Chelsea Manning si è sempre rifiutata di consegnare Assange alla nuova inquisizione

Pubblicità

Il governo degli Stati Uniti, determinato a estradare e accusare Julian Assange per spionaggio, deve trovare un modo per separare ciò che Assange e WikiLeaks hanno fatto pubblicando i documenti classificati che Chelsea Manning [Chelsea Elizabeth Manning è un’attivista ed ex militare statunitense. Accusata di aver trafugato decine di migliaia di documenti riservati mentre svolgeva il suo incarico di analista di intelligence durante le operazioni militari in Iraq, e di averli consegnati all’organizzazione WikiLeaks, è stata arrestata, imputata di svariati reati contro la sicurezza nazionale, e detenuta in condizioni considerate lesive dei diritti umani – Wikipedia] ha dato a Wikipeaks e che il New York Times e il Washington Post hanno pubblicato.

Nessuna legge federale proibisce alla stampa di pubblicare segreti di stato. Tuttavia, rubarli è un crimine. Questo è il problema della lunga persecuzione di Manning, che è stata rimandata in prigione l’8 marzo per aver rifiutato di testimoniare davanti a un gran giurì.

Se Manning, un ex soldato dell’esercito, ammette di aver ricevuto istruzioni da WikiLeaks e Assange su come ottenere e trasmettere il materiale trapelato che ha rivelato crimini di guerra degli Stati Uniti in Afghanistan  e Iraq, l’editore potrebbe essere processato per il furto di documenti classificati. Le accuse contro gli informatori del governo sono state accelerate dall’amministrazione Obama, che, sotto lo Spionage Act, ha accusato otto persone di aver diffuso documenti riservati tramite i media: Thomas Drake, Shamai Leibowitz, Stephen Kim, Manning, Donald Sachtleben , Jeffrey Sterling, John Kiriakou e Edward Snowden. Quando Donald Trump salì al potere, il legame vitale tra i giornalisti investigativi e le fonti governative fu rotto.

Manning, che ha lavorato come analista di intelligence militare in Iraq nel 2009, ha fornito a Wikileaks oltre 500.000 documenti copiati da archivi militari e governativi, tra cui riprese video di un ” omicidio collaterale ” ovvero il video di un  elicottero militare che uccideva un gruppo di civili disarmati, tra cui due giornalisti della Reuters.

Pubblicità
[Manning] è  stata arrestata nel 2010 e dichiarata colpevole nel 2013.

La campagna per criminalizzare i whistleblowers [[Il termine whistleblower identifica un individuo che denuncia pubblicamente o riferisce alle autorità attività illecite o fraudolente all’interno del governo, di un’organizzazione pubblica o privata o di un’azienda]  ha avuto l’effetto di limitare coloro che hanno le competenze o l’accesso necessari per hackerare o ottenere in altro modo documenti elettronici governativi, come Manning e Edward Snowden nella divulgazione di menzogne, frodi e crimini del governo.

Questo è il motivo per cui gli hacker, e coloro che pubblicano i loro documenti come Assange e WikiLeaks, sono perseguitati senza sosta. L’obiettivo dello stato è di mantenere il funzionamento interno del potere, specialmente quelle attività che – nel più grande segreto –  violano la legge.

Questo obiettivo è già molto avanzato. L’incapacità di organizzazioni giornalistiche come il New York Times e il Washington Post di difendere vigorosamente Manning e Assange torneranno presto a perseguitarli. Lo stato non intende fermarsi a Manning e Assange. L’obiettivo è la stampa stessa.

“Se avessimo avuto giustizia vera e una stampa indipendente, Manning sarebbe stata la testimone dell’accusa dei criminali di guerra che ha aiutato a denunciare ” , scrissi dopo che Cornel West e io avevamo assistito alla condanna di Manning nel 2013 a Fort Meade. Non sarebbe stato portata, legata e incatenata nella prigione militare di Fort Leavenworth.

Pubblicità

La sua testimonianza avrebbe fatto in modo che coloro che conducono una guerra illegale, torturano, mentono al pubblico, custodiscono le nostre comunicazioni elettroniche e ordinano l’uccisione di civili inermi in Iraq, Afghanistan, Pakistan e Yemen fossero inviati nelle celle di Fort Leavenworth.

Se avessimo una giustizia degna di questo nome, le centinaia di stupri e omicidi – che Manning ha reso pubblici – sarebbero stati indagati. Funzionari e generali che ci hanno mentito che non hanno tenuto un registro di civili morti sarebbero stati ritenuti responsabili per 109.032 “morti violente” in Iraq, compresi quelli di 66.081 civili. [Come testimonia] il video “Murder Collateral”.

