I cacciatori ISIS

Pubblicità

.di Aymenn Jawad Al-Tamimi • 

Durante la guerra civile siriana, è sorto un certo numero di unità che ricevono una sorta di sostegno russo. Una di queste unità è l’ISIS Hunters (Sa’idu Da’esh), su cui esistono poche informazioni concrete. Qui fornirò una breve panoramica dei cacciatori ISIS, attingendo in parte alla testimonianza di qualcuno che conosco nella formazione.

La formazione dei cacciatori ISIS è stata istituita circa due anni fa (cioè all’inizio del 2017), quando il governo siriano e i suoi alleati hanno iniziato la loro maggiore spinta attraverso i deserti orientali verso la provincia di Deir az-Zor. Come suggerisce il nome, il gruppo è stato istituito con l’intenzione di combattere lo Stato islamico in particolare. È importante sottolineare che i cacciatori di ISIS non sono affiliati alla raccolta di formazioni del V Corps istituita con il sostegno e la supervisione dell’esercito russo. Invece, i cacciatori ISIS sono la propria formazione indipendente al di fuori di questo quadro. Inoltre, va notato che i cacciatori ISIS sono una forza volontaria per natura, e servire nella formazione non equivale a svolgere il regolare servizio militare nelle forze armate siriane.

Le reclute per i cacciatori ISIS provengono da una varietà di aree, tra cui la regione costiera, la campagna del nord Hama (ad esempio la città di Suqaylabiyah) e la campagna del sud-est di Hama (ad esempio Salmiya). Tuttavia, il reclutamento nei cacciatori ISIS non è semplicemente aperto a nessuno. Invece, il reclutamento è selettivo a causa della durezza dei corsi di formazione, che richiedono che il combattente abbia familiarità con tutte le specialità di combattimento.

I cacciatori ISIS hanno combattuto nelle seguenti regioni:

– Palmyra
– Deir az-Zor
– Sha’er (regione del campo di gas del deserto di Homs)
– Aqeiberat (campagna di Hama)
– Jazal (regione petrolifera nel deserto di Homs)
– Ghouta (regione di Damasco)
– Le aree desertiche in genere

 

Membri appartenenti ai cacciatori ISIS

 

Nadhim Mikhail Shahada, comandante in campo dei cacciatori ISIS, a Deir az-Zor. Notare lsulla mimetica, la bandiera russa.

Approssimativamente, i cacciatori ISIS hanno almeno 30 “martiri” come combattenti siriani. Un certo numero di questi “martiri” sono stati uccisi nei raid aerei degli Stati Uniti eseguiti nel febbraio 2018  a Deir az-Zor in un attacco che ha coinvolto il conflitto con il governo siriano e i suoi alleati. Anche i russi sono stati uccisi in questo incidente, ma la persona che conosco nei cacciatori ISIS ha rifiutato di fornire ulteriori informazioni al riguardo.

Attualmente, i Cacciatori ISIS stanno svolgendo vari incarichi, ma anche in questo caso non è possibile ottenere ulteriori informazioni sulla natura di questi incarichi.

Pubblicità

fonte: http://www.aymennjawad.org/2019/04/the-isis-hunters