C’è qualche dubbio che ISIS stia tornando a tormentare l’UE?

Il 28 febbraio, il presidente degli Stati Uniti seduto Donald Trump, mentre stava facendo un discorso pubblico davanti ai membri del servizio nella base di Joint Elmendorf-Richardson in Alaska, ha annunciato che il Pentagono è riuscito a recuperare il 100% del territorio che era controllato dall’ISIS in Medio Oriente. È interessante notare che questa non era la prima volta che l’amministrazione Trump sosteneva  che avrebbe assicurato una vittoria completa su questa organizzazione terroristica, come avrebbe annunciato su Twitter lo scorso dicembre che l’ISIS era tutto, ma completamente sconfitto da Washington. Un anno prima, durante la firma dell’atto di autorizzazione alla difesa nazionale, il presidente degli Stati Uniti seduto si sarebbe anche vantato di una vittoria totale e completa sul terrorismo che Washington riuscì ad assicurarsi in Siria e in Iraq.

Tuttavia, le affermazioni trionfanti del cosiddetto leader del mondo libero vengono confutate dall’alleato di Washington sul terreno, le cosiddette forze democratiche siriane che hanno annunciato all’inizio di questo mese che un attacco terroristico apparentemente è stato messo in scena dall’ISIS in Siria ha causato la morte di cinque militari americani insieme a undici altri militanti della SDF nel corso dell’attacco terroristico nel Majib in Siria.

È ugualmente curioso che l’attuale Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, abbia recentemente annunciato che l’ISIS rappresenta ancora una vera minaccia per la comunità internazionale durante il discorso tenuto durante la riunione dei ministri degli esteri della cosiddetta coalizione globale per sconfiggere l’ISIS in Washington lo scorso febbraio.

Inoltre, il capo del comando delle operazioni speciali statunitensi, Raymond Thomas, ha rivelato che era troppo presto per parlare della totale sconfitta militare su ISIS alla recente udienza del Congresso. Inoltre, alla recente conferenza sulla sicurezza di Monaco, Alex Younger, il capo del servizio segreto di intelligence britannico (MI6) ha annunciato che:

“La sconfitta militare del ‘califfato’ non rappresenta la fine della minaccia terroristica. Lo vediamo quindi trasformare, diffondendosi … all’interno della Siria ma anche esternamente … “

Allo stesso modo, parlando allo stesso evento, il ministro della Difesa tedesco Ursula Gertrud von der Leyen ha annunciato che l’ISIS continuerà ad agire in modo sommerso e continuerà a creare cellule dormienti in tutta l’UE.

È sicuro che tutta l’Europa è preoccupata per il possibile ritorno dei combattenti jihadisti dalla Siria, poiché l’ISIS si è rivelato davvero efficace nel reclutare cittadini europei nelle sue fila. Stranamente un professore associato dell’Università di Karlstad, Tobias Hubinette paragonerebbe i  militanti dell’ISIS che tornano dal Medio Oriente ai soldati delle SS svedesi che sono tornati a casa in gran parte impuniti dopo la seconda guerra mondiale.

Non c’è dubbio che gli europei hanno tutte le ragioni per essere preoccupati per i resti di ISIS che operano all’interno dei confini dell’UE, in particolare sullo sfondo delle affermazioni di Trump secondo cui gli alleati di Washington devono riprendere i combattenti jihadisti originati dall’UE per consentire le unità SDF liberarsi dalla maggior parte dei prigionieri che hanno preso nel corso delle loro operazioni. Teoricamente, quei combattenti jihadisti devono affrontare la giustizia nel paese di origine, ma non esiste un quadro preciso per garantire che lo facciano.

Va sottolineato che la maggior parte dei militanti radicali che stavano tentando di abbattere il legittimo governo siriano vengono citati in Occidente come combattenti dell’ISIS, tuttavia, questa etichetta può essere fuorviante. Si deve ricordare che inizialmente il cosiddetto Stato islamico dell’Iraq e della Siria era composto dai più stretti collaboratori del leader iracheno caduto Saddam Hussein che si era dichiarato canaglia dopo un intervento militare statunitense in Iraq. La parte migliore dei gruppi iniziali era composta da ex ufficiali dell’intelligence militare e da specialisti, che ricevettero un vasto addestramento militare prima di unirsi a questo gruppo radicale. Prima della sconfitta dell’ISIS, un certo numero di agenzie di intelligence americane avrebbero mantenuto uno stretto contatto con molti di quei combattenti; ciò permise a Washington di perseguire i suoi obiettivi in ​​Siria senza intervenire direttamente nel conflitto militare che sarebbe spesso descritto dal MSM come una “guerra civile”.