Manning ha sempre insistito sul fatto che la sua fuga di documenti e video classificati fosse motivata solo dalla sua stessa coscienza. Si è rifiutata di coinvolgere Assange e WikiLeaks.

All’inizio di questo mese, sebbene il presidente Barack Obama avesse commutato la sua condanna a 35 anni nel 2010 dopo aver scontato sette anni di carcere, è stata nuovamente incarcerata per aver rifiutato di rispondere alle domande di fronte a un gran giurì segreto che indaga su Assange e WikiLeaks.

Pubblicità

Nella sua precedente incarcerazione, Manning ha sopportato lunghi periodi di isolamento e torture. Ha provato due volte a suicidarsi in prigione. Lei sa per esperienza dolorosa gli innumerevoli modi in cui il sistema può spezzarti psicologicamente e fisicamente. Eppure lei rifiuta categoricamente di dare false testimonianze in tribunale al governo contro Assange che si trovava [fino a ieri] nell’  Ambasciata dell’Ecuador a Londra , dove si è rifugiato dal 2012.

Manning – il cui nome era Bradley Manning nell’esercito – ha subito un’operazione di cambio di sesso e ha bisogno di assistenza medica. Il giudice Claude M. Hilton, tuttavia, respinse una richiesta di arresti domiciliari fatta dai suoi avvocati. Manning ottenne l’immunità dei pubblici ministeri nel distretto orientale della Virginia e, poiché godeva dell’immunità, non fu in grado di invocare la protezione del quinto emendamento contro l’auto-incriminazione o di essere rappresentata dal suo avvocato.

Il giudice l’accusò di oltraggio alla corte e la mandò a un’istituzione federale ad Alessandria, in Virginia. Hilton, che è stato a lungo un servitore dell’esercito e dell’intelligence, ha promesso di tenerla in custodia fino a quando non accetterà di testimoniare o il gran giurì sarà sciolto, che potrebbe significare 18 mesi o più dietro le sbarre. Manning ha detto che qualsiasi esame di giuria è una violazione dei diritti di 1 °, 4 ° e 6 ° Emendamento. Ha detto che non avrebbe collaborato con il gran giurì.

” Tutte le domande sostanziali riguardavano le mie rivelazioni al pubblico nel 2010 – risposte che ho fornito come parte di una lunga testimonianza a una corte marziale nel 2013 ” , ha detto. 7 marzo, il giorno prima della sua incarcerazione.

Pubblicità

” Non rispetterò questo, né alcun altro gran giurì” , ha detto in seguito in una dichiarazione rilasciata in prigione. ” Il fatto di imprigionarmi per essermi rifiutato di rispondere alle domande mi rende soggetto a ulteriori punizioni per le mie ripetute obiezioni etiche al sistema del gran giurì “.

” Le domande del grand jury riguardavano le rivelazioni di nove anni fa e si sono svolte sei anni dopo un’indagine approfondita, in cui ho testimoniato per quasi un giorno intero su questi eventi ,” per questo lei continua a dire che si attiene alla sua precedente testimonianza pubblica .

Manning ha ribadito che ” non parteciperà a un processo segreto a cui sono moralmente contrario, in particolare un processo che è stato storicamente usato per intrappolare e perseguitare gli attivisti a fini politici protetti “.

Il New York Times , il quotidiano britannico The Guardian , il quotidiano spagnolo El País , il quotidiano francese Le Monde e il quotidiano tedesco Der Spiegel hanno tutti i documenti WikiLeaks pubblicati da Manning. Come avrebbero potuto ottenerli diversamente? WikiLeaks li ha umiliati nell’aver fatto il loro lavoro. Ma una volta ricevuti i documenti incendiari da Manning e Assange, queste organizzazioni li hanno abbandonati senza pietà.

[Ora] Senza dubbio pensano che unendosi al linciaggio organizzato contro i due, saranno risparmiati. Non devono sapere nulla della storia. Quello che sta accadendo è una serie di misure progressive volte a strangolare la stampa e creare una versione americana del capitalismo totalitario cinese. Il presidente Trump ha spesso proclamato la sua profonda animosità per le agenzie di stampa come il New York Times e il Washington Post , chiamandole nemici del popolo . Tutti gli strumenti legali forniti all’amministrazione per chiudere questi organi di informazione, o almeno per svuotarli del loro contenuto, saranno usati con entusiasmo dal presidente.

