Centinaia di terroristi stranieri sono entrati in Siria nei giorni scorsi

Oltre 1.500 terroristi stranieri sono entrati in #Idlib dalla #Turchia

Pubblicità

Centinaia di terroristi stranieri sono entrati in #Siria nei giorni scorsi, sotto la supervisione di un mediatore turco e con la collaborazione delle forze di gendarmeria turca, riferiscono fonti locali a Idlib, mercoledì.

“Un gran numero di terroristi stranieri si sono aperti la strada verso Idlib dai passaggi di Sarmada, Atmeh e Bab al-Salam nei ultimi giorni e si sono uniti alle truppe di Tahrir Hay’at al-Sham (il Levant Liberation Board o Al-Nusra Front) e ai gruppi terroristici Horras al-Din”, le fonti sono state citate dal sito web in lingua araba di Sputnik.

Secondo il rapporto, 1.500 terroristi stranieri, provenienti da stati occidentali, asiatici e arabi, sono arrivati ​​a Idlib dalla Turchia domenica e lunedì mentre erano nascosti nei veicoli portacontainer.

Secondo quanto riferito alla fine del mese scorso, Ankara stava integrando i gruppi terroristici nelle regioni occupate da loro nella Siria settentrionale, hanno detto le fonti, aggiungendo che la mossa contraddice gli impegni della Turchia nell’ambito dell’accordo di Sochi.

Il quotidiano al-Watan di lingua araba della Siria ha citato fonti vicine ai terroristi che affermano che i militari turchi e i servizi segreti hanno promesso ai capibanda di Ahrar al-Sham, quello che è rimasto dal Nour al-Din Zinki e del gruppo terrorista cosiddetto Fronte di Liberazione Nazionale (NLF) che verranno uniti insieme a Tahrir al-Sham nell’ambito di un’organizzazione militare.

Hanno aggiunto che la Turchia aveva anche promesso loro di creare un parlamento e un governo autonomo dopo la dissoluzione di Tahrir al-Sham nei territori occupati dai militanti, aggiungendo che Faylaq al-Sham che è stato recentemente affiancato da altri 18 gruppi terroristici nel nord dell’Iblib e Aleppo occidentale avrebbe dovuto essere il ramo politico della nuova organizzazione e Tahrir al-Sham si sarebbe preso la responsabilità per la sua ala militare.

Gli esperti militari hanno avvertito che le misure della Turchia erano contro l’accordo di Sochi per stabilire una zona smilitarizzata nella Siria settentrionale e le promesse del presidente turco al suo omologo russo nell’ultima riunione di Mosca, aggiungendo che la mossa di Ankara ha lasciato l’esercito siriano con il unica opzione di purificare Tahrir al-Sham dalla zona demilitarizzata.

Pubblicità

Rapporti simili del mese scorso hanno anche detto che i terroristi di Tahrir al-Sham stavano perseguendo il nuovo scenario per istituire una nuova organizzazione militare integrata a Idlib dopo che il gruppo terroristico ha esteso la sua presenza nella provincia in cooperazione con la Turchia.

“I terroristi del Fronte di liberazione nazionale (NFL) affiliati all’esercito turco saranno presto dissolti a Tahrir al-Sham mentre i gruppi militanti hanno acconsentito di formare una struttura militare integrata”, in lingua araba chiamata Enab Baladi, affiliata ai militanti ha citato una fonte vicina all’esercito libero siriano sostenuto da Ankara (FSA).

La fonte ha osservato che lo scenario è iniziato dopo il dominio di Tahrir al-Sham sulla maggior parte delle regioni di Idlib.

La fonte ha detto che secondo il piano, la provincia di Idlib sarà divisa in due sezioni in termini politici e militari; i terroristi di Faylaq al-Sham, sostenuti da Ankara, si faranno carico degli affari politici e Tahrir al-Sham rappresenterà l’ala militare.

Il leader di Tahrir al-Sham, Abu Mohammad Al Julani, aveva precedentemente chiesto di creare una formazione militare integrata nella provincia di Idlib, con la collaborazione di tutti i gruppi terroristici, dopo aver espresso pieno sostegno per l’assalto della Turchia ai militanti curdi.

Tahrir al-Sham, che gode del sostegno di Ankara, ha recentemente ottenuto il controllo di oltre 9.000 chilometri quadrati di terre nelle province di Aleppo, Lattakia e Idlib.

Fars News
………………………………………………………………………………

Over 1,500 Foreign Terrorists Enter Idlib from Turkey

Pubblicità

Hundreds of foreign terrorists have entered Syria in the past few days under the supervision of a Turkish mediator and with collaboration of the country’s gendarme forces, local sources in Idlib reported on Wednesday.

“A large number of foreign militants have opened their way into Idlib from Sarmada, Atmeh and Bab al-Salam passageway in the past 48 hours and joined the troops of Tahrir al-Sham Hay’at (the Levant Liberation Board or the Al-Nusra Front) and Horras al-Din terrorist groups,” the sources were quoted by the Arabic-language website of Sputnik as saying.

According to the report, 1,500 foreign terrorists, from Western, East Asian and Arab states, arrived in Idlib from Turkey on Sunday and Monday midnights while they had been hidden in container vehicles.

Relevant reports said late last month that Ankara was integrating the terrorist groups in regions occupied by them in Northern Syria, sources said, adding that the move contradicts Turkey’s undertakings under the Sochi agreement.

Syria’s Arabic-language al-Watan newspaper quoted sources close to the terrorists as saying that the Turkish military and intelligence officials have promised the ringleaders of Ahrar al-Sham, Nour al-Din Zinki and the so-called National Liberation Front (NLF) terrorist groups that they would merge them along with Tahrir al-Sham within the framework of a military organization.

They added that Turkey had also promised them to set up a parliament and an autonomous government after dissolution of Tahrir al-Sham in territories occupied by the militants, adding that Faylaq al-Sham which has recently been joined by 18 other terrorist groups in Northern Idlib and Western Aleppo was due to be the political branch of the new organization and Tahrir al-Sham would take the responsibility for its military wing.

The military experts warned that Turkey’s measures were against the Sochi agreement to establish a demilitarized zone in Northern Syria and the Turkish president’s promises to his Russian counterpart in the last week meeting in Moscow, adding that the move by Ankara has left the Syrian army with the only option of cleansing Tahrir al-Sham from the demilitarized zone.

Similar reports last month also said that the terrorists of Tahrir al-Sham were pursuing the new scenario to establish a new integrated military organization in Idlib after the terrorist group extended its presence in the province in cooperation with Turkey.

“The terrorists of the National Liberation Front (NFL) affiliated to the Turkish Army will soon be dissolved in Tahrir al-Sham as the militant groups have agreed to form an integrated military structure,” the Arabic-language Enab Baladi affiliated to militants quoted a source close to Ankara-backed Free Syrian Army (FSA) as saying.

The source noted that the scenario started after Tahrir al-Sham’s dominance over most of Idlib’s regions.

He said that according to the plan, Idlib province will be divided into two sections in political and military terms; the Ankara-backed Faylaq al-Sham terrorists will take charge of the political affairs and Tahrir al-Sham will represent the military wing.

Tahrir al-Sham leader Abu Mohammad Julani had previously called for setting up integrated military formation in Idlib province with the partnership of all terrorist groups once again, after he voiced full support for Turkey’s assault on Kurdish militants.

Tahrir al-Sham, enjoying Ankara’s support, has recently gained control over 9,000 square kilometers of lands in Aleppo, Lattakia and Idlib provinces.

Fars News