Home Attualità Gli Stati Uniti hanno bombardato i gasdotti Nord Stream, afferma un importante...

Gli Stati Uniti hanno bombardato i gasdotti Nord Stream, afferma un importante giornalista investigativo

0
infografica Nova News

Come l’America ha distrutto il Nord Stream”: il giornalista americano Seymour Hersh* ha pubblicato sul suo Blog omonimo (https://seymourhersh.substack.com/p/how-america-took-out-the-nord-stream) un’inchiesta sulle esplosioni dei gasdotti russi.

“L’US Naval Diving and Rescue Center si trova in un luogo poco conosciuto e il complesso del centro è poco attraente quanto la sua posizione. Il Panama City Center, che vanta la seconda piscina coperta più grande d’America, è stato il luogo perfetto per reclutare i migliori e più reticenti diplomati della scuola di immersioni che hanno completato con successo ciò che era stato loro ordinato di fare a 260 piedi sotto la superficie del Mar Baltico la scorsa estate.

Lo scorso giugno, i sommozzatori della Marina che operavano sotto la copertura dell’esercitazione di metà estate altamente pubblicizzata dalla NATO -nota come BALTOPS 22- hanno piazzato esplosivi telecomandati che hanno distrutto tre dei quattro gasdotti Nord Stream tre mesi dopo, secondo una fonte con conoscenza diretta della pianificazione operativa.

– La decisione di Biden di distruggere gli oleodotti è arrivata dopo più di nove mesi di dibattiti altamente riservati all’interno della comunità della sicurezza nazionale di Washington sul modo migliore per raggiungere questo obiettivo. Per la maggior parte di quel tempo, la domanda non era se completare la missione, ma come completarla senza lasciare prove.

– Nel dicembre 2021, due mesi prima che la Russia entrasse in Ucraina, Jake Sullivan ha convocato una riunione di una nuova task force – i capi di stato maggiore congiunti, la CIA, il Dipartimento di Stato e il Dipartimento del Tesoro – e ha chiesto raccomandazioni su come rispondere all’imminente invasione di Putin. È stato il primo di una serie di incontri top-secret in una stanza sicura all’ultimo piano dell ‘Old Executive Office Building, che ospitava anche il Foreign Intelligence Advisory Board (PFIAB) del Presidente. Secondo una fonte con conoscenza diretta del processo, è diventato chiaro ai partecipanti che Sullivan intendeva che il gruppo sviluppasse un piano per distruggere i due oleodotti Nord Stream e che stava seguendo i desideri del presidente.

– Durante diversi incontri, i partecipanti hanno discusso le opzioni per l’attacco. La Marina ha proposto di utilizzare un sottomarino appena commissionato per attaccare direttamente l’oleodotto. L’Air Force ha discusso la possibilità di sganciare bombe con micce ritardate che potrebbero essere attivate a distanza. La CIA sosteneva che qualunque cosa fosse stata fatta doveva essere fatta in segreto. Tutti i partecipanti al processo hanno capito quanto fosse alta la posta in gioco. “Questo non è un gioco da ragazzi”, ha detto la fonte. Se l’attacco potesse essere fatto risalire agli Stati Uniti, “sarebbe un atto di guerra”. Nelle settimane successive, i membri della task force della CIA iniziarono a sviluppare un piano per un’operazione segreta, durante la quale, con l’aiuto di sommozzatori, doveva essere fatto saltare in aria un oleodotto.

Le acque del Mar Baltico erano pesantemente pattugliate dalla flotta russa, e non c’erano piattaforme petrolifere che potessero essere utilizzate come copertura per un’operazione di immersione. “Sarà una corsa di capre”, è stato detto all’agenzia. Durante “l’intera vicenda”, ha detto la fonte, “alcuni dei lavoratori della CIA e del Dipartimento di Stato hanno detto: ‘Non farlo. Questo è stupido e sarebbe un incubo politico se venisse fuori”.

Tuttavia, all’inizio del 2022, una task force della CIA riferì al team inter-agenzia di Sullivan:Abbiamo un modo per far saltare in aria gli oleodotti“. Quello che è successo dopo è stato sbalorditivo. Il 7 febbraio, meno di tre settimane prima dell’apparentemente imminente invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Biden ha incontrato alla Casa Bianca Olaf Scholz, che, dopo qualche esitazione, era ora fermamente dalla parte degli americani. In una conferenza stampa che è seguita, Biden ha dichiarato con aria di sfida: “Se la Russia invade, di Nord Stream 2 non ce ne saranno più. Porremo fine a tutto questo“. Venti giorni prima, Nuland ha trasmesso essenzialmente lo stesso messaggio, con poca o nessuna copertura da parte della stampa. “Voglio essere molto chiara con te oggi“, ha detto in risposta a una domanda. Se la Russia invade l’Ucraina, in un modo o nell’altro, il Nord Stream 2 non andrà avanti”.