Il coinvolgimento di Washington nelle attività di questi gruppi terroristici divenne evidente quando il Pentagono annunciò la sua decisione di rilasciare dalle proprie prigioni i capi militari dell’ISIS, alcuni dei quali avevano una storia di assistenza agli Stati Uniti nel perseguire i suoi dubbi obiettivi in ​​tutto il Medio Oriente. Non sorprende che anche le agenzie di intelligence israeliane abbiano contribuito al rafforzamento dell’ISIS. Formando e armando questo gruppo terroristico, Tel Aviv proverebbe a creare una forza che potrebbe rappresentare una vera minaccia per Teheran. Nel tentativo di aiutare Washington nel suo tentativo di rovesciare il legittimo presidente siriano,

Ci sono molte prove che testimoniano il coinvolgimento di Stati Uniti e Unione Europea nella formazione e nel rafforzamento dell’ISIS, dal momento che nessun gruppo terrorista può esistere senza finanziamenti e linee di rifornimento che forniscano armi e rinforzi. Questo fatto è stato recentemente sottolineato da Thierry Meyssan nel suo articolo intitolato  “Jihadismo e alto tradimento”.

Tra le ragioni per cui l’Occidente ha scelto di sostenere i movimenti radicali del Medio Oriente nella fase della loro formazione e delle operazioni iniziali contro i paesi che Washington percepisce come potenzialmente ostili era il desiderio di inviare teste calde dalla sua popolazione in qualche luogo lontano dove questo ribelli avrebbero trovato la propria fine. In sostanza, nessuno ha mai considerato la possibilità che sopravvivessero all’assalto siriano e a ritornare poi a casa. Anche se la maggior parte dei cittadini europei all’interno dei ranghi dell’ISIS si è spostata in Libia, Marocco, Pakistan e Afghanistan dopo aver affrontato una sconfitta in Siria, come è stato rilevato da Europol, l’UE è ancora in preda al panico per la possibilità di affrontare un costante attacco di attacchi terroristici messo in scena dai suoi ex cittadini. Ha già affrontato una serie di attacchi terroristici e non sembra che possa sopportarne altri. In particolare, solo la Francia ha subito un totale di 36 attacchi messi in scena da varie branche dell’ISIS, che hanno provocato la scomparsa precoce di un totale di 327 persone e portato a 1376 persone ferite.

Secondo i rapporti pubblicati nel 2017 dalla Commissione europea, oltre 5.000 cittadini europei si sono uniti all’ISIS. Alcuni di loro incontrarono la loro morte sul campo di battaglia, ma circa il 30% di loro tornò a casa. Pertanto, quando si vedono la maggior parte degli europei in uno stato di panico in questi giorni, non è certo ingiustificato dato che quei combattenti jihadisti che si sono infiltrati nella società europea hanno ricevuto una notevole quantità di addestramento prima di tornare a casa.

Il pericolo di quei militanti malati di casa che possono costringere le autorità europee a rimpiangere le decisioni prese in passato, è stato evidenziato nella recente relazione del rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite.

Non è un segreto che ISIS si stia trasformando in una rete canaglia che sta andando sottoterra nel tentativo di garantirne la sopravvivenza. Pertanto, sarà sempre più difficile per le forze dell’ordine monitorare le operazioni di finanziamento, logistica, militare e di intelligence.

Pertanto, le dichiarazioni machiste che il presidente degli Stati Uniti in carica continua a fare riguardo alla completa e totale sconfitta dell’ISIS dovrebbero essere prese con un granello di sale. Non è certo un segreto per nessuno che Washington abbia svolto un ruolo chiave nella creazione di vari gruppi radicali, tra cui Al-Qaeda e ISIS, il che significa che sarebbe riluttante a metterli a riposo anche quando iniziano a rappresentare una grave minaccia per la comunità internazionale.

Quei gruppi, che erano percepiti come uno strumento di intimidazione contro i cosiddetti stati revisionisti, cioè Russia, Cina, Iraq e Siria, non sono altro che una vera minaccia per molti attori internazionali. E non c’è dubbio che Washington giocherà questa minaccia a proprio vantaggio ogni volta che deciderà che è ora di dare una lezione ai propri alleati. Questa volta però  non accadrà: Donald Trump ha detto all’UE che deve  riprendersi un totale di 800 combattenti dell’ISIS catturati in Siria da forze sostenute dagli Stati Uniti e portarli sotto processo a casa.

Martin Berger è un giornalista freelance e analista geopolitico, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook. ”  

Source link

Facebook Comments