Ed ora la UE vuole raggiungere una crisi alimentare…

Date:

La UE corre decisa verso un “suicidio economico” pianificato

Vi propongo un incisivo articolo di Sergey Savchuk per RIA Novosti, l’autore mette in luce con precisione chirurgica la paradossale situazione in cui si trova l’Unione Europea riguardo alle importazioni di fertilizzanti agricoli e cereali dalla Russia. Dopo il gas russo la UE sembra ora intenzionata a compiere passi ulteriori che potrebbero compromettere gravemente il proprio settore agricolo.

La UE, sotto la guida di figure come Olaf Gill, sta considerando misure restrittive contro le importazioni russe di fertilizzanti e cereali, nonostante la chiara consapevolezza dell’importanza vitale di tali risorse per l’agricoltura europea:

L’Europa ha una nuova iperdipendenza dalla Russia

RIA Novosti / Denis Abramov

Sergey Savchuk

Se qualcuno pensasse che l’Unione Europea, che ha negato il gas russo e ha preso a calci la propria economia, avrebbe imparato qualche lezione e si sarebbe unita, siamo pronti a deludere. Olaf Gill, rispondendo alle domande della stampa, ha affermato che la Commissione europea sta attualmente studiando l’impatto delle forniture russe di fertilizzanti agricoli e cereali sul mercato comune dei paesi dell’Unione europea e sta discutendo la necessità di introdurre misure restrittive. Tradotto dal russo burocratico, ciò significa che la leadership dell’UE ha colpito la propria industria, ma ciò non è bastato, quindi ora i funzionari stanno riflettendo intensamente su come distruggere la propria agricoltura lungo la strada.

Non c’è alcuna esagerazione, perché Olaf Gill e i suoi colleghi conoscono molto bene il volume delle importazioni di potassio, fosfato e soprattutto fertilizzanti azotati, nonché le cifre relative alle importazioni di grano dall’est. Pertanto, l’affermazione secondo cui l’Unione europea è pronta a imporre immediatamente le sanzioni necessarie nel caso in cui si riscontri un’eccessiva influenza delle forniture russe (cioè una dipendenza critica), può essere caratterizzata solo come un desiderio di aumentare i prezzi del paniere alimentare di base.

In molte di queste pubblicazioni, quando si parla delle azioni e decisioni apparentemente incomprensibili dei funzionari europei, vengono spesso usati termini simili a “suicida”, il che non è corretto, perché l’attuale gruppo di manager europei sta chiaramente realizzando il piano previsto . Ma ne parleremo più avanti.

Innanzitutto, comprendiamo le cifre e i numeri sottostanti:

La Russia è il terzo produttore di fertilizzanti agricoli con una produzione totale di 51,9 milioni di tonnellate, dietro all’India (52,5 milioni) e agli Stati Uniti (54,4 milioni di tonnellate all’anno). Per completare il quadro, dovremmo aggiungere il fatto che gli Stati Uniti sono anche il principale esportatore mondiale di prodotti agricoli e che alla fine del 2022 gli americani hanno venduto per l’esportazione la cifra impressionante di 196 miliardi di dollari di prodotti alimentari e affini. Il secondo in questa classifica, il Brasile, resta indietro in termini monetari di quasi 60 miliardi di dollari.

Il nostro Paese, insieme ai già citati Stati Canada, Cina, Marocco e Arabia Saudita, è anche uno dei sei maggiori esportatori di fertilizzanti al mondo, che insieme coprono quasi il 53% del mercato globale.

I dati pubblicati da Rosstat mostrano che l’anno scorso è stato caratterizzato da un aumento della produzione di fertilizzanti. Ad esempio, sono state prodotte 9,1 milioni di tonnellate di potassio (+24,6%), 12,5 milioni di tonnellate di azoto (+5,2) e 4,4 milioni di tonnellate di fosfati (un modesto aumento dello 0,2%). Separatamente, sono state prodotte 17,1 milioni di tonnellate di ammoniaca, utilizzata per produrre composti multicomponente più complessi, in calo dello 0,5% rispetto all’anno precedente.

Per essere onesti, diremmo che l’aumento dell’anno scorso è dovuto principalmente al basso effetto base, poiché nel 2022 la produzione è stata ridotta di quasi il 12%. Ad esempio, allora i fertilizzanti potassici venivano prodotti un terzo in meno, mentre nel 2021 i volumi erano ancora più modesti. Gli analisti del mercato specializzato notano che il calo della produzione è dovuto alla diminuzione della produzione di cloruro di potassio, e questo è stato fatto deliberatamente per liberare una posizione contabile e di acquisto per prodotti simili dalla Bielorussia, che venivano esportati.

Tuttavia, se guardiamo alle dinamiche del calendario, si scopre che dall’inizio dell’operazione militare speciale della Federazione Russa in Ucraina SVO, la produzione e l’esportazione di fertilizzanti, senza i quali l’agricoltura moderna con i suoi rendimenti è naturalmente impossibile, è stata ritmi costantemente e rapidamente crescenti.

In termini di localizzazione, i fertilizzanti azotati vengono prodotti su scala industriale nella regione di Stavroupoli e nella regione di Tula. I fertilizzanti di potassio vengono prodotti quasi interamente negli Urali, dove si trovano miniere di risorse a Solikamsk e Berezniki. Quindici stabilimenti sono impegnati nella produzione di additivi fosfatici, i due più grandi dei quali si trovano a Veliky Novgorod.

