Gli investimenti e le attività politiche statunitensi vengono svolte diffusamente dalle Ong umanitarie (appositamente appaltate)

L’avanguardia degli USA nel mondo dal volto umano

Gli USA usano lo strumento delle ONG filantropiche come testa di ariete per giustificare la propria presenza in Africa e i propri affari nel sud del mondo. Ad esempio queste organizzazioni ‘umanitarie’ – come la Gates Foundation – avrebbero il compito di facilitare l’ingresso delle multinazionali per far orbitare i paesi africani nella sfera di influenza americana.
Le attività delle Ong – che dovrebbero essere interessate a fornire assistenza indipendente alle popolazioni, sono invece comunemente usate come supporter alla realizzazione dei progetti geopolitici governativi statunitensi.
A  dimostrazione di questo ‘modus operandi’  ecco un breve stralcio tratto da un articolo di  James Carey pubblicato su MintPress News.  Segue un altro da Moon of Alabama che riporta l’appalto di Ong in Siria allo scopo di sfiancare ulteriormente il governo laico di Assad (operando anche nelle aree detenute di al Qaeda).

@vietatoparlare

Investimenti e aiuti statunitensi: in Africa la filantropia è ‘affari’

Per capire meglio come funzionano gli aiuti e gli investimenti statunitensi nelle infrastrutture in Africa, è meglio guardare alle società occidentali che operano come “imprenditori filantropici”. Uno di questi giganti filantropici statunitensi che dominano gli aiuti e lo sviluppo in Africa è il bene noto Bill & Melinda Gates Foundation .

Un primo esempio di come le organizzazioni umanitarie statunitensi operano in Africa è un’iniziativa della Gates Foundation che è stata lanciata a Nairobi, in Kenya, dove la fondazione ha creato una serie di “laboratori di inclusione finanziaria” mediante una partnership con Mastercard. Il progetto Mastercard, lanciato nel 2014, faceva parte del programma ” Servizi finanziari per i poveri ” della Fondazione Gates , inteso a fornire un maggiore accesso alle “opzioni di pagamento digitale” per le persone nel sud del mondo.

Pubblicamente, ciò che questo progetto ha fatto è stato fornire servizi di pagamento elettronico ai cittadini di Nairobi perché la gigante Mastercard per il trattamento dei pagamenti si è sentita in colpa per non averli ancora forniti.

In realtà, ciò che il progetto ha fatto non è stato altro che  proteggere il mercato di Nairobi e gli utenti del sistema Mastercard come clienti per la società, senza che Mastercard dovesse effettivamente rischiare i propri soldi. Mastercard ha persino confermato che questo era il proprio ragionamento in un comunicato stampa emesso all’epoca, secondo il quale la sovvenzione della Gates Foundation avrebbe consentito a Mastercard di accedere a “nuovi mercati che altrimenti sarebbero commercialmente non redditizi” pagando tutti i loro costi per entrare nel mercato.

La Gates Foundation usa la sua influenza per aiutare altri partner aziendali a stipulare contratti anche in Africa. Una di queste società che è una cheerleader personale di Bill Gates è il gigante dell’agricoltura Monsanto, che la Gates Foundation rappresenta come un partner chiave per porre fine alla fame nel mondo. La Monsanto ha la reputazione di sfruttare a proprio vantaggio la vulnerabilità dei paesi bisognosi di aiuti agricoli per schiacciare le reti produttive locali, come ha tentato di fare ad Haiti dopo il terremoto del 2010, che alla fine ha portato alle proteste degli agricoltori, ai quali addirittura la Monsanto ha bruciato i semi .

Questo tipo di proteste che circondano gli effetti della Monsanto sulle economie locali si sono diffuse anche in Africa – un esempio è il Kenya, dove le importazioni di OGM sono state vietate al fine di proteggere l’agricoltura del Kenya. Quando il governo ha cercato di reintrodurre il cibo OGM, tutti i settori della società keniota sono scesi in strada per esprimere la loro opposizione. Da quando ha implementato questo divieto, il Kenya ha subito pressioni  nientemeno che dalla Gates Foundation, che sta spendendo tempo, denaro e capitale politico a nome di Monsanto per invertire il divieto delle importazioni di OGM.

