Il capo della Banca centrale d’Ungheria chiede l’uscita dall’eurozona

Dal Financial Times   un articolo di Gyorgy Matolcsy, governatore della Banca centrale ungherese. I paesi deboli, se vogliono salvarsi e non affondare ancor di più, devono uscire dall’Euro. Ma c’è ancora chi professa l’europeismo come una religione e nega l’evidenza.

@vietatoparlare

Il capo della Banca centrale ungherese considera l’euro un errore

di Gyorgy Matolcsy

È tempo, finalmente, di uscire dalla trappola chiamata euro. Si ritiene che la creazione dell’euro costituisse il “normale” prossimo passo verso l’unificazione dell’Europa occidentale. Ma una moneta unica europea non è un fenomeno normale in sé, poiché praticamente nessuna delle condizioni preliminari è stata soddisfatta.

Venti anni dopo l’introduzione dell’euro, le basi necessarie per il buon funzionamento della valuta globale – uno stato unico, un bilancio che copre almeno il 15-20% del prodotto interno lordo della zona euro, il ministro delle finanze unico per la zona euro e il corrispondente ministero – sono ancora assenti.

Trappola pericolosa

Poche persone concordano nel riconoscere il vero motivo della decisione avventata di creare una moneta unica: questa trappola è stata istituita dai francesi. Quando la Germania si unì, allora il presidente francese Francois Mitterrand iniziò a temere la crescita dell’influenza tedesca e – [sotto il ricatto dell’appoggio per la riunificazione] – convinse la Germania ad abbandonare il marchio tedesco per evitare l’emergere di un’Europa tedesca. Helmut Kohl, che allora era cancelliere, si arrese, credendo che l’euro sarebbe stato il prezzo per l’unificazione della Germania.

Erano entrambi in errore. Di conseguenza, si formò la Germania europea, non l’Europa tedesca, e l’euro non poté impedire l’emergere di un’altra forte potenza tedesca.

Ma anche i tedeschi caddero nella trappola dell’euro, che si rivelò una cosa  “troppo bella per essere vera”. A causa dell’inclusione delle economie dell’Europa meridionale nella zona euro, il tasso di cambio è sceso così tanto che i tedeschi sono stati in grado di diventare la più forte macchina di esportazione nell’UE a livello globale. E questo li ha fatti calmare. I tedeschi si sono rifiutati di modernizzare la propria infrastruttura e di fare investimenti sufficienti nello sviluppo industriale. Saltarono la rivoluzione digitale, sottovalutarono la Cina e non riuscirono a creare società globali paneuropee. Nello stesso tempo, aziende come Allianz, Deutsche Bank e Bayer fecero inutili tentativi di eludere Wall Street e gli Stati Uniti.

La maggior parte dei paesi della zona euro ha vissuto meglio prima dell’euro. Secondo un’analisi condotta dal Center for European Politics, già nei primi due decenni dell’esistenza dell’euro, c’erano pochi vincitori e molti perdenti. La moneta unica non era necessaria per il successo dello sviluppo dell’Europa fino al 1999 e non ha apportato alcun beneficio alla maggior parte degli Stati membri della zona euro. Durante la crisi finanziaria del 2008 e la crisi economica del 2011-12, la maggior parte dei membri della zona euro è stata colpita duramente, accumulando enormi debiti. L’euro è stato un regalo dubbio.

È ora di svegliarsi

Alexander Lamfaloussi, un economista di origini ungheresi, aveva ragione nel dire che è necessaria una moneta unica per rafforzare i legami tra le potenze europee e proteggere l’UE dall’URSS. C’era un solo inconveniente: la decisione finale di creare l’euro è stata presa a Maastricht nel 1992, quando è crollata l’Unione Sovietica. L’idea di creare una valuta ha perso il suo significato proprio quando è nata.

È ora di svegliarsi da questi sogni vani. Per prima cosa bisogna riconoscere l’evidenza e concordare sul fatto che una moneta unica è diventata una trappola per quasi tutti i membri – per vari motivi – e non una miniera d’oro. Gli stati dell’UE, sia all’interno della zona euro che oltre, devono riconoscere che la creazione dell’euro si è rivelata un errore strategico. L’obiettivo di creare una valuta occidentale globale in grado di competere con il dollaro era una sfida per gli Stati Uniti. Di conseguenza, negli ultimi due decenni l’America ha condotto una guerra aperta e nascosta contro l’UE e la zona euro.

Dobbiamo capire come uscire da questa trappola. Gli europei dovrebbero abbandonare pericolose fantasie sulla creazione di un potere in concorrenza con gli Stati Uniti. È necessario consentire ai membri della zona euro di lasciare la zona di valuta nei prossimi decenni e coloro che rimangono dovrebbero creare una valuta globale più stabile. È meglio celebrare il trentesimo anniversario del Trattato di Maastricht, che ha segnato l’inizio dell’euro, nel 2022, riscrivendo questo patto.

(Traduzione di Vietato Parlare)

JOIN THE DISCUSSION