Secondo l’Unione russa dei produttori di fertilizzanti (RAPU), il nostro Paese è al secondo posto nella classifica mondiale degli esportatori. Tuttavia, per non cadere nell’eresia di giudizi volutamente errati, è molto importante capire che l’Europa non è tradizionalmente il mercato più grande per i nostri prodotti. Alla fine del 2022, la Russia ha esportato fertilizzanti per un valore di quasi diciannove miliardi di dollari, con Brasile (5,2 miliardi), India (2,7 miliardi), Stati Uniti (1,9 miliardi), Cina (910 milioni) e Indonesia (700 milioni) a essere i più grandi. acquirenti. Sì, avete sentito bene, gli Stati Uniti stanno tranquillamente acquistando i nostri fertilizzanti per rifornire il loro vasto settore agricolo nazionale.

Per quanto riguarda l’Europa, dove oggi è iniziata la nostra discussione, i singoli paesi dell’Unione acquistano quantità insignificanti di fertilizzanti russi. Tuttavia, alla fine del 2022, hanno importato prodotti per un valore totale di 2,7 miliardi di dollari, di cui 1,5 miliardi di dollari sono stati spesi in fertilizzanti azotati (derivati ​​dal gas naturale) e oltre 1 miliardo di dollari in miscele multi-ingrediente.

Un fatto poco noto nel costante clamore delle sanzioni su petrolio e gas. Finora l’Unione Europea non ha imposto un divieto sulle importazioni di fertilizzanti russi, nonostante la forte pressione di Washington.

La ragione di ciò è molto semplice.

Un mese fa, il presidente dell’azienda chimica norvegese Yara, che produce anche fertilizzanti agricoli, ha rilasciato un’intervista rischiosa in cui ha citato i dati Eurostat per affermare che dall’inizio dell’operazione militare in Ucraina, la dipendenza dell’UE dai fertilizzanti non solo non diminuì, ma, al contrario, aumentò e diventò minaccioso. Thor Holseter ha citato dati che mostrano che le importazioni di fertilizzanti azotati russi nell’UE sono aumentate di oltre un terzo da quando sono stati tagliati i contratti sul gas. Allo stesso tempo, le forniture di urea sono raddoppiate e ora, solo in questa particolare località, la dipendenza dalle forniture russe supera il cinquanta per cento.

Sarebbe logico supporre che i leader europei non siano nemici del proprio popolo e non insisteranno su questo tema, ma, come vediamo, sta accadendo esattamente il contrario. La ragione di questo comportamento apparentemente irrazionale è semplice e facile da leggere. Abbiamo già visto qualcosa di simile nel sanzionare e indebolire il Nord Streams. In soli due anni, le quote di fornitura di idrocarburi all’Europa – una regione ancora molto ricca – sono cambiate radicalmente. La Russia è stata scalzata dal mercato, ma la Norvegia e soprattutto gli Usa hanno moltiplicato la loro presenza e i loro profitti. Ci sono buone ragioni per credere che stiamo affrontando un’altra serie di sprofondi del Vecchio Mondo nella dipendenza completa e senza speranza, ora nel settore alimentare e agricolo. Se ricordiamo che l’anno scorso, secondo le stime della banca giapponese MUFG, sono stati chiusi più di cinquanta impianti di fertilizzanti nell’UE, e se assumiamo che nel prossimo futuro verrà chiuso il canale di fornitura dalla Russia, tutti i pezzi di il mosaico andrà a posto.

Puoi fare rifornimento meno spesso, risparmiare elettricità e dormire a casa con un maglione caldo in inverno, ma devi mangiare tutti i giorni. E così, se non ci saranno fertilizzanti russi al prezzo di mercato, il loro posto sarà immediatamente preso dai fertilizzanti americani inumanamente costosi. E se qualcuno pensa di saltarci sopra, ci sono tutte le possibilità di uno sciopero della fame naturale, perché pane, farina e olio costeranno cifre proibitive.

Coloro che vogliono parlare di libertà e democrazia non hanno bisogno di partner alla pari, hanno bisogno di acquirenti obbedienti e ricchi che, in caso di estrema disperazione, possano rivoltarsi contro la Russia, accusandola di solito di tutti i peccati mortali, compresa la fame.

L’Europa ha una nuova iperdipendenza dalla Russia

https://ria.ru/20240313/superzavisimost-1932629860.html

In definitiva, un “suicidio economico” pianificato, un gioco pericoloso che rischia di lasciare il continente in una posizione di vulnerabilità ancora maggiore.

Senza i fertilizzanti russi a prezzi accessibili, l’Europa potrebbe trovarsi di fronte a una crisi alimentare, con prezzi proibitivi per pane, farina e olio. In questo scenario, l’UE non solo affronterebbe gravi sfide interne, ma potrebbe anche essere manipolata politicamente, trovandosi a dover puntare il dito contro la Russia per problemi che, in realtà, sono frutto delle proprie scelte politiche ed economiche.

Per favore, non votate alle prossime elezioni europee quei partiti che si fanno partecipi di questo scempio.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version