Afrin Post , un media network che raccoglie e diffonde notizie su Afrin, riferisce che 200 combattenti uzbeki hanno rinforzato le forze filoturche ad Afrin.

Al fine di rafforzare le linee di contatto nei villaggi del sottodistretto di Sherawa, le autorità turche hanno portato circa 200 combattenti uzbeki da Idlib, dopo che una serie di operazioni in quei villaggi hanno inflitto perdite ai ranghi delle forze turche e alle milizie dei Fratelli Musulmani.

Il nostro corrispondente ha riferito che fonti attendibili hanno affermato che la milizia delle “Unità speciali” affiliata alla milizia “Faylaq al-Sham” guidata da Abdullah Halawa ha iniziato a portare circa 200 jihadisti “uzbeki” nei villaggi del distretto di Sherawa.

Il corrispondente ha aggiunto che questo passaggio è stato effettuato sotto la supervisione e la benedizione della Turchia, secondo cui elementi dei jihadisti uzbeki che si uniranno al gruppo terroristico terrorista Hayat Tahrir al-Sham (Jabhat al-Nusra) saranno schierati nei villaggi della regione di Afrin, e che la fase attuale include i villaggi della linea di contatto con le aree controllate dal regime nel sottodistretto di Sherawa.

Il corrispondente ha indicato che la seconda fase sarà nel sottodistretto di Jenderes / Jindrêsê e nei suoi villaggi, e per quanto riguarda il sottodistretto Shiyê / Sheikh Al-Hadid, è sotto il controllo della milizia “Suleiman Shah” conosciuta come Al- Amshat, le cui origini sono turkmene.

La mossa della Turchia è arrivata dopo una serie di numerose scoperte e operazioni specifiche hanno causato grandi perdite tra le forze turche e le milizie dei Fratelli Musulmani ad essa affiliate, e sembra che l’obiettivo sia isolare la regione di Afrin rafforzando le aree di contatto con elementi jihadisti e consolidando il processo di cambiamento demografico, poiché i militanti stranieri accompagneranno le loro famiglie con loro.

Arriva anche dopo un’enorme esplosione in un deposito di munizioni appartenente a una fazione chiamata “Al-Uzbeki” che opera sotto la supervisione di Hayat Tahrir al-Sham, che ha provocato 15 morti e oltre 20 feriti.

Ankara ha deliberatamente perseguito la sua politica di intervento in Siria e applicato il cambiamento demografico facendo affidamento sui popoli turchi, quindi l’inizio è stato affidarsi ai turkmeni di Siria e fabbricare una causa turkmena in Siria e facilitare l’arrivo degli uiguri (Turkestan), così come sugli uzbeki che discendono da diverse razze, ma la maggior parte di loro sono di origine turca e parlano la lingua uzbeka, che ha molti dialetti ed è della famiglia della lingua turca (il ramo occidentale).

Il 9 febbraio 2021 Abdullah Halawa ha pubblicato su Twitter l’annuncio della costituzione di una nuova milizia denominata “Unità speciali”, e ne ha annunciato lo slogan in turco, come affermazione di fedeltà ad Ankara. Poi Halawa si è unito alla milizia “Faylaq al-Sham”.

Uzbeki in Siria :

Salah al-Din al-Uzbeki è arrivato in Siria alla fine del 2012 e ha formato un battaglione che ha operato in coordinamento con Ahrar al-Sham, e aveva combattuto in Afghanistan per diversi anni contro l’Unione Sovietica.

Quanto al censimento degli uzbeki in Siria, il presidente del consiglio di amministrazione dei musulmani dell’Uzbekistan, il mufti della repubblica, Osman Khan Alimov, ha annunciato l’11 / 6/2019 che circa tremila uzbeki si sono uniti alle fila delle organizzazioni terroristiche in Siria e Iraq.

Gli uzbeki sono noti come gruppi salafiti fedeli ai talebani, alleati con altre organizzazioni jihadiste in Siria come al-Nusra e Ahrar al-Sham, e una delle fazioni più importanti che hanno formato è la “Brigata Imam al-Bukhari” fondata di “Abu Muhammad al-Uzbeki” nel 2013, e il suo successore è Salah al-Din, l’Uzbeko, e la “Brigata Tawhid e Jihad”. L’organizzazione pro-Al Qaeda è stata fondata nel dicembre 2014 e comprende membri di origine uzbeka ed è guidata da Serageldin Mukhtarov, noto come Abu Salah al-Uzbeki, e ha una suite per i media, chiamata “Paradise Lovers”.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.