Idlib: l’esercito siriano respinge il tentativo di controffensiva dei terroristi

Siria, 1/02/2020

In Siria sono in corso battaglie senza precedenti . L’esercito governativo e i militanti, che usano in modo massiccio forze speciali shahid speciali e attentatori suicidi, stanno subendo pesanti perdite. Da dove viene questo improvviso aggravamento, e in che modo l’esercito siriano lo contrasta – e perché l’evento significa il suicidio collettivo dei jihadisti?

Le truppe del governo siriano hanno lanciato una controffensiva in risposta all’aggressione dei militanti, ha affermato il maggiore generale Yuri Borenkov, capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra. Ha osservato che gli attacchi sono stati effettuati esclusivamente sulle posizioni, attrezzature e gruppi di militanti concentrati nella periferia occidentale di Aleppo, nonché nelle città di Maarat al Numan e Sarakib nella provincia di Idlib.

“I civili e le infrastrutture civili non sono stati colpiti”, ha sottolineato Borenkov, rilevando che anche che anche ONG occidentali lo hanno riconosciuto . Il generale ha anche detto che dal 9 gennaio 211 soldati siriani sono stati uccisi e oltre 300 feriti a seguito di bombardamenti e scontri con militanti. Inoltre, nello stesso periodo, 121 civili sono stati uccisi a causa dei bombardamenti di terroristi e 254 persone sono rimaste ferite.

L’agenzia statale siriana SANA, a sua volta, ha riferito che le forze governative hanno eliminato i terroristi da diverse aree adiacenti alla periferia occidentale di  Aleppo. L’esercito siriano prese il controllo di Rashidin-5, dei depositi di carburante e lubrificanti nelle vicinanze di Marat e del deposito di armi di Khan-Tuman. L’esercito ha lanciato un’offensiva in relazione al bombardamento quotidiano delle aree residenziali di Aleppo da parte di terroristi, che hanno ucciso decine di civili.

Questo è quanto è di dominio pubblico. Ma in effetti, negli ultimi giorni, le battaglie a sud di Aleppo e più ampiamente – quello avvenuto lungo l’intero fianco orientale della “Riserva di Idlib”, ha assunto la natura dimenticata da tempo del massacro, che ha portato a perdite così gravi di truppe governative. Nessuno conta le perdite dei militanti. Inoltre, ciò è fisicamente impossibile a causa dell’uso su larga scala da parte dei jihadisti di attentatori suicidi di  una specie di forze speciali shahid.

Tutto è iniziato con un’importante offensiva da parte dei militanti nella direzione est – verso Aleppo. A tal fine, distaccamenti jihadisti da tutta la provincia si sono riversati nella parte orientale di Idlib sotto il naso dei “posti di osservazioni” turchi. Gli attentatori suicidi usarono attivamente gli esplosivi per sfondare il fronte e riuscirono a far cadere le truppe governative per diversi chilometri in alcune aree.

Alla fine della scorsa settimana, sul fronte orientale sono arrivati ​​ulteriori rinforzi del governo, tra cui le Tigri, la brigata palestinese Liwa al-Quds e parti del Corpo delle guardie rivoluzionarie islamiche. Tre giorni fa, Tutta questa forza, con il supporto delle forze aeree russe, ha lanciato due contrattacchi. Uno direttamente da Aleppo e dai suoi dintorni a ovest, e l’altro – a sud con una direzione generale verso Maarat al-Numan, un importante snodo di trasporti, estremamente importante in termini psicologici. L’operazione si chiamava “Idlib Dawn” (è in un’altra versione della traduzione “Dawn in Idlib”). L’esercito siriano,  sfondando il fronte, avanzò molto rapidamente, circondando Marat al-Numan a sud di al-Dana e a nord di Hamidia.

Nel pomeriggio del 29 gennaio, Maarat al-Numan fu preso e ripulito e il suo presidio jihadista fuggì. È vero, per circa mezza giornata la parte avanzata dei propagandisti jihadisti ha cercato di trasmettere in streaming ai social network dalla città, riportando in preda al panico che gli “Assadisti” sarebbero arrivati ​​e avrebbero ucciso tutti.

