizzare la coesione tra i cittadini.

In conclusione, rendiamo un omaggio speciale alle nostre forze di sicurezza, ricordando loro di abbracciare il cammino della loro gente verso un domani più stabile e prospero.

Lun, 04/11/2019

fonte saint-adday.com