Le azioni legali contro gli informatori governativi ai sensi dello Spying Act, intercettazioni senza mandato, monitoraggio delle comunicazioni americane e persecuzione di Manning e Assange fanno parte di un processo interdipendente volto a impedire a chiunque di tra di noi di conoscere il funzionamento dell’apparato statale. Il segreto che ne risulta è vitale per i sistemi totalitari. Le élite del mondo, la loro ideologia dominante del neoliberismo esposta come una truffa, sono stanche di essere scrutate e messe in discussione da abusi, saccheggi e crimini.

“Lo stato di sicurezza nazionale può cercare di ridurre le nostre attività ” , mi ha detto Assange durante uno dei nostri incontri all’ambasciata di Londra. ‘Può stringere ancora il collo. Ma tre forze sono contrarie. Il primo è la massiccia sorveglianza necessaria per proteggere le sue comunicazioni, inclusa la natura della sua crittologia. Nell’esercito, tutti ora hanno una carta d’identità con un piccolo chip, quindi sai chi è collegato e a cosa. Un sistema così grande è soggetto a usura.

In secondo luogo, vi è una conoscenza diffusa non solo su come eliminare le attrezzature, ma anche su come far uscire dati e non farsi prendere, e persino come evitare il sospetto di fughe. I sistemi militari e di intelligence raccolgono una grande quantità di informazioni e le trasmettono rapidamente. Ciò significa che puoi anche diffonderle rapidamente. Ci saranno sempre persone nel sistema che vorranno sfidare l’autorità. Sì, ci sono deterrenti generali, ad esempio quando il Ministero della giustizia sta perseguendo e incriminando qualcuno. Possono scoraggiare le persone dall’andare in quella direzione. Ma è anche vero il contrario. Quando questo comportamento ha successo, diventa un esempio. Incoraggia gli altri. Ecco perché vogliono eliminare tutti quelli che danno questo esempio. ‘

” La prospettiva a medio termine è molto buona “, ha affermato. ” L’educazione dei giovani viene svolta su Internet. Non puoi assumere qualcuno competente in nessun campo senza essere istruito su Internet. I militari, la CIA, l’FBI, non hanno altra scelta che assumere persone che sono state addestrate su Internet. Il che significa che stanno assumendo le nostre future fonti in gran numero. Ciò significa che queste organizzazioni vedranno diminuire la loro capacità di controllare le informazioni man mano che sempre più persone con i nostri valori vengono assunte “.

Sul lungo termine non è così ottimista. Assange, insieme a tre coautori – Jacob Appelbaum, Andy Müller-Maguhn e Jérémie Zimmermann – hanno scritto un libro intitolato ” Cypherpunks: Freedom and the Future of Internet. ‘Egli avverte che stiamo galoppando verso una nuova distopia transnazionale ‘. Internet è diventato non solo uno strumento educativo, ma anche un meccanismo per creare una “distopia di sorveglianza postmodernache è sovranazionale e dominata dal potere globale del business. Questo nuovo sistema di controllo globale ” unificherà l’umanità globale in un’unica rete di sorveglianza e controllo di massa “.

” Tutte le comunicazioni saranno monitorate, registrate continuamente, seguite continuamente, ogni individuo in tutte le sue interazioni sarà identificato, per tutta la sua vita “, dice Assange nel libro. ‘ Penso che possa solo produrre un’atmosfera molto restrittiva ‘.

‘ Come può una persona normale essere libera in un tale sistema? chiede. ‘[Lui o lei] non può, è impossibile .’

È solo attraverso la crittografia che possiamo proteggerci, affermano gli autori, e solo rompendo i muri digitali di segretezza eretti dal potere dell’élite possiamo denunciare abusi di potere. Ma alla fine, dicono, man mano che gli strumenti di stato diventano più sofisticati, anche questi meccanismi di opposizione saranno difficili, se non impossibili da usare.

” Internet, il nostro più grande strumento di emancipazione “, ha scritto Assange, ” è diventato il facilitatore più pericoloso del totalitarismo che abbiamo mai visto. “

Ecco dove stiamo andando. Alcuni resistono. Assange e Manning sono due. Quelli che rimangono passivi mentre sono perseguitati saranno i prossimi.

Chris HEDGES
Giornalista, vincitore del premio Pulitzer

FONTE: The Grand Soir (https://www.legrandsoir.info/chelsea-manning-et-la-nouvelle-inquisition-truthdig.html)