Gli USA minacciano la Russia: “La nostra più grande preoccupazione è che potremmo abbattere gli aerei russi”

[ad_1]Russia, U.S. War Planes Over Syria: “Greatest Concern Is We Could Shoot Down Russian Aircraft” Says US Lt Col

Di Brandon Turbeville

Pubblicità

Anche se ISIS è stato praticamente sradicato dalla Siria, le tensioni tra gli Stati Uniti e Russia stanno scaldando i cieli siriani. Sebbene gli Stati Uniti abbiano ripetutamente affermato “combattere l’ISIS” come la sola ragione della propria occupazione illegale, successivamente hanno dichiarato che non sarebbero andati via neanche dopo la sconfitta dell’organizzazione terroristica.

A dire il vero, ci sono dei ritardatari dell’ISIS che agiscono ancora sul terreno in Siria e in Iraq, ma sembra che gli Stati Uniti stiano mettendo in atto  ogni cosa che è in loro potere per impedire a questi ‘ritardatari’ di essere distrutti dalle forze russe e siriane. Di conseguenza, ci sono stati una serie di pericolosi fronteggiamenti tra aerei russi e americani nei cieli della Siria orientale. L’incidente più recente ha catturato l’attenzione internazionale.

Come riporta il New York Times ,

 Nell’ultimo mese nella Siria orientale  gli aerei da caccia russi sono volati pericolosamente vicino agli aerei americani   – in uno di questi episodi si è rischiato una collisione . Questo tipo di comportamento –  secondo i funzionari americani –  è diventata la prassi per quando riguarda le violazioni quotidiane della Russia dell’ accordo che separa le forze rivali che agiscono intorno sull’ultima principale sacca di militanti dell’ISIS nel paese.

In un caso, due aerei d’attacco A-10 dell’Aeronautica Militare volanti ad est del fiume Eufrate si sono quasi scontrati frontalmente con un aereo Su-24 russo a soli 300 piedi di distanza – una distanza irrisoria dato che gli aerei si sono incrociati a più di 350 miglia all’ ora. Gli A-10 virarono per evitare l’aereo russo, che – secondo gli USA – avrebbe dovuto volare solo a ovest dell’Eufrate. In altre occasioni, altri aerei russi sono volati a breve distanza o direttamente sulle forze di terra alleate per un massimo di 30 minuti, aumentando le tensioni e il rischio di una sparatoria, hanno detto funzionari americani.

La CNN cita il tenente colonnello Damien Pickart, portavoce del Comando centrale dell’Aeronautica USA, affermando che “la più grande preoccupazione è che potremmo abbattere un aereo russo perché le sue azioni sono viste come una minaccia per le nostre forze aeree o terrestri. . . . Come hanno più volte affermato i leader della coalizione, siamo qui per combattere l’ISIS – non i russi o chiunque altro “.

“Abbiamo visto in tutto da sei a otto incidenti al giorno a fine novembre, dove aerei russi o siriani hanno attraversato il nostro spazio aereo sul lato est del fiume Eufrate”, ha detto Pickart.

Mentre sia la CNN che il New York Times , due media storicamente noti per le ‘fake news’, tentano di ritrarre le mosse russe come una violazione dell’accordo di “de-scalation” tra gli Stati Uniti e la Russia, non c’è accordo sul fatto che la Russia non possa volare a est dell’Eufrate. In realtà, è  piuttosto il contrario. È stata la Russia a dichiarare, sulla base del fatto che l’intera presenza delle forze americane in Siria è illegale, che le forze della coalizione ad ovest dell’Eufrate non sarebbero state più tollerate.

La Russia ha risposto alle accuse formulate dagli Stati Uniti e dai media aziendali occidentali, sottolineando che non è stata la Russia ad agire in modo aggressivo, ma gli Stati Uniti che cercavano di impedire alla Russia di eliminare l’ISIS nella sua interezza.

Come riporta Al-Masdar News ,

Pubblicità

“Un aereo da combattimento americano F-22 ha impedito attivamente alla coppia russa di aerei d’attacco Su-25 di svolgere una missione di combattimento per distruggere la roccaforte di Daesh nella periferia della città di Mayadin nello spazio aereo sopra la sponda occidentale del fiume Eufrate a novembre 23. L’aereo F-22 ha sparato razzi di calore e ha svolto manovre imitando una battaglia aerea “, ha detto oggi il portavoce generale Igor Konashenkov, il portavoce del ministero della Difesa russo.

Il portavoce ha spiegato che la maggior parte dei mancati-incidenti tra aerei americani e russi in Siria e nell’area dell’Eufrate sono collegati ai tentativi di Washington di ostacolare la sconfitta di Daesh.

Nello stesso tempo, ha osservato che “dopo la comparsa di un aereo multifunzionale Su-35S  russo (super-manovrabile), l’aereo militare americano ha fermato le manovre pericolose e si è affrettato a trasferirsi nello spazio aereo iracheno”.

Inoltre, il rappresentante del ministero ha notato che la parte americana non ha dato alcuna risposta al comando russo presso la base aerea di Hmeymim in Siria “riguardo questo e molti altri incidenti nel cielo siriano”.

Nonostante i tentativi di dipingere le mosse della Russia in Siria come “aggressione russa”, è importante capire che l’intera occupazione americana della Siria è illegale e quindi qualsiasi azione intrapresa dall’America – con l’eccezione di quella partire immediatamente – è davvero illegale. A questo punto, qualsiasi conflitto che si dovesse verificare tra gli Stati Uniti e la Russia in Siria, è interamente colpa degli Stati Uniti

 

[ad_2]

Collegamento sorgente: Activist Post