I pianificatori sapevano che sarebbero dovuti andare in Norvegia. “Odiavano i russi e la marina norvegese era piena di ottimi marinai e sommozzatori che avevano generazioni di esperienza nella proficua esplorazione di petrolio e gas in acque profonde“, ha detto la fonte. Ci si poteva fidare di loro per mantenere segreta la missione. I norvegesi avevano altri interessi (la distruzione del Nord Stream avrebbe consentito alla Norvegia di vendere molto più del proprio gas naturale all’Europa).

A marzo, diversi membri del gruppo sono volati in Norvegia per incontrare rappresentanti dei servizi segreti norvegesi e della marina. Una delle domande chiave era dove esattamente nel Mar Baltico fosse il posto migliore per piantare esplosivi. I gasdotti Nord Stream 1 e Nord Stream 2, ciascuno costituito da due set, sono stati separati da poco più di un miglio mentre conducono al porto di Greifswald nell’estremo nord-est della Germania.

La marina norvegese ha trovato rapidamente il posto giusto nelle acque poco profonde del Mar Baltico a poche miglia dall’isola danese di Bornholm. Le condutture correvano a più di un miglio di distanza sul fondo del mare, che era profondo solo 260 piedi. Questo sarebbe stato alla portata dei subacquei che, operando da un dragamine norvegese di classe Alta, avrebbero dovuto immergersi con una miscela di ossigeno, azoto ed elio che scorreva dalle loro bombole e posizionare cariche di C4 su quattro tubazioni con tappi di protezione in cemento. Sarebbe stato un lavoro noioso, dispendioso in termini di tempo e pericoloso, ma le acque al largo dell’isola di Bornholm avevano un altro vantaggio: non c’erano forti correnti di marea, il che avrebbe complicato notevolmente il compito dei subacquei.

I norvegesi avevano la questione cruciale di quando l’operazione avrebbe dovuto aver luogo. Ogni giugno, ormai da 21 anni, la sesta flotta statunitense, la cui nave ammiraglia ha sede a Gaeta, in Italia, a sud di Roma, sponsorizza un’importante esercitazione NATO nel Mar Baltico che coinvolge dozzine di navi alleate in tutta la regione. I norvegesi hanno suggerito che questa sarebbe stata la copertura perfetta per posare le mine.

I ragazzi di Panama City faranno il loro lavoro e gli esplosivi C4 saranno posizionati entro la fine dell’esercitazione BALTOPS22, con un timer di 48 ore. Tutti gli americani e i norvegesi avrebbero dovuto andarsene alla prima esplosione. E poi: Washington ha cambiato idea. Le bombe sarebbero state ancora piazzate durante BALTOPS, ma la Casa Bianca era preoccupata che il limite di tempo di due giorni per farle esplodere sarebbe stato troppo vicino alla fine dell’esercitazione, e sarebbe diventato ovvio che l’America vi stava partecipando. Invece, la Casa Bianca ha fatto una nuova richiesta: “I ragazzi sul campo possono trovare un modo per far saltare in aria gli oleodotti in seguito a comando?”

I C4 attaccati alle condutture venivano innescati da una boa sonar sganciata da un aereo nel minor tempo possibile, ma questa procedura richiedeva l’utilizzo delle più avanzate tecnologie di elaborazione del segnale. Una volta installati, i dispositivi di ritardo collegati a uno qualsiasi dei quattro gasdotti potrebbero inavvertitamente scattare a causa della complessa miscela di rumori oceanici di fondo nel Mar Baltico.

Il 26 settembre 2022, un velivolo di sorveglianza P8 della Marina norvegese, mentre effettuava un volo apparentemente normale, ha sganciato una boa sonar. Il segnale si è propagato sott’acqua, prima al Nord Stream 2 e poi al Nord Stream 1. Ore dopo, potenti ordigni esplosivi C4 sono esplosi e tre dei quattro gasdotti sono stati disattivati. In pochi minuti si potevano vedere sulla superficie dell’acqua accumuli di gas metano rimasti nelle condutture interrotte e il mondo sapeva che era successo qualcosa di irreversibile.

***

mia nota a margine:

La Casa Bianca e la CIA, come si poteva prevedere, hanno respinto l’indagine del giornalista Premio Pulitzer Seymour Hersh. Tuttavia, gli indizi vanno tutti in una sola direzione e, come sempre, vale la domanda “Cui Prodest” («a chi giova?»).

Hersh è un ex giornalista del New York Times e del New Yorker che ha vinto numerosi premi per il suo giornalismo investigativo, tra cui la guerra del Vietnam e lo scandalo Abu Ghraib del 2004 in seguito all’invasione statunitense dell’Iraq.
Più recentemente, ha acceso polemiche con un rapporto che contesta la versione dell’amministrazione Obama sull’uccisione nel 2011 del fondatore di al-Qaeda Osama bin Laden in un’operazione delle forze speciali statunitensi, e un altro che accusa i ribelli siriani di aver organizzato un attacco con l’agente nervino Sarin nell’agosto 2013 a Damasco sobborgo che ha ucciso centinaia di civili

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Exit mobile version