Guerra in Afganistan: per 20 anni l’apparato statale ha mentito al popolo americano

I massimi funzionari militari e civili hanno saputo che la guerra in Afghanistan è stata insanabile e hanno ingannato il pubblico americano per 20 anni”.

Una grande indagine del Washington Post pubblicizzata lunedì conferma esattamente ciò che tutti i movimenti per la pace hanno sempre detto ovvero che “non esiste una soluzione militare in Afghanistan”.

Paul Kawika Martin, direttore senior della politica e degli affari politici di Peace Action, rispondendo a ” The Afghanistan Papers “, scrive: “L’eccellente reportage rivela: non esiste una soluzione militare per l’ #Afghanistan . È tempo di portare a casa truppe, appaltatori, droni, ecc. E investire in soluzioni politiche per la costruzione della pace.”

Il rapporto mostra come alti funzionari delle amministrazioni George W. Bush, Obama e Trump abbiano condotto una campagna deliberata di disinformazione per nascondere il totale fallimento della guerra di 18 anni in Afghanistan.

Il report investigativo bomba del reporter investigativo Craig Whitlock “assomiglia ampiamente ai documenti del Pentagono”, e si basa su oltre 2.000 pagine di appunti tratti da interviste con un’agenzia federale che “mettono in netto rilievo i principali fallimenti della guerra che persistono fino ad oggi” , in difformità dei commenti pubblici dei funzionari “che hanno assicurato gli americani anno dopo anno” dei progressi compiuti nella guerra.

The Post ha anche pubblicato questo video di accompagnamento:

L’articolo ha utilizzato copia dei documenti ottenuti a seguito di una battaglia legale che è durata tre anni e comprendeva due cause legali.

I documenti sono usciti da un progetto dell’Ufficio dell’ispettore generale per la ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR), un’agenzia ora guidata da John Sopko nominato da Obama . Quel progetto, intitolato Lessons Learned , aveva lo scopo di valutare “l’esperienza di ricostruzione degli Stati Uniti in Afghanistan”. Ma la serie di rapporti pubblicati a partire dal 2016 hanno subito gravi omissioni, vale a dire che in quei rapporti sono state omesse “le critiche più dure e più schiette delle interviste” condotte da SIGAR.

Come riportato dal Washinton  Post , gli intervistati, direttamente coinvolti nello sforzo bellico, erano sinceri e credevano che le loro osservazioni [fossero per uso interno] non sarebbero state rese pubbliche. Lo studio ha rivelato che i funzionari hanno continuamente indotto in errore il pubblico americano in merito al successo della guerra, pur coscienti che non esistevano strategie [per migliorare i risultati]: [piuttosto] i loro sforzi alimentavano la corruzione e gli Stati Uniti stavano chiaramente perdendo terreno [in Afganistan], oltre a decine di migliaia di vite e almeno 1 trilione di dollari.

Il documento include trascrizioni e note di oltre 400 intervistatori tra il 2014 e il 2018. SIGAR ha oscurato i nomi di circa l’85% degli intervistati.

“Era impossibile creare buoni risultati” con l’aumento delle truppe, ha detto un funzionario senior senza nome del Consiglio di sicurezza nazionale in un’intervista del 2016. “Abbiamo provato a usare numeri maggiori di truppe addestrati, innalzare i livelli di violenza, affinare il controllo del territorio ma [senza risultati] e nessun [funzionario] ha dipinto un quadro accurato“. Ha ancora aggiunto: “Le valutazioni degli esperti sono state sempre manipolate per la durata della guerra”.

Quel tema era simile alle osservazioni del colonnello dell’esercito Bob Crowley in un’intervista del 2016. I sondaggi, ad esempio, erano totalmente inaffidabili, ma hanno rafforzato il fatto che tutto ciò che stavamo facendo era giusto e siamo diventati un cono gelato auto-leccante”, ha detto Crowley.

Ryan Crocker, che è stato il miglior diplomatico americano a Kabul dal 2011 al 2012, ha dichiarato in un’intervista del 2016: Il nostro progetto più grande realizzato , purtroppo e inavvertitamente, ovviamente, potrebbe essere stato solo lo sviluppo della corruzione di massa”.

I rapporti del Washinton  Post hanno anche utilizzato memo precedentemente classificati noti come “fiocchi di neve” dell’ex capo del Pentagono Donald H. Rumsfeld tra il 2001 e il 2006.

“Non ho visibilità su chi siano i cattivi”, ha detto Rumsfeld in un promemoria del 2003. “Siamo gravemente carenti di intelligenza umana”.

“Prenditi il ​​tempo di leggere ogni parola di questo”, commentatore progressista Krystal Ball ha detto su Twitter della nuova indagine di Whitlock. “Tre amministrazioni ci hanno mentito sull’Afghanistan. Quante vite sono state perse e  fortune spese per niente ??”

Il rappresentante Ro Khanna (D-Calif.) Ha affermato che il testo dei repor erano chiari: “18 anni dopo è tempo di uscire. Adesso.”

Leggi l’ inchiesta completa del Washington Post .

(articolo di Andrea Germano –  Common Dreams )