(…) Chiaramente, questo comportamento non è solo limitato alla Gates Foundation, Mastercard, Monsanto o a qualsiasi altra società statunitense. Un altro esempio si è evidenziato l’anno scorso durante le elezioni presidenziali negli Stati Uniti con la Fondazione Clinton , che ha agito  mediante i suoi donatori e i destinatari dei contratti per la ricostruzione e progetti di aiuto.

(…) Queste fondazioni collaborano con tutti, dagli appaltatori della difesa ai despoti stranieri – sono accoppiate di comodo  indiscriminate che dovrebbero indurre chiunque a mettere in discussione quale sia il motore delle motivazioni della loro attività e in che misura le multinazionali responsabili di molti dei problemi del mondo dovrebbero essere considerate attendibili quando si presentano dicendo che vogliono risolverli.

Quanto ci si può fidare di Raytheon, Mastercard, Nokia, Monsanto e simili per investire in risultati a lungo termine nel Sud del mondo? Quando vedi gli attori dietro questi ‘aiuti allo sviluppo’ implementati dagli  Stati Uniti in Africa, è strano che i leader africani cerchino qualsiasi altro partner con cui lavorare? (…)

Investimenti e aiuti statunitensi: in medioriente la filantropia è guerra

Tralascio volutamente la seconda arte del’articolo dedicato all’approccio della  Cina in Africa, che – a mio avviso è un argomento molto complesso  ed andrebbe esaminato in maniera approfondita. Proseguiamo invece sul tema delle ONG USA: una ulteriore conferma dell’utilizzo delle ONG come teste d’ariete per le proprie aggressive politiche, si è avuto pochi giorni fa , quando il governo degli Stati Uniti ha stanziato 75 milioni di dollari a favore di Ong americane con l’aperto scopo di aiutare il governo USA in Siria nelle proprie aggressive politiche in Siria “per rimuovere l’Iran”.

Su questo progetto, dice il notissimo sito ”Moon of Alabama” :

La descrizione del compito è abbastanza interessante in quanto le ONG che alla fine otterranno la sovvenzione dovranno impegnarsi a contrastare uno degli alleati militari della Siria:

Lo scopo di questo avviso di opportunità di finanziamento (NOFO) è di far avanzare i seguenti obiettivi della politica del governo degli Stati Uniti in Siria:

– Garantire la duratura sconfitta dell’ISIS e contrastare l’estremismo violento, compresi altri gruppi estremisti in Siria;
– Raggiungere una soluzione politica al conflitto siriano sotto l’egida della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSCR) 2254; e,
– Porre fine alla presenza di forze e delegati iraniani in Siria .

L’Ufficio del Dipartimento di Stato per gli affari del Vicino Oriente, Coordinamento dell’Ufficio di assistenza (NEA / AC) mira a far avanzare questi obiettivi politici sostenendo i seguenti obiettivi di assistenza:

  • Rafforzare la governance reattiva e credibile e le entità della società civile per servire e rappresentare in modo intelligente le comunità liberate dall’ISIS.
  • Avviare una soluzione politica al conflitto siriano sotto l’egida della risoluzione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSCR) 2254;
  • Contrastare l’estremismo e la disinformazione perpetuate dalle forze iraniane , dalle organizzazioni terroristiche designate e da altri attori maligni attraverso il sostegno agli attori della governance locale e alle organizzazioni della società civile.Il campo operativo per la concessione non è solo il nord-est siriano che le truppe USA attualmente occupano, ma anche il governatorato di Idleb infestato da al-Qaeda e tutte le aree controllate dal governo.

La relativa Descrizione delle opportunità di finanziamento (disponibile attraverso il link sopra) non spiega cosa potrebbe fare una ONG per far avanzare gli obiettivi del governo degli Stati Uniti evidenziati.

I lavori per il progetto triennale dovrebbero iniziare il 1 ° gennaio 2020. Deve essere presentato entro il 2 agosto 2019.

Come possiamo vedere , questo è un esempio di come le Ong USA operino secondo i programmi del governo degli Stati Uniti e come siano direttamente finanziate da Washington per portare avanti gli obiettivi politici in tutto il mondo attraverso  l’attività umanitaria di facciata.

Alla domanda di Moon Alabama che chiede cosa potrebbero fare queste Ong  “per far avanzare gli obiettivi del governo degli Stati Uniti evidenziati” risponderei che basta guardare la Ong ‘White Helmet‘ per capirlo…

@vietatoparlare