Home Attualità Crux: “In Nigeria un cristiano ucciso ogni due ore”

Crux: “In Nigeria un cristiano ucciso ogni due ore”

0
NIGERIA - FREE FOTO PEXEL - Photo by Emmanuel Ikwuegbu: https://www.pexels.com/photo/students-with-hands-raised-8948347/

Nel seguente testo di Crux, i vescovi cattolici della Nigeria esprimono profonda preoccupazione riguardo alla crescente instabilità nel loro paese. Essi denunciano la diffusa violenza, i sequestri a scopo di riscatto e la persecuzione dei cristiani, compresi i sacerdoti cattolici, evidenziando la situazione critica in Nigeria, accompagnata da sfide economiche e mancanza di trasparenza politica.

YAOUNDÈ, Camerun – I vescovi cattolici nella nazione più popolosa dell’Africa hanno avvertito che la Nigeria è stata effettivamente presa dal potere di insorti, milizie e bande criminali, con i cristiani, compresi i sacerdoti cattolici, tra le vittime più frequenti.

Alla fine del loro Secondo Meeting Plenario, svoltosi in un hotel nella zona della capitale di Abuja dal 7 al 15 settembre, i vescovi hanno condannato la diffusa violenza e il caos in Nigeria, una situazione che, secondo loro, è aggravata da crescente incertezza economica e mancanza di trasparenza politica.

Sul fronte della sicurezza, i vescovi hanno dichiarato che l’insicurezza “rimane un problema persistente nel nostro paese, poiché insorti, milizie di pastori, banditi e così detti ‘uomini armati sconosciuti’ continuano a seminare il terrore in diverse parti del paese”.

Il termine “uomini armati sconosciuti” si riferisce al linguaggio spesso usato dalla polizia e dagli ufficiali di sicurezza per descrivere aggressioni violente quando i perpetratori non vengono identificati o arrestati.

I sequestri a scopo di riscatto continuano“, hanno dichiarato i vescovi, con il clero cattolico particolarmente preso di mira. L’ultimo sacerdote rapito è stato il padre Marcellinus Obioma Okide, rapito il 17 settembre ma liberato quattro giorni dopo.

Alcuni rapporti suggeriscono che la diocesi di Obioma a Enugu abbia pagato un riscatto non specificato per garantire il suo rilascio, anche se le autorità non hanno confermato tali affermazioni. In generale, il rapimento a scopo di riscatto è diventato una fonte importante di guadagno per molti gruppi armati della Nigeria.

Secondo la società di ricerca globale SB Morgan Intelligence, nel 2022 sono stati rapiti 30 sacerdoti cattolici, mentre almeno 39 sono stati uccisi.

Con un cristiano ucciso ogni due ore per la sua fede, la Nigeria ha la poco invidiabile distinzione di essere il più grande persecutore di cristiani al mondo, secondo il watchdog sulla persecuzione cristiana Open Doors.

Nel 2021, “Più cristiani sono stati uccisi per la loro fede in Nigeria che in qualsiasi altro paese”, secondo il gruppo. Sono stati registrati oltre 4.650 vittime, ovvero più dell’80 percento di tutte le vittime cristiane nel mondo. I nigeriani hanno rappresentato anche 4.726 dei 5.259 cristiani rapiti nel 2022.

I vescovi nigeriani si sono lamentati che molte comunità del paese sono state prese di mira dai criminali.

“Il risultato è che molti [persone] hanno abbandonato le loro case, i loro terreni agricoli, i negozi, le attività commerciali e altre fonti di sostentamento“, hanno detto nella loro comunicazione del 15 settembre.

“Il numero di sfollati interni nel nostro paese continua a crescere, con molti bambini che non vanno a scuola, diventando così facili prede dei trafficanti di esseri umani. Questa situazione è stata aggravata dagli incessanti ordini di stare a casa nel Sud-Est emessi da attori non statali. Molti hanno perso la vita per non aver aderito a tali direttive illegali”.

Il riferimento era agli ordini emessi dai gruppi insorti nella parte meridionale della Nigeria, principalmente nelle aree dell’ex Biafra che cercavano di dichiarare l’indipendenza durante una cruenta guerra civile dal 1967 al 1970, per cui i cittadini dovevano rimanere a casa durante periodi specifici per esercitare pressioni sul governo affinché accettasse le richieste dei gruppi.

I religiosi hanno detto che omicidi e sequestri sono stati perpetrati da elementi criminali con diversi livelli di sofisticazione, con i terroristi che si rivolgono sempre più a bersagli facili “con i sacerdoti cattolici in mente”.