Le forze governative raggiunsero Kafr Uma, dove incontrarono una forte resistenza. Continuando l’offensiva a nord di Maarat al-Numan, le forze governative raggiunsero Tel Mardik e le rovine dell’antica città di Eble. Al capoluogo di provincia – Idlib – 20 chilometri a sinistra. In totale, durante l’intero periodo dell ‘”Idlib Dawn”, le truppe governative hanno liberato circa 30 insediamenti.

Più o meno nello stesso periodo, a nord, nella regione di Aleppo , l’esercito siriano (SAA) prese Khan-Tuman – una posizione chiave che ha avuto una forte valenza psicologica   e molto importante dei militanti . Quindi SAA  iniziò metodicamente a circondare il quartiere Rashidin-4 – l’ultima parte formale della città di Aleppo, dove sono rimasti i militanti.

Nel complesso, entro la notte del 29-30 gennaio, il fronte jihadista organizzato nel settore orientale ha cessato di esistere. Vi si formarono enormi buchi , e in alcune aree le truppe governative raggiunsero punti strategici come Sarakib (da quattro a cinque chilometri prima) e l’autostrada Hama – Aleppo.

Si trattava di disposizioni puramente militari, i jihadisti avrebbero dovuto ritirarsi da tutte le posizioni entro 24 ore e cercare una nuova linea più profonda in Idlib. Ma si aggrapparono a diverse posizioni chiave e tentarono persino di riconquistare ciò che era perduto, il che portò a battaglie ravvicinate feroci e molto cruente. Molto probabilmente, una reazione così inattesa e innaturale dei jihadisti è determinata da alcuni motivi politici. Da un punto di vista militare, proprio ora, davanti ai nostri occhi, si stanno suicidando strategicamente e collettivamente.

I jihadisti tentarono un contropiede da ovest su Maarat al-Numan. Ben presto riuscirono a riconquistare alcune delle posizioni a ovest della città e a riconquistare parzialmente Kafr Ruma. Abu Duhur è stato sottoposto al fuoco di missili. Scontri sono stati osservati vicino ai villaggi di Tuvail al-Khalib, Khish e Jisr al-Shugur. Il villaggio di Khan-Subul passò due volte di mano in mano, ma alla fine rimase con le truppe governative. Nella zona a ovest di Aleppo, l’SAA si avvicinò al quartiere Rashidin-4, ma perse un carro armato . Di particolare valore qui è il piccolo villaggio di al-Karrasi, situato sulla collina con lo stesso nome. Questa posizione, come le rovine del quartiere Rashidin-4, è ferocemente detenuta da gruppi jihadisti praticamente circondati.

A questo punto, il tentativo di controffensiva dei militanti si è esaurito.

Apparentemente, non hanno più riserve e tentativi innaturali di mantenere posizioni individuali con l’effettivo crollo del fronte potrebbero portare a un disastro nella prossima giornata  o nei giorni successivi. Sempre se, naturalmente, le forze governative mantengano l’attuale ritmo di offensiva. Grazie a Dio il comando siriano ha rifiutato gli assalti frontali a Rashidin e al-Karrasi e li ha sistematicamente esclusi. A proposito, le truppe governative furono sorprese di trovare un posto di osservazione turco ad ovest di Aleppo, attorno al quale i jihadisti scavarono intorno trincee, usando le truppe turche come scudo.

La mattina presto del 30 gennaio, i dati hanno iniziato a produrre presumibilmente l’occupazione del quartiere Rashidin-4 da parte delle forze governative, ma l’affidabilità di queste informazioni era molto debole. È chiaro che il vicino quartiere di Rashidin-5 (a sud del quarto settore) e la cosiddetta foresta di Assad (rispettivamente a nord) sono occupati. La denuncia di Idlib Dawn è proprio dietro l’angolo.

fonte Yandex