Il sangue degli innocenti continua a gridare a Dio per vendetta, come quello di Abele”, hanno avvertito i vescovi.

Hanno accusato l’apparato di sicurezza del paese di voltare le spalle mentre i cristiani sono presi di mira per l’eliminazione.

“L’incapacità del governo di affrontare il problema dell’omicidio dei sacerdoti ha contribuito ulteriormente a incoraggiare altri criminali a fare lo stesso“, hanno detto.

“Coloro coinvolti dovrebbero essere identificati. Non sono spiriti, ma esseri umani. Se il sistema di sicurezza è sufficientemente proattivo, avrebbe dovuto essere in grado di scoprire gli assassini finora. Il governo ha la responsabilità di guidare nel trattare in modo risoluto gli autori di queste atrocità, che ora servono da motivazione per commettere più crimini”.

Hanno detto che il governo federale è pienamente responsabile degli omicidi, perché ha “perso la capacità di frenare le varie cartelle di uomini armati che ora terrorizzano diversi luoghi, in particolare nel Nord, senza impedimenti”. Hanno chiesto una ridisegnazione della strategia esistente per arginare l’insicurezza.

A contribuire all’aumento dell’insicurezza si aggiunge quella che i vescovi hanno descritto come “un’economia fallimentare e in peggioramento” che ha sottoposto i nigeriani a “una vita di povertà, fame, difficoltà e sofferenza”.

Il World Poverty Clock afferma che 71 milioni di nigeriani vivono in povertà estrema, e l’anno scorso l’Ufficio nazionale di statistica del paese ha dichiarato che il 63 percento della popolazione di 133 milioni di persone è “povero multidimensionale”.

La Banca Mondiale prevede che tra il 2019 e il 2025 il numero di nigeriani che vivono al di sotto della linea di povertà nazionale aumenterà.

By Ngala Killian Chimtom – Crux
Sep 27, 2023 – Africa Correspondent

*****

Considerazioni

E’ da notare che, paradossalmente, la Nigeria è ricca di diverse risorse naturali, ed è uno dei paesi più ricchi di risorse in Africa. Alcune delle principali risorse includono:

Petrolio: La Nigeria è uno dei principali produttori di petrolio in Africa e uno dei principali esportatori di petrolio al mondo. L’industria petrolifera rappresenta una parte significativa dell’economia nigeriana.

Gas naturale: Oltre al petrolio, la Nigeria possiede ampie riserve di gas naturale. L’estrazione e l’esportazione di gas naturale sono anch’esse importanti fonti di reddito per il paese.

Minerali: La Nigeria è ricca di vari minerali, tra cui carbone, ferro, stagno, piombo, zinco, oro e bauxite. Tuttavia, lo sfruttamento di queste risorse non è stato pienamente sviluppato.

Agricoltura: Il paese ha terreni fertili e un clima adatto all’agricoltura. Le principali colture includono il cacao, l’olio di palma, l’arachide, il mais, il riso e il cotone.

Risorse idriche: La Nigeria dispone di numerosi fiumi e bacini idrografici, il che fornisce risorse idriche per l’irrigazione, la produzione di energia idroelettrica e altre attività.

Risorse umane: La Nigeria ha una vasta popolazione giovane e una forza lavoro diversificata, il che rappresenta un potenziale significativo per lo sviluppo economico.

E’ emblematico che in Nigeria il maggior problema è le compagnie petrolifere internazionali che hanno un’importante presenza in Nigeria e sono coinvolte nell’estrazione e nell’esportazione del petrolio e del gas naturale del paese. Queste società spesso hanno un impatto significativo sull’ambiente e sulle comunità locali.
E’ incredibile che questo paese sia tra i primi cinque o sei produttori mondiali di petrolio e che si trovi in queste condizioni.

Nonostante le abbondanti risorse, la Nigeria è afflitta da una situazione che CRUX attribuisce principalmente alla povertà. In effetti, dati di luglio 2023 rivelano che ben il 78% dei suoi 210 milioni di abitanti vive con meno di 1 dollaro al giorno.

Le radici di questa problematica affondano nella cattiva gestione delle entrate derivanti dalle risorse naturali, diffusa corruzione, instabilità politica e crescente insicurezza. Tuttavia, un interessante articolo di Ngala Killian Chimtom suggerisce un punto di vista contrastante, sostenendo che il terrorismo e la corruzione siano conseguenza, piuttosto che causa, della povertà del paese.

In sintesi, la Nigeria, nonostante le sue ricchezze potenziali, lotta con una complessa interazione di fattori, tra cui la gestione inadeguata delle risorse e la povertà endemica, che hanno contribuito a una serie di sfide socioeconomiche e politiche.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Exit mobile version